Altare di roccia vichingo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Altare di roccia vichingo
Uno dei buchi vagamente triangolari scavati nel masso
Uno dei buchi vagamente triangolari scavati nel masso
Civiltà Vichinga
Utilizzo Altare
Epoca XI secolo
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Comune Sauk Center
Scavi
Data scoperta 1943

L'altare di roccia vichingo di Sauk Center è un masso erratico[1] nonché un punto di riferimento per l'orientamento. È stato ipotizzato che i Vichinghi abbiano usato questa roccia come altare durante la loro ipotetica esplorazione dell'Midwest settentrionale negli Stati Uniti d'America.[2]

Il masso fu rinvenuto nel 1943, è lungo circa 8,2 metri e largo 5,2 metri. Gli storici locali della contea di Todd[3] sostengono che la roccia fosse un altare: due serie di buchi, vagamente triangolari ed a circa un metro dalla base, hanno fatto pensare che si trattasse di un piano d'altare, mentre altri buchi alle estremità sostenevano pali su cui si poteva porre un baldacchino.[2] Questa interpretazione delle prove resta controversa[3] e non c'è consenso tra archeologi e storici,[3] anche se la roccia viene proposta come attrazione di un "Percorso dei Vichinghi" che mostra le ipotetiche prove di un'esplorazione vichinga del Minnesota.[3]

L'"altare" fu riconsacrato nell'agosto del 1975 con una Celebrazione eucaristica ecumenica.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michlovic, Michael B. "Folk Archaeology in Anthropological Perspective" Current Anthropology, Vol. 31, No. 1 (Feb., 1990), pp. 103-107
  2. ^ a b Michael W. Hughey, Michael G. Michlovic, "Making" history: The Vikings in the American Heartland in International Journal of Politics, Culture, and Society, vol. 2, nº 3, doi 10.1007/BF01384829.
  3. ^ a b c d e Patricia Monaghan, "A Viking Visitation?" in Wineries of Wisconsin and Minnesota (Minnesota Historical Society, 2008), p. 82 online.
Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America