Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amalia Guglielmina di Brunswick-Lüneburg
Amalia Guglielmina di Brunswick-Lüneburg
Amalia Guglielmina di Brunswick-Lüneburg.
Sacra Romana Imperatrice, Regina di Germania Regina consorte di Boemia ed Ungheria
In carica 5 maggio 1705 – 17 aprile 1711
Predecessore Eleonora del Palatinato-Neuburg
Successore Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Nome completo Amalia Wilhelmine von Braunschweig
Nascita Hannover, 26 aprile 1673
Morte Vienna, 10 aprile 1742
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale Vienna
Casa reale Casato di Brunswick-Lüneburg
Padre Giovanni Federico, Duca di Brunswick-Lüneburg
Madre Benedetta Enrichetta del Palatinato
Consorte Giuseppe I d'Asburgo
Religione Cattolica
Ducato di Brunswick e Lüneburg
Hannover
Braunschweig-Lüneburg.PNG

Guglielmo
Ernesto II
Cristiano
Augusto
Federico
Giorgio
Cristiano Luigi
Giorgio Guglielmo
Giovanni Federico
Ernesto Augusto
Giorgio I di Gran Bretagna
Modifica

Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg (Hannover, 26 aprile 1673Vienna, 10 aprile 1742) era figlia di Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg e della contessa palatina Benedetta Enrichetta (1652-1730), figlia di Edoardo di Simmern.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sposò a Vienna il 24 febbraio 1699 Giuseppe, figlio ed erede al trono dell'imperatore Leopoldo I d'Asburgo. A scegliere la sposa imperiale fu, a quanto pare, padre Marco d'Aviano, confidente di Leopoldo e portavoce del Vaticano[1]. Padre Marco si recò egli stesso nel 1698 a conoscere Amalia, che a quel tempo si trovava presso la corte di Modena[1] in quanto sorella della duchessa Carlotta, moglie di Rinaldo d'Este. Interesse della Santa Sede era infatti di evitare la scelta di un'eretica e di porre quindi sul trono imperiale una cattolica[1].

Nel 1705, alla morte del suocero, Amalia divenne imperatrice del Sacro Romano Impero, regina d'Ungheria e di Boemia.

L'unico figlio maschio Leopoldo Giuseppe non raggiunse neanche un anno di vita; così, quando Amalia rimase vedova nel 1711, la corona imperiale passò a suo cognato Carlo VI d'Asburgo; destino volle che anche Carlo ebbe un solo figlio maschio, Leopoldo Giovanni, morto come il cuginetto a pochi mesi di vita. A succedere a Carlo sarebbe stata una figlia, Maria Teresa d'Austria.

Le sue spoglie riposano ancora oggi a Kapuzinergruft, la cripta Imperiale che si trova a Vienna[2].

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

La coppia ebbe tre figli[2]:

  • Maria Giuseppa (Vienna, 8 dicembre 1699-Dresden, 17 novembre 1757);
  • Leopoldo Giuseppe (Vienna, 29 ottobre 1700-Vienna, 4 agosto 1701);
  • Maria Amalia (Vienna, 22 ottobre 1701-Monaco, 11 dicembre 1756).

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg Padre:
Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg
Nonno paterno:
Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Bisnonno paterno:
Guglielmo il Giovane di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno paterno:
Ernesto I di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna paterna:
Sofia di Meclemburgo-Schwerin
Bisnonna paterna:
Dorothea di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano III di Danimarca
Trisnonna paterna:
Dorotea di Sassonia-Lauenburg
Nonna paterna:
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Bisnonno paterno:
Luigi V d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Giorgio I d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Maddalena di Lippe
Bisnonna paterna:
Maddalena di Brandeburgo
Trisnonno paterno:
Giovanni Giorgio di Brandeburgo
Trisnonna paterna:
Elisabetta di Anhalt-Zerbst
Madre:
Benedetta Enrichetta del Palatinato
Nonno materno:
Edoardo del Palatinato-Simmern
Bisnonno materno:
Federico V Elettore Palatino
Trisnonno materno:
Federico IV Elettore Palatino
Trisnonna materna:
Luisa Giuliana di Nassau
Bisnonna materna:
Elisabetta Stuart
Trisnonno materno:
Giacomo I d'Inghilterra
Trisnonna materna:
Anna di Danimarca
Nonna materna:
Anna Maria di Gonzaga-Nevers
Bisnonno materno:
Carlo I di Gonzaga-Nevers
Trisnonno materno:
Ludovico Gonzaga-Nevers
Trisnonna materna:
Enrichetta di Nevers
Bisnonna materna:
Caterina di Lorena
Trisnonno materno:
Carlo di Guisa
Trisnonna materna:
Enrichetta di Savoia-Villars

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dei Virtuosi - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dei Virtuosi
Gran Maestro dell'Ordine della Croce Stellata - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce Stellata
Rosa d'Oro della cristianità - nastrino per uniforme ordinaria Rosa d'Oro della cristianità
— 1699

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c http://www.padremarco.it/biografia-cap7.html
  2. ^ a b Habsburg 4

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 42199563 LCCN: nr99005287