Allium ampeloprasum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Allium porrum)
bussola Disambiguazione – "Porro" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Porro (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Porro
Purjolök, Iduns kokbok.jpg
Allium ampeloprasum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Allium
Specie A. ampeloprasum
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Sottofamiglia Allioideae
Nomenclatura binomiale
Allium ampeloprasum
L.
Sinonimi

Allium porrum
L.
Allium ampeloprasum var. porrum
(L.) J.Gay
Allium laetum
Salisb.
Porrum commune
Rchb.
Porrum sativum
Mill.

Il porro (Allium ampeloprasum L.) è una pianta erbacea monocotiledone tradizionalmente classificata nella famiglia delle Liliaceae, che la moderna classificazione APG colloca tra le Amaryllidaceae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Infiorescenza di porro

Le foglie sono opposte di colore verde scuro o verde giallastro che sono portate raggruppate a formare una sorta di pseudo-fusto.

I fiori sono bianchi verdastri, formati da tre pezzi e portati in infiorescenza ad ombrella al termine di uno scapo fiorale che si sviluppa nel secondo anno di vita della pianta.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il porro è originario della regione mediterranea, probabilmente dal Vicino Oriente.

La sua coltivazione è di antichissima memoria: il porro era conosciuto dagli Egizi e dai Romani.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Il porro è un ortaggio. La parte edule è rappresentata dalla parte terminale delle foglie (la parte bianca), mentre viene comunemente scartata la parte verde delle stesse foglie.
La varietà Allium ampeloprasum var. kurrat chiamato comunemente kurrat è coltivata in Egitto e Medio Oriente. Viene largamente utilizzato nella cucina araba e maghrebina principalmente per le foglie.

Nella medicina tradizionale cinese e in macrobiotica il porro è considerato un alimento riscaldante.

Il porro ha proprietà diuretiche e disintossicanti.

Porro crudo
Valori nutrizionali per 100 g
Energia 61 kcal (250 kJ)
Proteine 1,5 g
Carboidrati
Totali 14,15 g
Grassi
Totali 0,3 g
Saturi 40 mg
Monoinsaturi 4 mg
Polinsaturi 166 mg
Colesterolo 0 mg
Acqua 83 g
Vitamine
Vitamina A 95 UI
Tiamina (Vit. B1) 60 µg
Riboflavina (Vit. B2) 30 µg
Niacina (Vit. B3) 400 µg
Acido pantotenico (Vit. B5) 140 µg
Vitamina B6 233 µg
Acido folico (Vit. B9) 64 µg
Vitamina C 12 mg
Vitamina E 0,92 mg
Minerali
Calcio 59 mg
Ferro 28 mg
Fosforo 35 mg
Magnesio 28 mg
Manganese 481 µg
Potassio 180 mg
Rame 120 µg
Selenio 1 µg
Sodio 20 mg
Zinco 120 µg

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'imperatore romano Nerone fu soprannominato "il porrofago" perché era ghiotto di porri che utilizzava in gran quantità per schiarirsi la voce.

Il porro è simbolo nazionale del Galles.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society 2009; 161(2): 105–121.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]