Amanattō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amanattō
Peanut Amanatto.jpg
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali
  • fagioli
  • zucchero
 

L'amanattō (甘納豆?) è un tipo di wagashi (un dolce tradizionale giapponese) a base di azuki o altri tipi di fagioli ricoperti con una glassa di zucchero. [1]

Fu sviluppato da Hosoda Yasubei nell'era Bunkyū (1861-1863) del periodo Edo, quando aprì a Tokyo un negozio di wagashi (ancora esistente), che battezzò con il suo nome d'infanzia: Eitaro.[2][3]

Originariamente l'amanattō si chiamava amananattō (甘名纳糖?); il nome è stato abbreviato dopo la seconda guerra mondiale. La somiglianza con il nome del piatto di fagioli di soia fermentati nattō è solo una coincidenza.

A Hokkaidō l'amanattō viene utilizzato per preparare il sekihan in quanto, a differenza di altre regioni, il piatto è leggermente dolce.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 山口百々男, 和英:日本の文化・観光・歴史辞典【改訂版】, 三修社, 2014, p. 20, ISBN 4384051832.
  2. ^ (EN) Hiroshi Nara, Inexorable Modernity: Japan's Grappling with Modernity in the Arts, Lexington Books, 2007, p. 36, ISBN 073915637-3.
  3. ^ (EN) Adding Adzuki Beans to the Menu in Humane Living. URL consultato il 23/5/2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]