Alonso García Bravo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Alonso Garcia Bravo)
Monumento di Alonso Garcia Bravo nel centro di Città del Messico

Alonso García Bravo (Rivera, 1490 circa – Oaxaca de Juárez, 1563 circa) è stato un condottiero, architetto e urbanista spagnolo.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Alonso Garcia Bravo, figlio di Gonzalo Garcia Bravo, nacque nell'ultima decade del XV secolo in Spagna a Rivera [1] in Estremadura e morì in data imprecisata comunque dopo il 1563[2] ad Antequera, l'odierna Oaxaca de Juárez in Messico.

Alonso Garcia Bravo sposò nel 1532 circa a Tenochtitlan, odierna Città del Messico, la spagnola Maria Nuñez, figlia di Anton Gutierrez de Almodovar e di Violante Nuñez. Dal matrimonio nacque una sola figlia: Violante che sposò a Antequera Melchor Juárez di Cordova nel 1551[3].

Nel Nuovo Mondo[modifica | modifica sorgente]

Come gli altri conquistatori spagnoli Alonso Garcia Bravo aveva uno spirito avventuroso ed era in cerca di fortuna che a quei tempi si cercava nel Nuovo Mondo dove giunse giovanissimo. A differenza degli altri spagnoli che, solo avidi di ricchezze, si unirono alle spedizioni nell’interno dell’America Meridionale, Alonso Garcia Bravo aveva qualità che lo distinguevano da tutti gli altri suoi compagni d'armi: per le sue conoscenze di geometria e capacità di calcolo divenne il “mastro d’opere” delle spedizioni di Hernan Cortes.

Nel 1513, insieme al governatore Pedro Arias di Avila, partecipò alla conquista del Nuovo Mondo e nel 1518 ebbe il suo battesimo del fuoco nella battaglia di Panuco, dove rimase ferito, sotto il comando di Diego de Camargo. Si unì quindi alla guarnigione lasciata da Hernan Cortes a “La Villa Rica de la Vera Cruz”, dove il condottiero era appena sbarcato. Qui mise in luce le sue capacità di costruttore approntando una piccola fortezza che dette riparo agli spagnoli dai continui attacchi degli indigeni. Al seguito di Hernan Cortes partecipò alla presa di Almeria, Tlapacoya e Misantla, ma non di Tenochtitlan perché per ordine dello stesso Cortes era rimasto a Veracruz per rinforzarne le difese.

La sua competenza nel progettare le difese di “La Villa Rica de la Vera Cruz” convinse Hernan Cortes, dopo la conquista di Tenochtitlan, la capitale degli Aztechi, a portarlo in Messico per affidargli l’incarico di tracciare la pianta di quella che sarebbe stata la capitale della Nuova Spagna, cioè Città del Messico, sulle rovine di Tenochtitlan.

Palazzo di Hernan Cortes a Coyoacán costruito da Alonso Garcia Bravo
Tenochtitlan al tempo di Alonso Garcia Bravo in un murales di Diego Rivera nel Palacio Nacional di Mexico City

Nella capitale Alonso Garcia Bravo risiedette dal 1521 circa fino al 1532 o 1533 prendendo moglie e costruendo il palazzo di Cortes a Coyoacan, secondo la testimonianza di Martin de la Mesquita, e progettò e forse anche costruì il palazzo della "Real Audiencia" secondo Andres de Rosas [1].

Mentre Cortes risiedeva a Coyocan, sulla riva del lago, Alonso Garcia Bravo iniziò i lavori per far sorgere la nuova città sull’isola in mezzo al lago sulle rovine di Tenochtitlan. Il “Maestro d'opere” di Cortes fu facilitato nel suo lavoro poiché sfruttò molti elementi architettonici preesistenti. La pianta di Tenochtitlan era simile a quella di molte città europee : una piazza centrale quadrangolare in cui confluivano le strade principali, fiancheggiata sui quattro lati dagli edifici di maggior importanza come templi, palazzi, case signorili, di cui si sfruttarono le fondamenta, e dietro ad ognuna di esse c’erano costruzioni minori. Le strade di Tlacopan (Tacuba a Ovest), Iztapalapa (Tlalpan a Sud) e Tepeyac (a Nord), insieme con un'altra più piccola che correva dal centro in direzione Est e conduceva all’imbarcadero della Laguna di Messico, furono utilizzate da Garcia Bravo come assi viari per la costruzione della città spagnola. A partire da queste tracciò linee parallele alle strade di Iztapalapa e Tepeyac e perpendicolari rispetto a Tacuba e a quella che conduceva all’imbarcadero. La prima traccia formava un grande quadrato e aveva una superficie di poco inferiore ai 145 ettari della precedente città indigena. Il lato Nord della città spagnola era delimitato dalla attuale via Colombia, il lato Sud da quella di San Geronimo, l’Est dalla via La Santissima e il lato Ovest dall’attuale Asse Centrale. I canali impedirono la costruzione di mura intorno alla città e quindi si dispose che in essa potevano risiedere solo gli spagnoli. Gli Indios si raggrupparono in quartieri, come ai vecchi tempi, al di là dei canali che fungevano da confini naturali del primo tracciato della città. [4]

I fatti della Conquista lo portarono a Veracruz al tempo in cui Hernan Cortes sconfiggeva Panfilo de Narvaez e poi fu chiamato a Antequera, dove risiedette fino alla sua morte, per tracciarne il piano urbanistico[5]. Ciò è testimoniato da Cristobal Martin de Leyva nel documento di servizio di Alonso Garcia Bravo conservato nell’Archivo General de Indias.

