Ambligonite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ambligonite
Mineral Ambligonita GDFL032.jpg
Classificazione Strunz VII/B.02-30
Formula chimica (Li,Na)Al(PO4)(F,OH)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino  
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 1
Gruppo spaziale P1
Proprietà fisiche
Densità   g/cm³
Durezza (Mohs)  
Sfaldatura  
Frattura  
Colore  
Lucentezza  
Opacità  
Striscio  
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La ambligonite è un minerale appartenente al gruppo omonimo.

Il nome di questo minerale, scoperto in Sassonia (Germania), deriva dall'unione di due vocaboli greci, amblys e gonia, e fa riferimento alla presenza di angoli smussati nei suoi cristalli.

Gli esemplari più apprezzati sono quelli che presentano cristalli ben sviluppati e trasparenti, anche se scarsi. È molto frequente trovare l'ambligonite in masse amorfe, granulose e compatte, aggregate alle parti di pegmatiti ricche di fosforo e litio. Solitamente i cristalli sono prismatici o tabulari, anche se spesso hanno facce poco definite e, in alcune occasioni, formano degli aggregati.

Il colore dell'ambligonite di solito è bianco o crema e raramente si trovano esemplari incolore, gialli, verdi, azzurri, rosa o grigi. Altri minerali come l'albite, il quarzo, l'elbaite, il topazio o la cassiterite, generalmente si trovano insieme all'ambligonite formando, quindi, delle bellissime miscele cromatiche.

L'ambligonite si può trovare generalmente in Brasile, in Arizona o California, in Canada, in Svezia, in Francia e nel Myanmar.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia