Alti Elfi (Warhammer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli Alti Elfi costituiscono uno degli eserciti del wargame tridimensionale fantasy Warhammer Fantasy Battle.

Sono creature alte e longilinee, fisicamente molto attraenti, oltre che straordinariamente longeve. Loro dimora è l'isola di Ulthuan, simile alla leggendaria Atlantide, posta al centro dell'oceano che divide i due principali continenti del mondo di Warhammer. I loro stregoni sono tra i più potenti del Vecchio Mondo, essendo in grado di manipolare gli Otto Venti insieme, in una forma chiamata "Alta magia", troppo difficoltosa da padroneggiare per le altre razze.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

All'inizio, tutti gli Elfi, ben prima che si differenziassero in tre stirpi differenti (Asur, cioè gli Alti Elfi, Elfi silvani, detti "Asrai, ed Elfi oscuri, detti "Druchii"), vivevano sul continente di Ulthuan, creato per loro dagli Antichi, la misteriosa razza di viaggiatori interstellari che aveva dato loro vita assieme a molte altre specie del mondo di Warhammer.

La Caduta degli Antichi[modifica | modifica sorgente]

Nel 5600 A.S. (Ante Sigmar), i Portali Warp, posti ai poli Nord e Sud del mondo, per cause tuttora ignote, collassarono, divenendo vie d'accesso al mondo materiale per le forze demoniache che abitavano il Regno del Caos. A questo punto della Storia, gli Antichi scomparvero definitivamente dal pianeta.

Il Regno di Aenarion il Difensore[modifica | modifica sorgente]

Nel 4500 A.S., durante il terribile assalto dei Demoni del Caos, Aenarion, un girovago che aveva viaggiato intorno al mondo, fatto ritorno ad Ulthuan, decise di immolare sé stesso nelle sacre fiamme del tempio di Asuryan, Imperatore dei Cieli e patrono degli Asur, implorando il dio di aiutare i suoi figli nella lotta ai Poteri Perniciosi, che parevano impossibili da arginare. Miracolosamente risorse incolume dal fuoco come il primo dei Re Fenice, manifestazioni terrene della principale divinità Alto-elfica. Grazie alla sua prodezza come generale e come guerriero, gli Alti Elfi, sebbene inferiori di numero rispetto alle malvagie forze del Caos, riuscirono a tener testa a lungo ai propri nemici ultraterreni.

Ma i demoni, durante un attacco a sorpresa al Palazzo di Avelorn, massacrata la guarnigione, riuscirono a introdursi fino alle stanze della Regina Eterna, sposa di Aenarion, che rimase uccisa, e dei loro figli, Yvraine e Morelion, che vennero invece tratti in salvo e nascosti. L'eroe, furioso per l'accaduto, salì in groppa ad Indraugnir, il più possente dei Draghi, e volò verso il nord di Ulthuan, sull'Isola Maledetta, allo scopo di estrarre la Spada di Khaine, un potentissimo e antichissimo artefatto che gli avrebbe dato il potere di spazzare via i demoni dalla faccia del pianeta, ma che avrebbe anche dannato la sua discendenza. In seguito il Re Fenice prese come seconda moglie la bellissima, ma inquietante veggente Morathi, liberandola dalle grinfie dei Demoni mandati da Slaanesh, e stabilì la propria corte nelle cupe terre di Nagarythe, nel Nord-ovest di Ulthuan. Proprio da queste nozze sarebbe successivamente nato Malekith, l'odiato Re Stregone dei Druchii.

Per dare all'Arcimago Caledor Domadraghi e ai suoi compagni il tempo di completare un rituale che avrebbe risucchiato la maggior parte del potere magico del Caos dal mondo, confinando nuovamente i Demoni nel Warp, Aenarion condusse il proprio esercito contro una sconfinata schiera di Demoni. Nella furiosa battaglia, il Re Fenice e Indraugnir affrontarono e distrussero quattro Demoni Maggiori, uno per ciascuna divinità oscura, uscendo però gravemente feriti dallo scontro. Ancora agonizzante, il sovrano viaggiò a dorso di drago fino all'Isola Maledetta, dove infisse la Spada di Khaine sull'altare da cui l'aveva estratta, per poi spirare accanto alla carcassa di Indraugnir. Il Caos venne così scacciato dal mondo grazie al rituale di Caledor, ma la razza elfica, sebbene salva, vacillava sull'orlo della caduta.

L'Età dell'Oro e la Guerra Civile[modifica | modifica sorgente]

Col tempo, gli Elfi ricominciarono a prosperare, a esplorare i mari e il Vecchio Mondo, e a dare la caccia alle rimanenti tracce del Caos. Avviarono inoltre i commerci con il potente Impero dei Nani, riprendendosi dalla disastrosa guerra contro i Demoni e crescendo in ricchezza e potere. Malekith era divenuto un possente guerriero ed un eccellente incantatore. Non venne tuttavia scelto per succedere al padre sul neonato trono di Ulthuan, che venne occupato dal principe Bel Shanaar. Tuttavia il figlio di Morathi errò a lungo per il Vecchio Mondo, combattendo il Caos e coprendosi di gloria con le sue gesta. Durante le sue peregrinazioni, però, si impadronì della Corona di Ferro, un potente talismano magico, ed il germe del male crebbe segretamente in lui. All'insaputa di tutti diventò uno Stregone del nuovo Culto del Piacere (una setta di adoratori di Slaanesh, uno dei Quattro dei del Caos), che all'epoca imperversava per l'isola,e di cui era partecipe anche sua madre. Avvelenò poi Bel Shanaar, il secondo Re Fenice e successore di Aenarion. Smascherati i suoi veri intenti dai principi elfici, Malekith, appoggiato dagli abitanti di Nagarythe (i futuri Elfi Oscuri), diede così inizio ad una guerra civile, che si concluse con la sua sconfitta e la sua ritirata nel nord del Nuovo Mondo, dove fondò il malvagio regno di Naggaroth.

La Guerra delle Barbe[modifica | modifica sorgente]

Malekhit, desideroso di vendetta per distruzione del suo Culto, e per l'usurpazione del trono di Ulthuan, che riteneva suo di diritto, diede inizio alla costruzione delle roccaforti dei suoi Elfi Oscuri nella terra di Naggaroth, elaborando un diabolico piano per indebolire gli Alti Elfi. Deteriorò i buoni rapporti tra Ulthuan e i Nani del Vecchio Mondo,sfruttando il fatto che questi non sapevano nulla della tremenda guerra civile combattuta al di là del mare: inviò assassini Druchii, travestiti da Asur, ad attaccare le carovane naniche, facendo ricadere la colpa sugli Alti Elfi. Il Sommo Re, Gotrek, mandò per ben due volte ambasciatori all'arrogante Re Fenice Caledor II, allo scopo di domandare spiegazioni, e un risarcimento per l'affronto subito. Gli Asur, però, oltraggiati dalle accuse e dalle richieste tanto orgogliose, li insultarono rasandoli e li rispedirono in patria. Iniziò in tal modo la cosiddetta Guerra delle Barbe tra Ulthuan e i Nani, che provocò la scomparsa delle colonie Alto-elfiche dal Vecchio Mondo, la morte dell'avventato sovrano Caledor II (abbattuto in duello da Gotrek), la cattura della prima Corona Fenice, ancora oggi conservata a Monteterno come trofeo, e la decadenza dell'Impero Nanico. Infine, Malekith riprese l'attacco con i suoi eserciti, riaccendendo il secolare conflitto con gli Alti Elfi. Riuscì a sbarcare diverse volte ad Ulthuan e sbaragliò ripetutamente le sue armate. Non poté mai, tuttavia, a vincere la guerra civile scatenata tanto tempo prima con il suo tradimento, ed essa si è trascinata fino ad oggi senza risultati decisivi per nessuna delle due fazioni.

La Tempesta del Caos[modifica | modifica sorgente]

Durante la Tempesta del Caos, gli Alti Elfi, guidati dall'Arcimago Teclis in persona, furono determinanti per la sconfitta di Archaon,il prescelto degli Dei del Caos, ad opera di Valten, il Campione dell'impero creduto la reincarnazione di Sigmar.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

  • -10'000 Ca.:Nascono Elfi, Nani e Uomini.
  • Dal 5600 Ca. fino al 4500 Ca.: Collassano i Portali Warp polari. Ciò causa una lacerazione nella realtà, che consente al Caos di accedere al mondo. Questo segna la dipartita degli Antichi. Le orde demoniache compaiono e infuriano nel mondo, causando squilibrio e orrore. In tutto il mondo le razze forgiate dagli Antichi si oppongono alla violenta avanzata dei demoni, ma combattono una battaglia persa in partenza.
  • -4499: Aenarion passa attraverso le sacre fiamme e difende il Santuario di Asuryan contro l'Orda del Caos di Morkar.

Gli Elfi di Ulthuan sono quasi sterminati dai demoni che invadono la loro isola.

