Alleanza franco-polacca (1524)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel 1524 venne firmata una alleanza franco-polacca fra il re di Francia Francesco I e il re di Polonia Sigismondo I.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco I era alla ricerca di alleati in Europa centrale, al fine di creare un equilibrio contro il potere dell'imperatore Carlo V.[1] La regina Bona Sforza, moglie italiana di Sigismondo, propose l'alleanza allo scopo di recuperare la sovranità sul ducato di Milano.[2] Sigismondo stesso era motivato da una tale alleanza, perché Carlo V si stava avvicinando alla Russia, minacciando così la Polonia su due fronti.[2]

I negoziati vennero tessuti da Antonio Rincon nel 1524, e poi da Hieronymus Łaski.[1] A seguito degli accordi, il figlio di Francesco, Enrico duca di Orléans, doveva sposare una figlia di Sigismondo I, e il figlio maggiore di quest'ultimo, una figlia del re francese.[1] Secondo gli stessi accordi, Sigismondo avrebbe supportato Francesco nella riconquista di Milano, su cui Sigismondo aveva alcuni diritti a seguito del suo matrimonio con Bona Sforza.[1] L'alleanza venne firmata nel 1524.[2]

L'accordo fallì però, quando Francesco I fu sconfitto da Carlo V alla battaglia di Pavia nel 1525.[1] Quando Francesco decise di trovare alleati in Europa centrale dopo il 1526, si rivolse all'Ungheria, costituendo l'alleanza franco-ungherese con re Zapolya nel 1528.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g The Papacy and the Levant (1204-1571) by Kenneth M. Setton p.312
  2. ^ a b c The Cambridge History of Poland by Oskar Halecki p.309