Garcia Bravo giunse quindi a Antequera con la sua famigliola e da allora in poi, è cosa ben nota, vi risiedette stabilmente occupando anche cariche pubbliche come quella di sindaco e di sceriffo oltre che come architetto e pianificatore.

Qui ottenne le "encomiendas" La Chontalpa in Tepalcatepec e Mixtepec in Mixteca Alta come magra ricompensa dei suoi servigi alla corona spagnola. Magra ricompensa perché le rendite di questi beni non gli consentivano di coprire le eccessive spese che il suo rango imponevano nella Nuova Spagna e a suo maggior discapito la prima encomienda gli fu anche tolta non si sa per quale motivo, senza che lui se ne lagnasse.

La maggior fonte di questa notizie a cui hanno attinto tutti i suoi biografi ufficiali è data dalla dichiarazione dei meriti inoltrata nell'ottobre del 1604[6] da sua bisnipote Violante de la Serna Guzman rappresentata da suo marito Pedro Martinez.

La cittadina di Ribera del Fresno in Estremadura, Spagna gli ha dedicato un monumento nella piazza principale, così come Città del Messico gli ha eretto un monumento nel centro storico nella piazza a lui dedicata.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (ES) Mantecón Navasal, José Ignacio; Manuel Toussaint “Información de méritos y servicios de Alonso García Bravo, alarife que trazó la ciudad de México”
  • (ES) Jorge Fernando Iturribarria “El Alarife de Antequera”
  • (ES) Alejandro Rosas "Sabías que...La ciudad del águila y la cruz"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Fonte: Jorge Fernando Iturribarria (ES) El Alarife de Antequera
  2. ^ Nel 1563 Alonso Garcia Bravo, insieme al genero Melchor Juárez, entrambi residenti a Oaxaca, inoltrano una relazione alla Audiencia Reale del Messico illustrando i servigi fatti al re di Spagna nella Nuova Spagna. (ES) "Otra hecha ante la Audiencia de México a instancia de Melchor Juárez y Alonso García Bravo, vecinos de Oaxaca, sobre los servicios hechos a Su Majestad en la Nueva España. Una pieza. 1562. Nº 8. Año de 1563." Fonte: Pares Archivo General de Indias dentro de la unidad Justicia código de referencia: ES.41091.AGI/16414.57.1//JUSTICIA,1029 fecha formación: 1536/1571.
  3. ^ Dal matrimonio di Violante con Melchor Juárez di Cordova nacquero sei figli. Una di questi fu Beatrice Juárez di Cordova che sposò Hernando de la Serna Guzman, la cui figlia Violante de la Serna Guzman sposò Pedro Martinez, senza aver probabilmente figli. Per la testimonianza di Baltasar Dorantes de Carranza data nel suo “Sumaria relacion de las cosas de la Nueva España”, si sa che i discendenti di Violante viventi nel 1604 erano: Juan de Esquivel - Garcia Perez de Vargas - Fernando de Vera - Juan de la Serna - Anton de la Serna - Ramiro Nuñez de Guzman - Violante de la Serna Guzman. Di quest’ultima si conoscono il padre: Hernando de la Serna Guzman; il nonno: Melchor Juárez de Cordova; il bisnonno: Alonso Garcia Bravo; tutti questi sono annoverati tra i conquistatori della Nuova Spagna contemporanei di Hernan Cortes ad eccezione di Hernando de la Serna Guzman. Fonte: Jorge Fernando Iturribarria (ES) El Alarife de Antequera
  4. ^ Fonte:(ES) Alejandro Rosas Sabías que... La ciudad del águila y la cruz brano tradotto dallo spagnolo da Albertomos
  5. ^ Sembra che avesse ottenuto l'incarico dalle autorità locali in opposizione al volere di Cortes che rivendicava quei luoghi come sottoposti alla sua autorità feudale. Fonte: Jorge Fernando Iturribarria (ES) El Alarife de Antequera
  6. ^ (ES) "Fecha Creación: 1604 Información de los méritos y servicios de Hernando de la Serna, Melchor Suárez de Córdoba, Alonso García Bravo, Antón Gutiérrez de Almodóvar y Pedro del Castellar, hechos en el descubrimiento y conquista de México y Nueva España con Hernán Cortés. A Alonso García Bravo por ser uno de los buenos geométricos fue nombrado por Cortés para que trazase la ciudad de México, sus calles y plazas como hoy lo está." Fonte: Archivo General de Indias, dentro de la unidad Méritos,servicios:Hernando de la Serna y otros:Nueva España fecha creacion: 1604

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]