Altopiano del Bié

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Localizzazione dell'altopiano del Biè nel territorio angolano.

L'altopiano del Bié è una vasta regione di rilievi situata nella zona centrale del territorio dell'Angola.

Si estende su circa 1/10 del territorio angolano, con un bordo rilevato verso l'oceano Atlantico che digrada lentamente procedendo verso est verso la valle dello Zambesi e la depressione dell'Okavango. Ha una quota media di circa 1.500 metri e culmina nella serra de Môco a oltre 2.600 metri.[1]

L'altopiano del Bié costituisce un rilevantissimo nodo idrografico dell'intera Africa sudoccidentale; vi hanno origine numerosissimi importanti fiumi della regione, tributari di quattro distinti bacini idrografici. L'Okavango (chiamato in Angola Cubango), con i suoi affluenti Cuchi e Cuito, si esaurisce nelle omonime paludi in Namibia e Botswana; il Cuando, il Lungué-Bungo e il Luanginga tributano invece allo Zambesi, diretto all'oceano Indiano; a nord, il Cuanza drena invece una vasta sezione dell'angola nordoccidentale e tributa direttamente all'oceano Atlantico, mentre il Cuango (Kwango) e il Kasai (chiamato in Angola Cassai) tributano al grande bacino del Congo).

Il clima è fresco, temperato dall'altitudine, con precipitazioni estive abbondanti che consentono la coltivazione di caffè, mais, riso, sisal, canna da zucchero e arachidi.

L'intera regione non è molto popolata; le città principali che sorgono nell'altopiano sono Huambo e Kuito. L'altopiano è collegato all'oceano Atlantico tramite la ferrovia di Benguela.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Angola. In Encyclopedia Britannica, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]