  • -4498: Aenarion arriva a Caledor, riconosciuto come il prescelto di Asuryan da Caledor Domadraghi. Il grande drago Indraugnir diventa la cavalcatura di Aenarion. Insieme volano all'Incudine di Vaul dove l'armatura del drago dell'eroe è forgiata insieme a molte armi che diventeranno in futuro i cimeli di famiglia della nobiltà Elfica.
  • -4479: Le Forze del Caos sono respinte ed una fragile pace discende su Ulthuan, Aenarion sposa la Regina Eterna Astarielle che dà alla luce due figli, Yvraine e Morelion.
  • -4470: Le Forze del Caos attaccano il regno di Avelorn. La Regina Eterna viene uccisa, i figli vengono perduti, ma sono presi in salvo dall'Uomoalbero Cuordiquercia. Affranto dal dolore, Aenarion vola all'Isola Maledetta e impugna la Spada di Khaine.
  • -4461: Aenarion salva la strega Morathi da una banda di Slaneesh. Si stabiliscono a Nagarythe.
  • 4460: Caledor Domadraghi conclude che l'unica via per fermare il Caos e di drenare i venti magici dal mondo. Comincia così riparando ed ricostruendo le antiche pietrevia magiche che hanno sorretto l'instabile isola di Ulthuan dall'alba del tempo.
  • -4458 Morathi dà ad Aenarion un figlio, Malekith.
  • -4419: La Battaglia dell'Isola della Morte. Caledor Domadraghi crea il vortice magico. I maghi Elfi danno inizio ad un pericoloso incantesimo disperato per respingere i demoni. Gli Slann aggiungono i propri poteri a quegli degli Elfi e insieme scacciano i demoni dal polo settentrionale e da quello meridionale. Nani ed Elfi si incontrano amichevolmente e iniziano a combattere insieme le forze del caos e a commerciare fra di loro.

Aenarion viene ferito mortalmente ed la sua ultima azione è quella di volare alle Isole del Dolore e riporre la Spada di Khaine nell'altare. Il corpo di Aenarion non verrà mai trovato. Vengono organizzate le difese per tenere a bada le forze del caos. La minaccia immediata è stata respinta, ma nel corso degli anni, con lo scemare delle loro energie, il Caos supererà quelle difese con incursioni terribili. L'incoronazione di Bel Shanaar definisce la fine della guerra. Inizia un grande periodo di ricostruzione che vede l'ascesa di Tiranoc come secondo, per importanza, tra i reami Elfici. Gli esploratori Elfi Alti penetrano nella giungla di Lustria dalla Cittadella del Tramonto.

  • -4120: Gli Elfi sbarcano a Elthin-Arvan, che in seguito gli uomini chiameranno il Vecchio Mondo, in questi anni gli elfi fondano le prime colonie.
  • -4119: In questo anno, Malekith degli Elfi Alti e Snorri Barbabianca, il Sommo Re dei Nani, uniscono i propri possenti eserciti e riescono finalmente a scacciare dal Vecchio Mondo gli ultimi residui del Caos. In seguito i commerci tra Nani ed Elfi prosperano e i Nani fondano nuove roccaforti.

Le ricchezze incominciano ad affluire ad Ulthuan.

