Alvis Vitolinš

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alvis Vitolinš (Sigulda, 15 giugno 1946Sigulda, 16 febbraio 1997) è stato uno scacchista lettone (sovietico fino al 1991), Maestro Internazionale.

Vinse dieci volte il Campionato lettone: nel 1973, 1975 (alla pari), 1976, 1977, 1978, 1982, 1983, 1985 (alla pari), 1986 (alla pari), 1989 (alla pari).

È stato un giocatore dallo stile brillante, molto dotato sul piano combinativo, sempre rivolto all'attacco. Vinse partite con molti forti grandi maestri del suo tempo (vedi alcuni esempi nella sezione partite notevoli). Giocò molto raramente in tornei fuori dall'Unione Sovietica e questa è considerata una delle ragioni per cui non diventò mai grande maestro.

Era un sostenitore della validità del gambetto Cochrane della difesa russa (1. e4 e5 2. Cf3 Cf6 3. Cxe5 d6 4. Cxf7!?), una linea considerata azzardata dalla teoria ma che egli impiegò diverse volte con successo.

Prende il suo nome una variante della Siciliana Scheveningen: 1. e4 c5 2. Cf3 d6 3. d4 cxd4 4. Cxd4 Cf6 5. Cc3 e6 6. Ab5+.[1]

Morì suicida gettandosi da un ponte ferroviario sulla superficie ghiacciata del fiume Gauja. Le cause di questo gesto sembra siano da ricercare nel fatto che negli anni dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica andò incontro, al pari di diversi altri scacchisti sovietici, a gravi difficoltà economiche.

Una sua foto è visibile Qui.

Partite notevoli[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sicilian Defense, Vitolins Variation

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]