Alvin York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Alvin York e la sua "registration card"

Alvin York (Pall Mall, 13 dicembre 1887Pall Mall, 2 settembre 1964) è stato un militare statunitense, eroe della prima guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un contadino, fu sin da giovanissimo molto esuberante. Assiduo frequentatore di bar dove soleva spesso ubriacarsi assieme agli amici, possedeva un'abilità impressionante con le pistole, non sbagliava mai un colpo.

Nel 1914, all'età di 27 anni, ebbe una crisi religiosa e divenne seguace della Chiesa di Cristo nell'Unione cristiana, una setta minoritaria e conservatrice, ostile al cattolicesimo tradizionale.

In guerra[modifica | modifica wikitesto]

Quando il 6 aprile 1917 gli Stati Uniti entrarono in guerra al fianco dell'Intesa, dichiarando guerra alla Germania, York fu chiamato alle armi e sulla sua scheda personale scrisse: "Non voglio combattere". Fedele ai canoni della propria comunità religiosa, era obiettore di coscienza.

Ma l'Esercito Statunitense non ne tenne conto e lo arruolò nella 82ma divisione di fanteria destinata al fronte francese. Dopo settimane di profonda crisi, il giovane Alvin si convinse che combattere "è un dovere morale ordinato dal Signore". Un dovere con cui salvare la democrazia e con cui mettere fine celermente alla guerra risparmiando vite umane.

All'alba dell'8 ottobre 1917 York, già al fronte, partì per compiere, assieme ad altri sedici soldati, un'impresa memorabile.

Inauguration of Trail and Monument on October 4th 2008

Di mattina York e i suoi compagni partirono con il compito di prendere il controllo di una linea ferroviaria. Avevano mappe scritte in francese, intesero male ed erroneamente si ritrovarono dietro le linee nemiche. I tedeschi vistisi presi alle spalle si arresero al vederli, ma quando compresero che gli americani erano in pochi reagirono. Dalla collina dove erano appostati numerosi soldati tedeschi, cominciarono a crepitare le mitragliatrici. Nove americani caddero uccisi. Allora York si avventurò sul terreno dei nemici, facendosi largo col suo fucile Enfield. Finiti i proiettili usò la Colt, aggirò le mitragliatrici e ad una ad una le rese inoffensive. Alla fine uccise 25 soldati tedeschi, mise fuori uso 35 mitragliatrici e catturò 132 prigionieri. Tale impresa gli valse una Medal of Honor, la più alta decorazione militare assegnata dal Governo degli Stati Uniti, nonché la promozione a sergente.

Congedato, tornò nella sua cittadina natale e fu accolto come una gloria nazionale. Alvin York appena rientrato sposò Gracie che lo aveva fedelmente aspettato ed entrò così nella galleria degli eroi americani dalla sicurezza disarmante e dalla fredda determinazione.

Alvin York morì a causa di un'emorragia cerebrale e venne sepolto nel cimitero della sua Pall Mall.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
Distinguished Service Cross - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Service Cross
Medaglia interalleata della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia interalleata della vittoria
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal
Légion d'honneur - nastrino per uniforme ordinaria Légion d'honneur
Croix de guerre con palma di bronzo - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre con palma di bronzo
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
Medaglia di Guerra montenegrina - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Guerra montenegrina

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tom Skeyhill, ed (1928), Sergeant York: His Own Life Story and War Diary, NY: Doubleday, Doran

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51880323 LCCN: n/84/48479