  • -3500: Eta d'Oro degli Elfi - viaggi vengono organizzati ad est ed ovest, si stabiliscono colonie nel Vecchio e Nuovo Mondo.
  • -3419: Il Culto del Piacere inizia a diffondersi attraverso Nagarythe ed Ulthuan.
  • -2839: Il Re Fenice degli Elfi Alti, Bel-Shanaar, visita la Fortezza appena fondata di Karaz-A-Karak ove è accolto dal venerabile Snorri Barbabianca. I due sommi sovrani si giurano amicizia reciproca e Malekith resta presso Karaz-A-Karak come ambasciatore del proprio re. Per qualche tempo i Nani e gli Elfi prosperano, fino a che gli Elfi non sono costretti a ritornare a Ulthuan dove il conflitto civile sta devastando le loro terre.
  • -2789: Malekith inizia un grande periodo di erranza intorno al mondo in cerca di artefatti magici dei tempi antichi.
  • -2775: Nelle desolazioni settentrionali Malekith trova la Corona di Ferro nelle antiche rovine della città di Vorshgar.
  • -2774: Malekith ritorna ad Ulthuan, denuncia la madre come adoratrice di Slaneesh.
  • -2751: Massacro al Santuario di Asuryan. Bel Shanaar assassinato. Malekith entra nelle sacre fiamme, nel tentativo di imporsi come nuovo Re Fenice, e ne viene orribilmente sfigurato. Assassini cercano di uccidere il futuro Re Fenice Caledor I che viene salvato da una banda di cacciatori Chraciani, che d'ora in avanti formeranno il corpo d'élite dei Leoni Bianchi. Incoronazione di Caledor. Malekith fugge a Nagarythe. Scoppia la guerra civile.
  • -2750: La guerra civile Elfica infuria per 200 anni - gli Elfi Oscuri vengono respinti ed esiliati nel Nuovo Mondo.
  • -2739: Arcimaghi rinnegati fuggono da Saphery e si uniscono a Malekith.
  • -2736: Malekith viene rinchiuso nella sua armatura nera e acclamato come Re Stregone.
  • -2724: Caledor sconfigge il Re Stregone nella battaglia di Maledor. Il Re Stregone fugge e decide di portare a termine il suo piano.
  • -2723: L'Inabissamento. A causa dell'interferenza del Re Stregone con il Vortice, gran parte delle regioni occidentali di Ulthuan si inabissano, in primis Nagarythe e Tiranoc. Maghi traditori creano le Arche Nere, fortezze galleggianti, e si dipartono verso nord. Viene perso il contatto con le colonie del Vecchio Mondo.
  • -2630: Una spedizione di Elfi Oscuri ritorna a Ulthuan, si riprendono le ostilità. Caledor riorganizza le armate degli Alti Elfi per la difesa e comincia la costruzione dei Cancelli presso i passi montani nel nord di Ulthuan.
  • -2599: Il Cancello del Grifone, la Fortezza Invitta, è finalmente completato. È il primo di una serie di gigantesche fortezze di guardia ai passaggi per i Reami Interni. La guerra infuria di nuovo quando gli Elfi Oscuri cercano di guadagnare l'accesso ai Reami Interni e conquistare i Templi Sacri.
  • -2500: L'alleanza tra Elfi e Nani facilita la colonizzazione del Vecchio Mondo.
  • -2425: La Nave Drago Indraugnir, equipaggiata con il Rostro Lamadistella forgiato magicamente, affonda il Palazzo del Gioioso Oblio, un'Arca Nera, nei pressi dell'Isola Maledetta.
  • -2219: Gli Alti Elfi riescono finalmente a scacciare gli ultimi Elfi Oscuri dal nord di Ulthuan, e cominciano a ripulire e pattugliare i mari settentrionali dalle loro navi.
  • -2217: Caledor ordina la prima delle sfortunate spedizioni sull'Isola Maledetta.
  • -2200: Gli Alti Elfi conquistano l'Isola Maledetta. Caledor non estrae la Spada di Khaine pur sapendo che essa gli avrebbe fornito il potere di sconfiggere il Re Stregone. La nave di Caledor resta separata dal resto della flotta sulla via del ritorno, respinta verso la costa di Naggaroth, e sopraffatta da Corsari Elfi Oscuri. Caledor si getta in mare per non essere catturato.
  • -2197: Una pace difficile viene stabilita a Ulthuan. Sopravvissuti di Tiranoc e di quella che un tempo era Nagarythe cominciano la ricostruzione. Gli ultimi Elfi di Nagarythe, che viene ora conosciuta come le Terre dell'Ombra, intraprendono la vita nomade.
  • -2188: Gli Alti Elfi ristabiliscono i contatti coi Nani. I nani apprendono di Malekith. Ricominciano i commerci. L'artigianato nanico raggiunge nuove altezze in ambizione e risultati.
  • -2150: Aumenta la tensione tra le culture elfica e nanica.
  • -2005: Il Grande tradimento. Cominciano le razzie degli Elfi Oscuri contro carovane commerciali dei Nani. Le razzie sono parte di un astuto piano che faccia rivoltare i Nani contro gli Alti Elfi.
  • -2000:Le proteste dei Nani per gli attacchi vengono arrogantemente ignorate dall'avventato re Caledor II.
