Altiporto di Méribel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Altiporto di Méribel
Altiport-Meribel.jpg
IATA: MFX – ICAO: LFKX
Descrizione
Nome impianto Altiport de Méribel
Tipo civile
Proprietario esercente Aéro-club de Méribel
Stato Francia Francia
Regione Rodano-Alpi Rodano-Alpi
Posizione Méribel (Savoia)
Costruzione 1961
Altitudine AMSL 1691 m
Coordinate 45°24′27″N 6°34′39″E / 45.4075°N 6.5775°E45.4075; 6.5775Coordinate: 45°24′27″N 6°34′39″E / 45.4075°N 6.5775°E45.4075; 6.5775
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
LFKX
Sito web http://www.ac-meribel.com
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
15/33 406 m asfalto

[senza fonte]

L’altiporto di Méribel (IATA: MFX, ICAO: LFKX) è un aeroporto situato nel territorio comunale di Les Allues a 1.5 km nord-est della stazione sciistica di Méribel, in Savoia (nella regione Rhône-Alpes, Francia).

Data la posizione dell'aeroporto, situato ad alta quota fra le Alpi francesi, e la sua corta pista di atterraggio costruita in pendenza, la struttura è da considerarsi pericolosa, e solo i piloti che abbiano conseguito un'abilitazione speciale vi possono operare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'altiporto di Méribel, aperto nel 1961, fu la prima aviosuperficie a servire direttamente una stazione sciistica in Francia, seguita dopo pochi anni dalle strutture di Courchevel e Megève.

Strutture[modifica | modifica sorgente]

L'altiporto dispone di una sola pista d'atterraggio asfaltata orientata sud-nord (15/33), lunga 406 m e larga 15, che presenta una pendenza media dell'11%. La struttura si trova ad un'altitudine compresa tra 1691 m s.l.m. (5548 piedi) nella parte più bassa, e 1719 m s.l.m. (5639 piedi) nella parte più alta.

Le ridotte dimensioni della pista non consentono agli aerei in atterraggio di usare l'inversione di spinta per decelerare: i velivoli possono quindi atterrare esclusivamente alla testata 33, la più bassa, in modo tale da rallentare più rapidamente sfruttando il potere frenante della salita; viceversa, il decollo si effettua alla testata 15, così da accelerare lungo la discesa. Come riferisce l'archivio del Service de l'information aéronautique (SIA), l'aeroporto non dispone di procedure di avvicinamento strumentale (IAP) e adotta le regole del volo a vista (VCR), consentite soltanto in condizioni meteorologiche ottimali e nelle sole ore diurne (lo scalo quindi non è omologato per il volo notturno).

L'aeroporto non è controllato. Gli aerei in transito comunicano alla frequenza VHF di 118.750 MHz.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]