Amar Shonar Bangla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Rabindranath Tagore è l'autore del testo dell'inno nazionale bengalese
Aiuto
Amar Shonar Bangla (Strumentale) (info file)
Inno nazionale bengalese

Amar Shonar Bangla (Mio Bengala dorato) (Bangla: আমার সোনার বাংলা) è una canzone scritta nel 1905 dal poeta bengalese Rabindranath Tagore, Premio Nobel nel 1913. Le prime dieci righe della canzone sono state adottate nel 1972 come inno nazionale del Bangladesh.

Il termine Shonar significa letteralmente "fatto d'oro", ma, nel testo, Shonar Bangla rappresenta sia la preziosità del Bengala (Bangla) sia un riferimento al colore dorato delle risaie prima del raccolto.

Il brano è stato scritto nel 1906 durante il periodo di Bangabhanga (Bôngobhôngo - dal 1905 al 1911) in cui il governo britannico tentò una divisione della Provincia del Bengala in due metà, su base religiosa (Bengala Occidentale, a maggioranza Indù, e Bengala Orientale, a maggioranza islamica). Questa canzone fa parte di un più ampio corpus di testi di ispirazione nazionalista sorti in quel periodo per ravvivare lo spirito unitario della nazione bengalese.

La musica fu trascritta dalla nipote di Tagore, Indira Devi, dopo averla ascoltata direttamente dallo scrittore. Si dice che la musica di questa canzone sia stata ispirata dalla canzone "Kothay Pabo Tare" (Bangla: কোথায় পাবো তারে) del cantante Baul Harkara Gagan.

Le prime 10 righe di questa canzone costituiscono dal 1972 l'inno nazionale del Bangladesh. La traduzione inglese è stata fatta dallo studioso bengalese Syed Ali Ihsan.


Inno nazionale[modifica | modifica sorgente]

Inno nazionale in Bangla Pronuncia Traduzione Inglese Traduzione Italiana
Prima strofa

আমার সোনার বাংলা
আমি তোমায় ভালবাসি।

Amar sonar Bangla
Ami tomae valobasi.

My beloved Bengal
I love you.

Mio amato Bengala
Ti amo.

Seconda strofa

চিরদিন তোমার আকাশ,
তোমার বাতাস
আমার প্রাণে বাজায় বাঁশি।

Cirodin tomar akas,
Tomar batas,
Amar prane bazae basi.

Forever your skies,
Your air set my heart in tune
As if it were a flute.

Per sempre i tuoi cieli,
La tua aria, riempiono di armonia il mio cuore
Come fosse un flauto.

Terza strofa

ও মা,
ফাগুনে তোর আমের বনে
ঘ্রানে পাগল করে--
মরি হায়, হায় রে!
ও মা,
অঘ্রানে তোর ভরা খেতে,
আমি কি দেখেছি মধুর হাসি।।

O ma,
Fagune tor amer bone
Grane pagol kore,
Mori hae, hae re,
O ma,
Ograne tor bora chete
Ami ki decheci modur hasi.

In spring, O mother mine,
The fragrance from your mango groves
Makes me wild with joy,
Ah, what a thrill!
In autumn, O mother mine,
In the full blossomed paddy fields
I have seen spread all over sweet smiles.

In primavera, o madre mia,
La fragranza dei tuoi boschi di mango
Mi rende pazzo di gioia,
Ah, che emozione!
In autunno, o madre mia,
Nel pieno fiorire delle risaie
Ho visto ovunque il diffondersi di dolci sorrisi.

Quarta strofa

কি শোভা কি ছায়া গো,
কি স্নেহ কি মায়া গো--
কি আঁচল বিছায়েছ
বটের মূলে,
নদীর কূলে কূলে!

chi sova, chi saea go,
chi sneho, chi maea go,
chi aciol bisaeeso
Boţer mule,
Nodir cule cule!

Ah, what a beauty, what shades,
What an affection, and what a tenderness!
What a quilt have you spread
At the feet of banyan trees
And along the banks of rivers!

Ah, che bellezza, che ombre,
Che affetto, e che tenerezza!
Che morbido tessuto hai steso
Ai piedi degli alberi di banyan
E lungo le rive dei fiumi!

Quinta strofa

মা, তোর মুখের বাণী
আমার কানে লাগে
সুধার মতো--
মরি হায়, হায় রে
মা, তোর বদনখানি মলিন হলে
আমি নয়ন জলে ভাসি।।

Ma, tor mucher bani,
Amar cane lage,
Sudar moto,
Mori hae, hae re,
Ma, tor bôdoncani molin ole,
Ami noeon zole basi.

O mother mine, words from your lips
Are like nectar to my ears.
Ah, what a thrill!
If sadness, O mother mine,
Casts a gloom on your face,
My eyes are filled with tears!

O madre mia, le parole dalla tua bocca
Sono come nettare per le mie orecchie.
Ah, che emozione!
Se la tristezza, o madre mia,
Getta un'ombra sul tuo viso,
I miei occhi si riempiono di lacrime!


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

L'inno nazionale del Bangladesh