  • -1997: L'Alto Re Nano Gotrek Spezzastelle manda un ambasciatore ad Ulthuan per chiedere spiegazioni sugli attacchi alle carovane. L'ambasciatore viene arrogantemente scacciato. Come insulto finale gli Elfi rasano la barba del messo incominciando così il conflitto noto agli Elfi come Guerra delle Barbe. I Nani la definiscono la Guerra Contro gli Elfi o la Guerra della Vendetta.
  • -1992: Tutte i registri della fortezza di Kazad Ungor scompaiono cosìccomme l'intera popolazione, che viene sterminata durante la Guerra della Vendetta.
  • -1990: Baldrik il Cattivo ruba in segreto la conoscenza dai Fabbri elfici e la rivolge contro di loro. La sua Leggendaria AmmazzaElfi sarà temuta giustamente dagli Asur ed il suo nome non verrà mai scordato dai sopravvissuti.
  • -1974: Il Re Fenice Caledor II uccide Snorri Mezzamano, figlio del Re Gotrek, prima di ritornare ad Ulthuan in tempo per la stagione della caccia.
  • -1968: Morgrim, cugino di Snorri, uccide in combattimento il fratello di Caledor, Imladrik, nella battaglia di Oeragor.
  • -1948: I Nani, guidati da Morgrim, distruggono la colonia Elfica di Athel Maraya per mezzo di un incendio.
  • -1602: Caledor II torna nel Vecchio Mondo per supervisionare la sconfitta dei Nani.
  • -1601: Battaglia delle Tre Torri ai cancelli di Tor Alessi. Il Re Fenice Caledor II viene ucciso in duello da Gotrek Spezzastelle, la corona della Fenice viene presa dai Nani. I Nani si ritirano nelle montagne e si rifiutano di combattere ancora. Non appena gli Elfi decidono di lanciare un attacco su Karaz-a-Karak, notizie li avvertono che il Re Stregone ha nuovamente invaso Ulthuan.
  • -1589: Caradryel, successore di Caledor II, richiama le armate degli Alti Elfi dal Vecchio Mondo per opporsi alla minaccia degli Elfi Oscuri che grava su Ulthuan. Molti interpretano la partenza degli eserciiti come un tradimento; alcuni coloni decidono di abbandonare il Vecchio Mondo con riluttanza, ma altri preferiscono restarvi.
  • -1560: Finisce la Guerra delle Barbe (Guerra della Vendetta).
  • -1501: L'ultima armata degli Alti Elfi salpa dal Vecchio Mondo lasciandosi alle spalle pochi coloni che rifiutano caparbiamente di partire. Tra questi gli Elfi che vivono ai confini di Athel Loren, cui se ne uniscono altri che abbandonano le colonie costiere. Si dichiarano indipendenti dal Trono della Fenice e diventano noti come Elfi Silvani.
  • -997: Il Re Fenice Caradryel muore di morte naturale.
  • -991: Comincia la codificazione dell'addestramento militare per i reggimenti di Alti Elfi.
  • -986: Il re Fenice Tethlis il Massacratore dichiara Il Rastrellamento, che culmina con l'uccisione di ogni Elfo Oscuro presente in Ulthuan.
  • -946: Gli Elfi Oscuri, tentando un'offensiva, raggiungono il Cancello del Grifone e incappano in una trappola meticolosamente preparata.
  • -922: Battaglia della Gola Grigia. Un grande esercito di Elfi Oscuri è colto di sorpresa e distrutto mentre era accampato in una valle nascosta nelle Terre d'Ombra.
  • -732: Nell'ultimo sforzo di vincere la guerra il Re Stregone lancia una disperata offensiva invernale attraverso i Reami D'Ombra, cattura molte fortezze Elfiche e finisce nel più amaro scontro tra Elfi includendo l'assedio di Tor Lehan. Dopo questa battaglia non rimangono sopravvissuti in entrambi gli schieramenti.
  • 693: Un'enorme flotta degli Elfi Alti veleggia verso l'Isola Maledetta e Naggaroth. La Battaglia delle Onde e combattuta sull'Isola Maledetta. Tethlis muore in misteriose circostanze. La flotta ritorna indietro.
  • -679: Fondazione della Torre di Hoeth nel reame di Saphery. Inizia il più lungo periodo di pace continuo nella storia Elfica.
  • -290: I primi Custodi del Sapere si radunano intorno alla torre in costruzione. All'interno sorge una vera e propria città per maghi ed allievi con mura proprie.
  • 497: La Torre di Hoeth completata. Fondazione dell'Ordine dei Maestri di Spada.
  • 605: La grande statua al Cancello del Grifone è completata come memoriale ai numerosi guerrieri Elfi morti per difenderlo.
  • 701: Comincia la crescita esplosiva del porto marittimo di Lothern. Riappare il Culto del Piacere. I Maestri di Spada di Hoeth, in qualità di agenti del re, cominciano la loro lunga e segreta guerra contro il Culto.
  • 876: I Comandanti di navi di Alti Elfi riportano notizia di navi fantasma nella nebbia e di canti di sirena che attirano i marinai verso la morte.
  • 1119: Il Re Fenice Aethis assassinato dal suo Primo Ministro, un segreto seguace di Slaanesh.
  • 1122: La spedizione punitiva degli Alti Elfi a Naggaroth è massacrata dagli Elfi Oscuri aiutati da un'orda urlante di schiavi drogati.
  • 1125: Gli Elfi Oscuri danno inizio alla Terza Invasione di Ulthuan nelle isole che circondano l'Isola Maledetta, nessuna delle due parti ha veramente la meglio.

