Alydidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alydidae
Alydus calcaratus MHNT Dos.jpg
Alydus calcaratus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Heteroptera
Infraordine Pentatomomorpha
Superfamiglia Coreoidea
Famiglia Alydidae
Amyot & Serville, 1843
Sinonimi

Coriscidae
Stichel, 1925

Sottofamiglie

Alydidae Amyot & Serville, 1843, è una famiglia di insetti Pentatomomorfi dell'ordine Rhynchota Heteroptera, superfamiglia Coreoidea, diffusa in tutto il mondo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli Alydidae sono generalmente rappresentati da un corpo snello, di forma oblunga, con appendici allungate e con tegumento dai colori scuri. È frequente il mimetismo batesiano, con l'imitazione, nelle forme e nelle colorazioni, di Imenotteri predatori quali le vespe e, nel caso degli stadi preimmaginali, le formiche.

Il capo è grande, isodiametrico, largo quanto il protorace, provvisto di ocelli e con antenne e rostro composti da quattro segmenti.

Il torace mostra il pronoto subtrapezoidale, con il margine posteriore largo quanto il capo o poco più e con mesoscutello relativamente piccolo e nettamente più stretto. Le emielitre hanno la membrana percorsa da una fitta nervatura. L'addome è provvisto di tricobotri negli uriti III-VII in posizione laterale o ventrale.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Alydidae sono insetti fitofagi che si nutrono a spese di organi epigei o di semi. È stata riscontrata una certa specializzazione tassonomica all'interno della famiglia, per cui alcuni Alididi si nutrono generalmente a spese di Leguminose e altri a spese di Graminacee. La letteratura cita anche casi di danno alle specie agrarie, come nel caso di Leptocorisa acuta, che si rivela un fitofago dannoso al riso, causando anche perdite dell'intero raccolto, o di Riptortus linearis, occasionalmente dannoso alla soia.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è cosmopolita, con una larga diffusione in tutto il mondo, ma la maggior parte delle specie si rinviene nelle regioni tropicali e subtropicali.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende circa 250 specie distribuite in oltre 40 generi. Gli schemi tassonomici trattati in letteratura fanno capo a due differenti interpretazioni [1].

La prima interpretazione, proposta da AHMAD (1965) [2], ha riscosso un'ampia condivisione, fino agli anni novanta, dalla molti autori [1] ed è tuttora adottata da alcune classificazioni [3]. Tale classificazione suddivide la famiglia in tre sottofamiglie:

  • Alydinae
  • Leptocorinae
  • Microelytrinae

La seconda interpretazione fa capo ad una proposta di SCHAEFER (1965) [4], successivamente suffragata dalle ricerche filogenetiche di LI & ZHENG (1993) e sostituita da una revisione completa di SCHAEFER (1999) [5]. Secondo questa revisione, gli Alydidae si suddividono in due sottofamiglie, a loro volta suddivise in tribù:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Australian Faunal Directory. Op. cit..
  2. ^ I. Ahmad, The Leptocorisinae (Heteroptera: Alydidae) of the world in Bulletin of the British Museum of Natural History, vol. 5, Suppl., 1965, pp. 1-156.
  3. ^ ITIS. Vedi collegamenti esterni.
  4. ^ C.W. Schaefer, The morphology and higher classification of the Coreoidea (Hemiptera: Heteroptera). Parts III. The families Rhopalidae, Alydidae, and Coreidae in Publications of the Entomological Society of America, vol. 5, 1965, pp. 1-76.
  5. ^ C.W. Schaefer, The higher classification of the Alydidae (Hemiptera: Heteroptera) in Proceedings of the Entomological Society of Washington, vol. 10, nº 1, 1999, pp. 94-98.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Family Alydidae in Australian Faunal Directory, Australian Government, Department of the Environment, Water, Heritage and the Arts. URL consultato il 06-03-2009.
  • Ângelo Moreira da Costa Lima. XXII. Hemípteros in Insetos do Brasil. Tomo 2. Escola Nacional de Agronomia, 1940, 89-91. (in portoghese).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi