Altro (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Altro
Altro Mina 1972.jpg

Artista Mina
Tipo album Studio
Pubblicazione novembre 1972
Durata 37 min : 01 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Pop
Etichetta PDU
Mina - cronologia
Album precedente
(1972)
Album successivo
(1973)
« Non troverai chi possa darti appena più di me, questo lo sai. Di più non avrai mai, di più non c'è. »
(Amore mio)

Altro, pubblicato nel 1972, è un album della cantante italiana Mina.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Uscito in coppia con Dalla Bussola con il titolo 1+1, i due album erano venduti in una busta tutta bianca con scritto in rilievo il nome della cantante e il titolo 1+1.

L'edizione venduta singolarmente presenta una copertina apribile "textured", con all'interno il libretto spillato al centro. Nessun credito sul retro copertina; nel libretto altri disegni di Gianni Ronco. Ristampato una prima volta a busta chiusa e privo del libretto, ma con la copertina sempre "textured" (ossia su cartoncino tramato). Una terza edizione ha la copertina in cartoncino liscio.

Nei brani Volendo si può e Rudy, Mina affronta per la prima volta il tema del suicidio nelle sue canzoni. Anche se in modi completamente diversi. Volendo si può, che porta la firma di Giorgio Conte fratello del più noto Paolo Conte, è strutturato da una prima parte rarefatta e descrittiva che diventa, nella seconda parte, vorticosa e ossessiva (con l'ausilio delle doppie voci e dell'arrangiamento di Pino Presti), quasi a riprodurre la follia di chi tenta il suicidio.

Rudy ha un testo che gioca sull'effetto choc. Raffinatissimo e molto elegante ha l'epilogo tragico solo alla fine, con una madre (la Rudy del titolo) che si suicida con i figli aprendo il gas che (come dice il testo) "...li trova abbracciati a lei, così belli nel samba e nel buio, con lo stesso sorriso di Rudy..".

Ossessione '70 è una reinterpretazione di Fausto Cigliano con un testo nonsense che gioca sulla formazione calcistica italiana del mondiali del 1970.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Non ti riconosco più - 4:10 - (Dario Baldan Bembo-Michele Anzoino)
  2. I giorni dei falò (Long ago and far away) - 2:20 - (James Taylor-Giorgio Calabrese)
  3. Ballata d'autunno (Balada de otoño) - 5:40 - (Joan Manuel Serrat-Paolo Limiti)
  4. L'amore, forse... (Ao amigo Tom) - 2:43 - (Marcos Valle-Osmar Milito-Giorgio Calabrese)
  5. Volendo si può - 3:20 - (Giorgio Conte-Vito Pallavicini)
  6. Fate piano - 3:50 - (Andrea Lo Vecchio-Shel Shapiro)
  7. Rudy - 3:32 - (Guido Bolzoni)
  8. L'abitudine (Daddy's dream) - 3:19 - (Harold Stott-H. Onward-Bruno Lauzi)
  9. Amore mio - 3:46 - (Bruno Canfora-Gina Basso)
  10. Ossessione '70 - 3:45 - (Fausto Cigliano)

Versioni Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • Fate piano:
versione in inglese I still love you, vedi Runaway/I Still Love You (Singolo inglese)
  • Amore mio:
versione in inglese The way I love you, vedi Mina (Album inglese '78)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mina - Altro (album) Discography at Discogs