I Guerrieri Ombra combattono una guerriglia da accampamenti nascosti fra le montagne nei pressi di Arnheim.

  • 1133: Il cancello del Grifone è assediato. Il Re Fenice Morvael sceglie Mentheus di Caledor come proprio generale e introduce il sistema di leva obbligatorio come servizio militare universale.
  • 1141: Continua l'assedio del Cancello del Grifone. La grande fortezza è circondata da un triplo anello di fossati e macchine da guerra.
  • 1146: L'assedio del Cancello del Grifone rotto dal generale Alto Elfo Mentheus alla guida di un'armata di lancieri e arcieri provenienti da Cothique e Chrace.
  • 1200: La Fortezza dell'Alba costruita su un'isola a Sud delle Terre Meridionali, con il passare del tempo l'influenza Elfica raggiunge anche la vicina costa dell'estramo sud delle Terre Meridionali. Successivamente verranno costruite La Torre delle Stelle, la città di Tor Elasor, la Torre del Sole, La città delle Spire, i Cancelli di Calith e Tor Elithis dalla popolazione degli Elfi, ma non si sa molto su queste città.
  • 1218: La Cittadella del Tramonto costruita nella punta meridionale di Lustria, l'influenza degli elfi su questo lato del mondo comprende anche l'isola minore davanti alla Città-Tempio in rovina Axlotl e una delle più grandi isole tra le Isole Tartaruga.
  • 1501: Il generale Alto Elfo Mentheus ucciso dall'invasore Anlec. Il suo drago, Zanna della notte, cade nella follia e scaccia l'armata degli Elfi Oscuri. Ricordato con dolore, il Re Fenice Morvael rientra nelle sacre fiamme e commette un suicidio rituale.
  • 1703: Iniziano gli attacchi dei Norsmanni ad Ulthuan. Magnus il Pazzo arriva ad assediare Lothern con 200 uomini.
  • 1783 Gli esploratori Elfi Oscuri scoprono una caverna nel Sottomondo che conduce alla colonia di Arnhelm degli Elfi Alti. Fino ad ora la colonia era stata protetta dalla Catena Spina Nera ad ovest e dalle Radure Maledette a Nord. Colte completamente impreparate molte fattorie degli Elfi Alti vengono distrutte. Poi, una volta organizzata una difesa, gli esploratori vengono ricacciati nelle montagne.
  • 1903 I maghi di Saphery attirano una coltre di nebbia sul mare vicino alle coste orientali di Ulthuan. Il Re Fenice Bel-Hathor proclama che nessun umano può mettere piede su Ulthuan.
  • 2000 Esplorazioni degli abitanti del Vecchio Mondo ad occidente, gli Elfi impediscono agli esploratori di entrare ad Ulthuan.
  • 2001 Finubar parte dal Vecchio Mondo, sbarca al porto di L'Anguille in Bretonnia. Egli viaggia per tutto il continente, intessendo relazioni con l'Impero, con Bretonnia e persino con i Nani.
  • 2033 Finubar si reca ad Athel Loren e incontra gli Elfi Silvani.
  • 2051 Finubar torna ad Ulthuan e persuade il Re Fenice Bel-Hathor ad annullare l'Interdizione. I commerci iniziano ad arrivare ad Ulthuan.
  • 2150 Gli Elfi del Mare allesticono delle stazioni commerciali nel Vecchio Mondo. Marienburg firma un trattato che garantisce loro diritti esclusivi di commercio con gli Elfi del Mare. Gli Elfi del Mare ritornano per la spartizione della fortezza di Sith Rionnasc.
  • 2301 Grande incursione del Caos a Ulthuan; gli Elfi Oscuri invadono Ulthuan col supporto degli alleati del Caos. La Regina Eterna Alarielle è salvata dal principe Tyrion; Teclis forgia la sua spada e

abbandona la Torre Bianca. Il Re Stregone è sconfitto durante la battaglia della piana di Finuval. Teclis lascia Ulthuan con Finreir e Yrtle per recarsi nel Nuovo Mondo ad aiutare Magnus il Pio. Karak Vlag scompare durante le prime fasi dell'Incursione del Caos.

  • 2303 Continua la battaglia contro il Caos, l'esito della guerra cambia nella battaglia cruciale di Grovod Forest, l'assedio di Kislev è tolto, l'armata del coas è respinta oltre il Lynsk nella

Desolazione del Caos. L'incursione del Caos si placa e si infrange dinanzi alla determinata resistenza dell'alleanza tra Imperiali e Kisleviti guidata da Magnus. Gli Elfi Oscuri si ritirano da Ulthuan dopo due anni di aspri combattimenti.

  • 2304Teclis fonda i Collegi di Magia ad Altdorf.

2326 Teclis torna ad Ulthuan e conquista la carica di Maestro del Sapere nella Torre di Hoeth.

  • 2391 Gli Elfi arrestano degli umani a Suiddock( Marienburg ) e li portano ad Elftown. Seguono delle rivolte, molti elfi sono linciati.
  • 2423 Eltharion, figlio di Morarion, guida con successo un assalto contro Naggarond. È la prima volta che gli Elfi Alti entrano a Naggarond e riescono a tornare vivi. Il Re Stregone medita e pianifica la sua vendetta.
  • 2425 Grom il Pancione, Re dei goblin, guida un assalto a Ulthuan. L'orda dei goblin è annientata dagli Elfi guidati da Eltharion a Tor Yvresse. Eltharion diventa il Guardiano di Tor Yvresse.
  • 2502 La flotta elfica guidata da Tyrion sconfigge i Norsmanni e li scaccia dalle coste di Ulthuan.
  • 2523 Scoppia la Tempesta del Caos. Ogni passo dei Confini del Mondo diventa un campo di battaglia e ogni schiera è chiamata alla guerra. Mentre Teclis con cinquecento guerrieri combatte al fianco dell'Imperatore Karl Franz e del Guerriero di Sigmar Valten, la flotta del Sire del Mare Aislinn massacra i Norsmanni sulle coste del Mare degli Artigli.

La passione per la cultura[modifica | modifica sorgente]

Gli Elfi sono forse il popolo più appassionato alla cultura di tutto il mondo di Warhammer fantasy. Possono fermarsi per ore davanti ad un'opera d'arte senza accorgersi del tempo che scorre. Ai loro occhi gli umani, in intelligenza, non sono meglio di Orchi e Goblin.Si considerano superiori a tutte le altre razze, e per questo motivo sono considerati molto orgogliosi, se non addirittura arroganti. L'esempio lampante di questa loro caratteristica sono i Principi Drago di Caledor, così boriosi da non abbassare il proprio vessillo di guerra nemmeno in presenza del sommo Re fenice.

Componenti e modalità del loro esercito[modifica | modifica sorgente]

Nel gioco in cui sono ambientati, gli Alti Elfi tendono ad essere molto costosi in termini di punti, costi però ampiamente ripagati dagli alti valori di Disciplina, Iniziativa e Movimento. Le tattiche elfiche in battaglia assomigliano a quelle dell'esercito Romano. Nonostante vengano spesso giudicati un esercito difensivo, sono altamente adattabili e riservano molte soddisfazioni per un giocatore abile. La spina dorsale dell'esercito elfico è sicuramente la fanteria. Gli Arcieri, che agiscono nelle retrovie insieme agli stregoni e alle possenti baliste a ripetizione, sono tra i più abili di tutte le razze di Warhammer. Davanti si trovano i Picchieri di Ulthuan e i Maestri di Spada di Hoeth, forse i migliori guerrieri del Vecchio Mondo, affiancati dalla veloce cavalleria di supporto formata dagli Elmi d'Argento, dai Predoni di Ellyrion e dai Principi-Drago.

La divisione di Ulthuan è formata da:

  • Grandi Eroi ed Eroi: la attuale Regina Eterna Alarielle.
    • Grandi Eroi Elfici: formata dagli eroi più potenti degli Alti Elfi che guidano la propria popolazione in battaglia. Sono divisi tra Principi, grandi combattenti e Arcimaghi, sommi sapienti delle arti magiche. Questi personaggi possono cavalcare un drago (del sole o della luna o delle stelle), un grifone, un'aquila gigante o un destriero. I principi possono portare qualsiasi tipo di armi e armature e trasportare oggetti magici dai poteri più svariati.

Gli Eroi Elfici sono suddivisi tra Maghi e Comandanti.

