Alvin Lee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alvin Lee
Alvin Lee nel 1975
Alvin Lee nel 1975
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Hard rock
Blues rock
British blues
Periodo di attività 1960-2013
Sito web

Alvin Lee (Nottingham, 19 dicembre 19446 marzo 2013) è stato un chitarrista, cantante e compositore britannico noto per aver fondato e aver fatto parte dei Ten Years After.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia molto giovane a esibirsi, formando presto il celebre gruppo. Con i Ten Years After nel 1969 partecipa al festival di Woodstock dove si esibisce in un assolo di chitarra durante il brano I'm Going Home entrato nella leggenda della musica rock.[1]

Nel 1973 Alvin lascia la band per poter lavorare da solista; la riformerà nel 1989 pur sempre continuando il suo progetto solista.

I suoi principali ispiratori sono Chuck Berry e Scotty Moore, quest'ultimo leggendario chitarrista entrato nella Rock and Roll Hall of Fame.

È deceduto nel 2013 all'età di 68 anni per le complicazioni seguite a un intervento chirurgico[2].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Come Alvin Lee[modifica | modifica wikitesto]

  • In Flight (1974)
  • Pump Iron (1975)
  • Let It Rock (1978)
  • Rx5 (1981)
  • Detroit Diesel (1986)
  • Zoom (1992)
  • I Hear You Rockin' (1994)
  • Pure Blues (1995)
  • Nineteen Ninety Four (1993)
  • Live In Vienna (1999)
  • Alvin Lee In Tennessee (2004)
  • Saguitar (2007)
  • Still On The Road To Freedom (2012)

Come Alvin Lee Ten Years Later[modifica | modifica wikitesto]

  • Rocket Fuel (1978)
  • Ride On (1979)
  • Solid Rock (1997)

Come Alvin Lee Band[modifica | modifica wikitesto]

  • F.R.E.E.F.A.L.L (1980)

Ten Years After[modifica | modifica wikitesto]

Alvin Lee & Mylon LeFevre[modifica | modifica wikitesto]

  • On The Road To Freedom (1973)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chitarre » Alvin Lee: I’m Going Home! E se n’è andato
  2. ^ Piero Negri, Addio Alvin Lee, il chitarrista che infiammò Woodstock, lastampa.it. URL consultato il 6 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32183762 LCCN: nb/20/09022013