Amanda Smock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amanda Smock
Amanda Smock.jpg
Amanda Smock nel 2012.
Dati biografici
Nome Amanda Jo Smock
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 170 cm
Peso 60 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Salto triplo
Record
Triplo 14,18 m (2011)
Triplo indoor 13,77 m (2012)
Società New York Athletic Club[1]
Carriera
Nazionale
2011- Stati Uniti Stati Uniti
Statistiche aggiornate al 13 settembre 2013

Amanda Jo Smock, Thieschafer da nubile, (Long Prairie, 27 luglio 1982), è un'atleta statunitense specializzata nel salto triplo, disciplina in cui ha gareggiato ai Giochi olimpici di Londra 2012.

Al college è stata per tre volte vincitrice del campionato NCAA Division II. Ha vinto la medaglia d'oro ai campionati statunitensi outdoor del 2011 e 2012, ed a quelli indoor del 2011.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gioventù[modifica | modifica sorgente]

Smock è nata il 27 luglio 1982 da Beth e Glen Thieschafer.[1] È cresciuta a Melrose (Minnesota), dove ha iniziato a fare ginnastica all'età di 4 anni.[2] "C'era quel film intitolato Nadia su Nadia Comaneci, e devo averlo visto 1000 volte", ha detto Smock. "Alla fine decisi di diventare una ginnasta olimpica".[3] Scoprì poi di essere più adatta all'atletica leggera, abbandonando la ginnastica quando era adolescente.[2][3] Durante la high school eccelse in salto in lungo, salto con l'asta, salto triplo e velocità.[3] Si è diplomata presso la Melrose High School nel 2000.[1] Ha frequentato la North Dakota State University grazie ad una borsa di studio in atletica, laureandosi nel 2004.[3] Al college è stata tre volte campionessa NCAA Division II di salto triplo.[3]

Carriera sportiva[modifica | modifica sorgente]

Smock si è qualificata per i trials olimpici 2008, ma chiuse quinta non guadagnandosi il posto per Pechino 2008.[1] Il padre morì poco dopo questa competizione.[1]

Nel 2011 la Smock si piazzò prima nel salto triplo ai campionati statunitensi di atletica leggera, con un salto di 14,07 m.[1] Questo salto era di poco più corto dello standard B richiesto per la partecipazione ai campionati del mondo di atletica leggera 2011. Pochi giorni prima dell'annuncio della squadra statunitense, stabilì il nuovo record personale di 14,18 m, qualificandosi. Non riuscì a conquistare la finale ai mondiali, finendo 31º su 34 partecipanti.[4] Al campionato statunitense indoor del 2011 si è classificata seconda nel salto triplo con una distanza di 13,63 m.[1]

Nel 2012 ha vinto il campionato indoor con 13,77 m, qualificandosi così per i campionati del mondo di atletica leggera indoor 2012.[1] In questa competizione si è classificata 26ª su 30.[5] Ai trials statunitensi 2012 di atletica, che valevano anche da titolo statunitense, ha vinto con un salto di 13,94 m, qualificandosi così per i giochi di Londra 2012.[1] Sarà l'unica donna statunitense a presentarsi nel salto triplo.[2]

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

Amanda Smock è sposata ad un ex compagno di università, Greg Smock, dal 2009.[1][3] Riceve un piccolo stipendio dal New York Athletic Club, e saltuariamente vince premi in denaro in qualche competizione. Il marito Greg è avvocato.[3] Amanda ha lavorato in una piccola ditta specializzata in programmi di salute e benessere.[1] Compirà 30 anni il 27 luglio 2012, giorno di apertura dei giochi olimpici di Londra 2012.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k USA Track & Field: Amanda Smock. URL consultato il 12 luglio 2012.
  2. ^ a b c Rick Maese, U.S. Olympic track and field trials: Triple jumper Amanda Smock leaps her way to London in Washington Post, 25 giugno 2012. URL consultato il 12 luglio 2012.
  3. ^ a b c d e f g h B. Brothers, Olympic trials: Amanda Smock takes leap of faith in triple jump in St. Paul Pinoneer Press, 21 giugno 2012. URL consultato il 13 luglio 2012.
  4. ^ Triple Jump - Women Qualification, IAAF. URL consultato il 12 luglio 2012.
  5. ^ 2012 World Indoor Championships – Women's triple jump (qualification), IAAF. URL consultato il 12 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]