Amedeo Baldizzone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amedeo Baldizzone
Baldizzone Amedo.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Carriera
Giovanili
Atalanta Atalanta
Squadre di club1
1977-1979 Atalanta Atalanta 2 (0)
1979-1980 Forli Forlì 30 (0)
1980-1981 Atalanta Atalanta 36 (0)
1981-1983 Cagliari Cagliari 9 (0)
1983-1984 Piacenza Piacenza 0 (0)
Carriera da allenatore
1994-1995 600px Nero Bianco e Giallo.svg Zingonia
1996-1998 600px Giallo e Blu.png Orio
1999-2000 600px Giallo e Blu.png Orio
2002-2008 Bianco e Rosso.svg Casazza Giovanili
2008 AlbinoLeffe AlbinoLeffe Esordienti
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Amedeo Baldizzone (Genova, 2 maggio 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Cresce calcisticamente nell'Atalanta[1] con cui esordisce in serie A il 1º aprile 1979, nella sconfitta casalinga contro l'Inter.

Dopo 2 presenze nella massima serie, passa per un anno in prestito al Forlì in Serie C1. Tornato all'Atalanta nella stagione 1980-1981, gioca 36 partite in Serie B, ma la formazione orobica a fine stagione retrocede in Serie C1. Viene quindi acquistato dal Cagliari, che gli offre l'opportunità di giocare ancora nel massimo campionato italiano. Disputa 9 partite nel campionato di Serie A 1981-1982 prima di subire un gravissimo infortunio al ginocchio nel novembre 1981[2][3].

Dopo l'infortunio subisce tre interventi chirurgici[2], ma non riesce a tornare in campo, nonostante un trasferimento in Serie C2 al Piacenza[4], e a 25 anni conclude la sua carriera[2].

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Terminata forzatamente l'attività agonistica, diventa allenatore nelle scuole calcio e nelle serie inferiori del Bergamasco[2]. Nella stagione 1994-1995 guida lo Zingonia alla promozione in Seconda Categoria[5]; due anni dopo si ripete alla guida dell'Orio[5] che guida anche nella stagione successiva in Seconda Categoria. Alla fine di quest'ultima stagione (1997-1998) lascia l'Orio per farci ritorno due anni dopo (1999-2000) in Prima Categoria, dove però non riesce a salvare la squadra che retrocede in Seconda Categoria. Nel 2002 entra nello staff tecnico del Casazza Calcio, sempre in provincia di Bergamo[2]. Nel 2008 passa sulla panchina degli Esordienti Regionali dell'Albinoleffe[2], rimanendovi fino a dicembre[6], e nel gennaio successivo si trasferisce a Barcellona dove apre un'attività di ristorazione[6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 1979, pag.176
  2. ^ a b c d e f Football 100%, dicembre 2008, pag.3
  3. ^ Doppi ex Atalanta-Cagliari, tante le storie parallele Tuttomercatoweb.com
  4. ^ Rosa 1983-1984 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ a b Annuario degli allenatori di calcio, Fondazione Museo del Calcio, febbraio 1998, pag.451
  6. ^ a b Zanica – Barcellona solo andata Albinoleffe.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]