Alpi di Kitzbühel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alpi di Kitzbühel
Continente Europa
Stati Austria Austria
Catena principale Alpi Scistose Tirolesi (nelle Alpi)
Cima più elevata Kreuzjoch (2.558 m s.l.m)

Le Alpi di Kitzbühel (in tedesco Kitzbüheler Alpen) sono una sottosezione[1] delle Alpi Scistose Tirolesi. La vetta più alta è il Kreuzjoch che raggiunge i 2.558 m s.l.m.

Si trovano in Austria (Tirolo e Salisburghese).

Prendono il nome dalla città tirolese Kitzbühel.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le Alpi di Kitzbühel secondo l'AVE sono individuate dal numero 34.

Secondo la SOIUSA sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

Secondo l'AVE costituiscono il gruppo n. 34 di 75 nelle Alpi Orientali. Appartengono alle Alpi Centro-orientali[2]..

Delimitazioni[modifica | modifica sorgente]

Confinano:

Suddivisione[modifica | modifica sorgente]

In accordo con le definizioni della SOIUSA le Alpi di Kitzbühel sono suddivise in tre supergruppi e sette gruppi (tra parentesi i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi):

  • Alpi di Wildschönau (A)[3]
    • Gruppo del Salzachgeier (A.1)
      • Nodo del Salzachgeier (A.1.a)
      • Nodo del Kröndl (A.1.b)
      • Costiera di Kelchsauer e di Windau (A.1.c)
    • Gruppo del Kreuzjoch (A.2)
      • Nodo Kreuzjoch-Torhelm (A.2.a)
      • Nodo di Alpbach e di Wildschönau (A.2.b)
        • Costiera Sonnenjoch-Beil (A.2.b/a)
        • Costiera del Galtenberg (A.2.b/b)
        • Costiera Bretegg-Feldalpenhorn (A.2.b/c)
    • Gruppo del Rettenstein (A.3)
      • Nodo dello Steinkogel (A.3.a)
      • Windauer-Spertenkamm (A.3.b)
      • Nodo del Rettenstein (A.3.c)
      • Sperten-Jochbergkamm (A.3.d)
  • Catena Pölven-Ellmau (B)
    • Gruppo dell'Hohe Salve (B.4)
    • Nodo del Pölven (B.5)
  • Gruppo della Glemmtal i.s.a. (C)
    • Gruppo della Glemmtal in senso stretto (C.6)
      • Costiera del Geßstein (C.6.a)
      • Costiera dell'Hoher Penhab (C.6.b)
      • Costiera dell'Hochkogel (C.6.c)
      • Costiera dello Schattberg (C.6.d)
    • Catena Schusterkogel-Wildseeloder-Spielberghorn (C.7)
      • Costiera Schusterkogel-Gamshag (C.7.a)
      • Costiera Ranken-Hochalmspitz (C.7.b)
      • Costiera Kitzbüheler Horn-Karstein (C.7.c)
      • Costiera del Wildseeloder (C.7.d)
      • Costiera dello Spielberghorn (C.7.e)

Vette[modifica | modifica sorgente]

Le montagne principali del gruppo sono:

  • Kreuzjoch, 2.558 m
  • Torhelm - 2.494 m
  • Salzachgeier, 2.469 m
  • Galtenberg, 2.424 m
  • Großer Rettenstein, 2.362 m
  • Geissstein, 2.363 m
  • Grosse Beil, 2.309 m
  • Sonnenjoch, 2.287 m
  • Hochkogl, 2.249 m
  • Wildkogel, 2.225 m
  • Gamshag, 2.180 m
  • Bischof, 2.127 m
  • Wildseeloder, 2.118 m
  • Spielberghorn, 2.044 m
  • Brechhorn, 2.032 m
  • Kitzbüheler Horn, 1.996 m
  • Breitegg, 1.989 m
  • Schmittenhöhe, 1.965 m
  • Feldalpen, 1.926 m
  • Wildenkarkogel, 1.910 m
  • Hohe Salve, 1.828 m
  • Hahnenkamm, 1.712 m

Rifugi[modifica | modifica sorgente]

Alcuni dei rifugi del gruppo montuoso sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In accordo con le definizioni della SOIUSA.
  2. ^ C'è sostanziale uniformità tra la SOIUSA e l'Alpenvereinseinteilung der Ostalpen nell'inserire i vari gruppi alpini tra le Alpi Nord-orientali e le Alpi Centro-orientali. La differenza principale la si osserva per le Prealpi del Tux e le Alpi di Kitzbühel (che insieme formano le Alpi Scistose Tirolesi) che la SOIUSA colloca nelle Alpi Nord-orientali a differenza dell'Alpenvereinseinteilung der Ostalpen che le mette in quelle Centro-orientali.
  3. ^ Prendono il nome da Wildschönau, comune del Tirolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna