Allium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aglio
Alliumvineale1web.jpg
Allium vineale (Aglio delle vigne)
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Allium
L., 1753
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Sottofamiglia Allioideae
Sinonimi

Caloscordum
Cepa
Milula
Nectaroscordum

Specie
(Vedi: Specie di Allium)

Allium L. 1753 è un genere di piante spermatofite monocotiledoni appartenenti alla famiglia delle Liliaceae (o Amaryllidaceae secondo la classificazione APG[1]), dall’aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica infiorescenza a globo e forte aroma di aglio o cipolla.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia del termine generico (allium) è molto antica. Le piante di questo genere erano ampiamente conosciute sia dai Romani che dai Greci (quest'ultimi comunque non le apprezzavano completamente a causa del loro forte e acre odore). Sembra comunque che il termine abbia una derivazione celtica e significhi “bruciante” in riferimento al forte odore acre e pungente della pianta[2]. Uno dei primi ad usare questo nome per scopi botanici fu il naturalista francese Joseph Pitton de Tournefort (1656 - 1708).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il portamento
Allium ampeloprasum

I dati morfologici si riferiscono soprattutto alle specie europee e in particolare a quelle spontanee italiane.
L'aspetto di queste piante in genere è erbaceo perenne con una altezza variabile, ma comunque non molto superiore al metro (a parte qualche eccezione: Allium commutatum Guss. e qualche altra specie). La forma biologica prevalente è geofita bulbosa (G bulb), ossia sono piante che portano le gemme in posizione sotterranea. Durante la stagione avversa non presentano organi aerei e le gemme si trovano in organi sotterranei chiamati bulbi, organi di riserva che annualmente producono nuovi fusti, foglie e fiori. Il particolare aroma di queste piante è dato dalla presenza di composti solforati. Sono inoltre quasi del tutto glabre.

Radici[modifica | modifica wikitesto]

Le radici sono fascicolate da bulbo e uscenti dalla parte terminale dello stesso.

Fusto[modifica | modifica wikitesto]

Il bulbo
Allium cepa
  • Parte ipogea: la parte sotterranea del fusto è bulbacea (raramente rizomatosa o semplici radici di tipo tuberoso). I bulbi possono essere singoli o numerosi (aggregati), piccoli a forma ovale allungata oppure grandi e globosi. Alcuni possono essere sovrapposti ad un rizoma (Allium victorialis). I bulbi sono ricoperti da una tunica fibrosa, reticolata o liscia.
  • Parte epigea: la parte aerea dei fusti diparte direttamente dai bulbi; alcuni fusti sono cavi (fistolosi), generalmente a sezione tonda. Alla base lo scapo è avvolto da guaine.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie
Allium caeruleum

Le foglie sono solamente del tipo radicale a disposizione spiralata. La forma è allungata, stretta o allargata ma sempre o appiattita o quasi cilindrica; in tutti i casi la lunghezza è preponderante rispetto alla larghezza. Spesso quelle più grandi si ripiegano all'indietro e all'infuori. In diverse specie le foglie sono cave (fistolose).

Infiorescenza[modifica | modifica wikitesto]

Infiorescenza
Allium cepa

Le infiorescenze di tipo ombrellifero sono terminali e definite composte da diversi fiori. La forma è globosa più o meno emisferica. Spesso alla base dell'infiorescenza è presente una spata scariosa (un tipo di brattea cartacea tipica di questi fiori) bi-tri-valve la cui funzione è quella di proteggere l'infiorescenza. Il colore dei fiori varia da bianco a rosato a violetto o azzurro, in certi casi anche giallo. In alcune specie possono essere presenti dei bulbilli fertili che in certi casi sostituiscono quasi completamente i fiori.

Fiori[modifica | modifica wikitesto]

I fiori
Allium moly

I fiori sono ermafroditi, attinomorfi, 5-ciclici (2 verticilli di tepali, 2 verticilli di stami e 1 verticillo del gineceo) e trimeri (ogni verticillo è composto da tre elementi).

  • Formula fiorale: per queste piante viene indicata la seguente formula fiorale:
* P 3+3, A 3+3, G (3) (supero), capsula[3]
  • Perigonio: il perigonio è formato da 6 tepali più o meno uguali. Sono liberi o connati alla base. Questi tepali sono petaloidi, ossia svolgono la funzione vessillifera (e di protezione degli organi sessuali) tipica dei petali.
  • Androceo: gli stami sono 3+3 con filamenti allargati in vicinanza delle antere oppure no; a volte sono riuniti alla base. La parte terminale è semplice o tricuspidata. Questi stami a volte sono inclusi nel perigonio.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

I frutti sono delle capsule. La deiscenza avviene lungo le nervature principali del frutto (capsula loculicida). La forma è vagamente triangolare con tre logge in ognuna delle quali sono contenuti uno-due semi. I semi sono neri a forma romboidale o sferoide.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Impollinazione: l'impollinazione è garantita soprattutto da diversi insetti, come api e vespe in quanto sono piante nettarifere (impollinazione entomogama).
  • Riproduzione: la fecondazione avviene sia tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra), ma anche per divisione del piede (propagazione tipicamente orticola). Un altro tipo di riproduzione di queste piante è tramite delle gemme avventizie (bulbilli) poste sia nella zona dell'infiorescenza che tra i bulbi sotterranei.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Allium ha una distribuzione relativa soprattutto alle regioni extra-tropicali dell'emisfero boreale, eccezion fatta per alcune specie cilene (come Allium juncifolium), o brasiliane (come Allium sellovianum) o dell'Africa subsahariana (Allium spathaceum).
Come habitat alcune piante prediligono le zone fresche e ombreggiate lievemente umide (quasi paludose) su terreni relativamente ricchi di sostanze nutrizionali, ma altre preferiscono terreni asciutti (quasi aridi) e caldi specialmente nell'Italia del sud.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione tradizionale pone il genere Allium all'interno della famiglia delle Liliaceae, ordine delle Liliales. La classificazione APG II ne aveva proposto la collocazione nella famiglia a sé stante delle Alliaceae[4], mentre la Classificazione APG III ha declassato tale raggruppamento al rango di sottofamiglia (Allioideae) della famiglia Amaryllidaceae.[1][5]

La nomenclatura scientifica attualmente accettata (Allium) è stata proposta da Carl von Linné (1707 – 1778) biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione Species Plantarum del 1753.
La specie tipo per il genere è Allium sativum L.

Il genere Allium comprende oltre 550 specie[6] (delle quali una settantina sono presenti spontaneamente sul territorio italiano), mentre l'attuale famiglia, delle Alliaceae, comprende oltre 600 specie distribuite su circa 13 generi[6][7].
Gli elementi (o caratteri) distintivi utili da un punto di vista tassonomico, e quindi per distinguere una specie dall'altra sono il colore dell'infiorescenza insieme alla sua forma, i filamenti staminali (soprattutto i tre più interni), ma anche le foglie (piane o cilindriche) o la parte sotterranea (bulbo).
Il genere è molto vasto per cui normalmente viene diviso in sottogeneri e sezioni. Le specie italiane, da un punto di vista ormai storico, sono suddivise in sei sezioni in base al lavoro svolto dal botanico toscano Adriano Fiori (1865 – 1950):

  • MOLLIUM: specie a foglie piane;
  • SCHOENOPRASUM: specie a foglie fistolose;
  • MACROSPATHA: in queste specie il perigonio è campanulato;
  • RHIZIRIDIUM: la parte sotterranea del fusto consiste in rizomi striscianti sottostanti a dei bulbi;
  • PORRUM: gli stami interni sono tricuspidati;
  • NECTAROSCORDIUM: il perigonio è formato da due verticilli diseguali (i pezzi interni sono sub-cordati, quelli esterni hanno una forma ovato-oblunga).


Al di fuori delle specie italiane alcune checklist internazionali propongono fino a 15 sottogeneri con oltre 60 sezioni[8], oppure oltre 120 tra sezioni e sottosezioni[9].

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Cladogramma dei sottogeneri di Allium

Diversi studi filogenetici sono stati fatti sul genere Allium, come ad esempio da alcuni ricercatori cinesi[10] per definire soprattutto la struttura interna del genere. Da questi studi risulta che Allium è senz'altro un gruppo monofiletico; mentre le varie divisioni in sottogeneri e sezioni che vengono proposte sono troppo legate ad uno specifico areale perché abbiano una validità generale.
Un miglioramento nella conoscenza del genere si è avuta con una ricerca filogenetica del 2006 fatta sul DNA ribosomale[11] nella quale si sono individuati 15 sottogeneri e 72 sezioni. I sottogeneri sono aumentati di 1/3 rispetto alle precedenti classificazioni; in particolare il sottogenere Rhizirideum è stato riorganizzato quasi completamente.
I sottogeneri individuati dalla ricerca solo elencati di seguito (tra parentesi sono indicate alcune specie italiane). Il cladogramma a lato (tratto dallo studio citato e semplificato) evidenzia i rapporti filogenetici tra i vari sottogeneri.

  • Nectaroscodum (Lindl.) Asch. et Graebn.
  • Microscordum (Maxim.) N. Friesen
  • Amerallium Traub
(A. insubricum, A. triquetrum, A. moly, A.roseum, A. chamaemoly, A. neapolitanum, A. pendulinum, A. ursinum, A. trifoliatum, A. subhirsutum, A. narcissiflorum)
  • Caloscordum (Herb.) R. M. Fritsch
  • Anguinum (G. Don ex Koch) N. Friesen
(A. victorialis)
  • Porphyroprason (Ekberg) R. M. Fritsch
  • Vvedenskya (Kamelin) R. M. Fritsch
  • Melanocrommyum (Webb et Berth.) Rouy
(A. nigrum, A. cyrilli)
  • Butomissa (Salisb.) N. Friesen
  • Cyathophora (R. M. Fritsch) R. M. Fritsch
  • Rhizirideum (G. Don ex Koch) Wendelbo
(A. angulosum)
  • Allium
(A. sativum, A. scorodoprasum, A. cupanii, A. flavum, A. sphaerocephalon, A. oleraceum, A. vineale, A. rotundum, A. commutatum, A. atroviolaceum, A. ampeloprasum, A. amethystinum, A. sardoum, A. carinatum, A. pallens, A. paniculatum)
  • Reticulatobulbosa (Kamelin) N. Friesen,
(A. strictum)
  • Polyprason Radic
(A. moschatum, A. ochroleucum, A. suaveolens, A. ericetorum, A. saxatile)
  • Cepa (Mill.) Radic
(A. cepa, A. schoenoprasum, A. fistulosum, A. lusitanicum)


Studi successivi[12] hanno cercato di migliorare ulteriormente la conoscenza del genere approfondendo alcune sue particolari sezioni. Ma molto lavoro rimane ancora da fare.

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Questa entità ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco seguente indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:

  • Caloscordum Herb.
  • Cepa Mill.
  • Milula Prain
  • Nectaroscordum Lind


Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Specie italiane di Allium e Specie di Allium.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Questo è un genere di piante molto importante per l'alimentazione umana; infatti comprende l'aglio, la cipolla, il porro, e altri prodotti orticoli largamente usati in cucina. La coltivazione di queste piante a scopi alimentari è documentata a oltre 3000 anni a.C. Mentre come piante ornamentali ci sono rimasti dei manuali di giardinaggio europeo di circa 2 – 3 secoli fa[2].
Nelle zone a prato alcune di queste specie sono considerate infestanti e quindi da estirpare perché se mangiate dal bestiame possono comunicare al latte, ma soprattutto al burro sgradevoli sapori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society 161(2 ): 105–121, 2009, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 30 aprile 2011.
  2. ^ a b Motta, pag. 76
  3. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 2 novembre 2010.
  4. ^ Angiosperm Phylogeny Website. URL consultato il 29 ottobre 2010.
  5. ^ Chase M.W., Reveal J.L., Fay M.F, A subfamilial classification for the expanded asparagalean families Amaryllidaceae, Asparagaceae and Xanthorrhoeaceae in Botanical Journal of the Linnean Society 2009; 161(2): 132–136, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00999.x.
  6. ^ a b Botanica Sistematica, pag. 282
  7. ^ Strasburger, p. 807
  8. ^ Germplasm Resources Information Network. URL consultato il 2 novembre 2010.
  9. ^ The International Plant Names Index. URL consultato il 2 novembre 2010.
  10. ^ H.E. Xingjin, G.E. Song, X.U. Jiemei & Hong Deyuan, Phylogeny of Chinese Allium (Liliaceae) using PCR-RFLP analysis in Science in China (Series C) October 2000 Vol. 43 No. 5.
  11. ^ Nikolai Friesen, Reinhard M. Fritsch, and Frank R. Blattner, Phylogeny and new intrageneric classification of Allium (Alliaceae) based on nuclear ribosomal DNA ITS sequences in Rancho Santa Ana Botanic Garden 2006, Aliso 22, pp. 372–395.
  12. ^ Nhu H. Nguyen, Heather E. Driscoll, Chelsea D. Specht, A molecular phylogeny of the wild onions (Allium; Alliaceae) with a focus on the western North American center of diversity in Mol Phylogenet Evol. 2008; 47(3):1157-72).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume primo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 76.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume terzo, Bologna, Edagricole, 1982, p. 379, ISBN 88-506-2449-2.
  • D.Aeschimann, K.Lauber, D.M.Moser, J-P. Theurillat, Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 1054.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Volume 2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, p. 809, ISBN 88-7287-344-4.
  • Judd-Campbell-Kellogg-Stevens-Donoghue, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, p. 282, ISBN 978-88-299-1824-9.
  • F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi, An annotated checklist of the Italian Vascular Flora, Roma, Palombi Editore, 2005, p. 50, ISBN 88-7621-458-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]