    • Maghi Elfici: Tra tutte le razze del mondo di Warhammer sono gli esseri più istruiti e saggi, ma non eguagliano la potenza degli Arcimaghi. I comandanti invece sono Condottieri di minor potere rispetto ai principi e possono portare alcuni tra gli stendardi più strabilianti del mondo di Warhammer.
  • Truppe
    • Milizia cittadina: la maggioranza dei guerrieri che compongono la milizia cittadina non sono soldati di professione. Questa milizia è una forma di esercito a tempo determinato in cui tutti servono a turno e ogni elfo provvede al proprio equipaggiamento da guerra per difendere la propria casa e la patria. La milizia cittadina si divide in:
      • Arcieri: non sono i migliori soldati delle schiere Elfiche ma hanno comunque una portata da tiro elevata e una mira formidabile.
      • Picchieri: sono disciplinati soldati che come arma utilizzano la picca e la spada e come difesa utilizzano lo scudo.
    • Guardia del Mare di Lothern: queste pattuglie marine che difendono Ulthuan accorrono ad ogni richiesta d'aiuto. Essi sono abili soldati che si spostano via nave, muniti di picche, di scudi e di archi che consentono loro di attaccare anche a distanza.
  • Truppe speciali
    • Elmi d'Argento: Sono costituiti dai figli della Nobiltà Elfica e hanno l'opportunità di combattere i nemici di Ulthuan. Vista la loro discendenza essi dispongono dei mezzi per equipaggiarsi da cavaliere in armatura completa. Devono il proprio nome ai tradizionali elmi alti che portano, lucidi come specchi e indossati con vesti del bianco più splendente. Sono una razza fiera e vogliono che il loro nemico sappia chi ha decretato il loro fato, ragione per cui si vestono in questo modo sgargiante.
    • Predoni di Ellyrion:abitanti del regno dal quale prendono il nome, sono esperti pattugliatori e si occupano di avvertire l'esercito in caso di attacco da parte degli elfi oscuri.
    • Principi Drago di Caledor: sono un'unità di cavalleria appartenenti alla nobiltà di questa regione di Ulthuan. Anticamente cavalcavano draghi, ma poiché queste bestie possenti sono ora immerse in un sonno profondo da secoli, possono solo ricordarli con orgoglio: ogni singolo pezzo delle bardature dei loro destrieri da guerra rievoca quel passato glorioso. In battaglia sono degli avversari temibili, superiori a molte delle cavallerie d'élite delle altre razze. Di questa superiorità essi sono ben coscienti e questo li rende molto orgogliosi e spesso arroganti, tanto che «orgoglioso come un Caledoriano« è diventato un insulto comune tra gli Alti Elfi.
    • Maestri di spada di Hoeth: questi guerrieri sono forse fra i più abili nel mondo di Warhammer; storicamente fungono da guardia del corpo ai maghi della mistica torre bianca di Hoeth situata nel reame di Saphery. Statisticamente sono un'eccellente unità da corpo a corpo e grazie alla loro elevata AC (abilità di combattimento) e alla loro regola speciale «maestro di spada» (che permette loro di impugnare grandi armi come fossero comuni armi bianche, consentendo loro di arrivare a forza 5 senza dover attaccare per ultimi) resistono discretamente in corpo a corpo; attenzione però hanno resistenza 3 per cui tendono a cadere facilmente contro avversari come il Caos o i Nani per cui bisognerebbe far caricare i maestri di spada insieme ad un'altra unità, specialmente con la cavalleria. Infine possono portare uno stendardo del valore massimo di 50 punti e il campione dell'unità può portare fino a 25 punti di oggetti magici.
    • Guerrieri Ombra: sono l'unica unità schermagliatrice nell'esercito ed in combattimento sono in grado di dimostrare grande abilità sia con le spade sia con gli archi, come la maggior parte degli Alti Elfi, ma peccano in resistenza, il punto debole di tutto l'esercito. Solitamente il loro compito (essendo oltretutto un'unità di perlustratori) è quello di schierarsi il più possibile vicino al nemico per poi andarne a distruggere le unità più deboli in corpo a corpo (Arcieri e tiratori in generale, macchine da guerra e maghi) o limitarne il movimento tempestandoli nel contempo con una salva di frecce. Nella storia del gioco, il territorio dei Guerrieri Ombra è macchiato da una grave colpa: è infatti da queste terre che hanno avuto origine molti dei traditori che nel tempo della Scissione hanno portato alcuni Alti Elfi a scegliere la via del male formando il nuovo popolo degli Elfi Oscuri.
    • Guardia della Fenice: fanteria molto disciplinata che usa formazioni di muri di Alabarde. È quanto più si possa desiderare in merito a armi e armature di fattura elfica: la loro armatura di color bronzo è costituita da un elmo in stile greco con degli ornamenti orientalizzanti, la corazza pesante di petto di tipo muscolare (una delle più pregiate), le spalline sono simili a quelle della lorica segmentata adottata dagli antichi romani, per la protezione delle braccia hanno dei bracciali di metallo, all'altezza del pube hanno come ornamenti una fascia di tessuto pregiato legata alla vita sopra la corazza, sempre come ornamento hanno una tunica color porpora ornata di bordi oro che parte dalla fine della corazza e arriva al ginocchio, al di sotto di questa "gonnella" vengono indossati dei gambali di metallo sopra le cosce nascosti dalla gonnella per far risaltare le decorazioni del tessuto, infine vengono indossati dei gambali che ricoprono la parte dal ginocchio fino al piede che indossa stivali elfici finemente lavorati. Sono armati con una spada corta di stile orientale molto bella, una alabarda lunga dai 3 ai 4 metri.
    • Carro di Tiranoc: eccezionale unità che combatte sul rapido carro trainato dai leggendari destrieri di Tiranoc, sono i primi a rispondere alla chiamata alle armi dopo la milizia cittadina. Si dimostrano degli eccellenti supportisti. così come i più lenti, ma decisamente più impetuosi compagni leoni bianchi su carro dei leoni.
    • Leoni Bianchi: Fanteria che combatte con grosse asce a due mani, capaci di tagliare un uomo a metà in un solo colpo. Portano il nome di Leoni Bianchi, perché devono prima uccidere questo animale per poter ricevere questo titolo, dopo avere ucciso un Leone Bianco devono portare la sua pelliccia sulle spalle, che li protegge contro i tiri a distanza. Grazie anche alla loro potente ascia sono molto forti, e per essere dei boscaioli possono muoversi più facilmente nella vegetazione e nei boschi.
  • Truppe Rare
    • Balista a Ripetizione: Grandi Baliste semifisse di grande gittata, potenza e versatilità. Sono in grado di scagliare un singolo colpo in grado di perforare ranghi di nemici corazzati o di uccidere un drago oppure una salva di enormi frecce tali da falciare qualsiasi reggimento avversario sul campo di battaglia.
    • Grande Aquila: Grande volatile spesso utilizzato per disorientare i ranghi nemici e distruggere le macchine da guerra avversarie.