Alois Delug

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alois Delug

Alois Delug (Bolzano, 25 maggio 1859Vienna, 17 settembre 1930) è stato un pittore austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi ginnasiali, iniziò a occuparsi di pittura, venendo formato dal pittore Heinrich Schöpfer. Si trasferì ad Innsbruck per studiare storia, fino a che non si trasferì all'accademia di belle arti di Vienna, dove si diplomò nel 1880. Si specializzò poi alla scuola di ritratto e dipinto storico di Leopold Carl Müller, prima di affrontare un viaggio di tre anni in Italia, Spagna, Germania e Paesi Bassi.

Dal 1896 tornò a Vienna dove due anni dopo cominciò ad insegnare all'accademia, cattedra che coprì al 1928. Tra i suoi studenti si possono citare Hans Fronius, Anton Kolig, Albert Stolz, Hans Popp e Franz Gruss. Secondo il biografo di Adolf Hitler Josef Greiner, nel 1907 Delug negò ad Hitler un posto all'accademia.[1]

Nel 1931 la città di Vienna gli ha dedicato una strada nel distretto di Döbling.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Ins Asyl, um nicht Soldat zu werden?, Der Spiegel, 06-10-1965. URL consultato il 09-03-2012.

Controllo di autorità VIAF: 42991002