Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
(EN) Progressive Alliance of Socialists
and Democrats

(DE) Progressive Allianz der Sozialisten
und Demokraten

(FR) Alliance Progressiste des Socialistes
et Démocrates

(ES) Alianza Progresista de Socialistas
y Demócratas
S&D logo.jpg
Presidente Gianni Pittella
Stato Unione europea Unione europea
Fondazione 23 giugno 2009
Sede rue du Trône, 98, 1040 Bruxelles
Ideologia Socialdemocrazia
Socialismo democratico
Progressismo
Collocazione Centro-sinistra
Partito europeo Partito del Socialismo Europeo
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Alleanza Progressista
Seggi Europarlamento
191 / 751
Sito web www.socialistsanddemocrats.eu

Il Gruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici al Parlamento Europeo (S&D) detto anche più semplicemente Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (in inglese: Progressive Alliance of Socialists and Democrats; in francese: Alliance Progressiste des Socialistes et des Démocrates) è un gruppo politico del Parlamento europeo.

Si è costituito il 23 giugno 2009 con l'obiettivo di riunire i partiti membri del Partito del Socialismo Europeo e altri soggetti non affiliati a nessun partito ma comunque di ispirazione progressista, ossia l'italiano Partito Democratico, il cipriota Partito Democratico ed il lettone Partito dell'Armonia Nazionale.

Nel preambolo della dichiarazione di composizione del gruppo è indicato che riunisce le forze progressiste che lavorano per un Europa di solidarietà, di giustizia sociale, di uguaglianza, di sviluppo sociale, di diritti umani e di pace. Il Presidente del gruppo è l'italiano Gianni Pittella succeduto ufficialmente all'austriaco Hannes Swoboda.[1]. Il gruppo è aderente all'Internazionale Socialista come organizzazione associata[2].

Storia del Gruppo[modifica | modifica sorgente]

Il nome del gruppo inizialmente avrebbe dovuto essere Alleanza dei Socialisti e dei Democratici per l'Europa (ASDE - Alliance of Socialists and Democrats for Europe), ipotesi poi abbandonata in quanto ritenuto troppo simile a quello dell'ALDE (Alliance of Liberals and Democrats for Europe)[3][4].

Già prima delle elezioni europee si era parlato della possibile nascita di questo gruppo, che vedeva, però, l'opposizione dei membri del Partito Democratico vicini a Francesco Rutelli e di alcuni socialisti europei[5]. Il calo subito da molti partiti socialisti europei alle elezioni del 2009 (come il PS francese sceso al 16%) e la necessità di contenere il peso del PPE (rafforzato nonostante la defezione dei Conservatori britannici e dell'ODS ceco nel nuovo gruppo dei Conservatori e dei Riformisti europei), hanno spinto il capogruppo del PSE, Martin Schulz, ad aprire alla proposta del segretario del PD Dario Franceschini[6] della nascita dell'APSD, nella quale i deputati del PD avrebbero mantenuto una propria autonomia politico-finanziaria.

La nascita dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici al Parlamento Europeo come nuovo gruppo del Parlamento europeo che riunisce i partiti del PSE ed altri come il PD italiano, annunciata ufficialmente il 12 giugno[7], è stata quindi approvata all'unanimità dai socialisti europei il 18 giugno 2009[8].

Il tedesco Martin Schulz, già presidente del Gruppo Socialista nel Parlamento Europeo dal 2004 al 2009, è stato successivamente rieletto presidente il 23 giugno del 2009 e lo è rimasto fino al gennaio del 2012, quando si è dimesso a causa della sua elezione a Presidente del Parlamento europeo, ed è stato succeduto nell'incarico dall'eurodeputato del Partito Socialdemocratico Austriaco Hannes Swoboda.

Il 17 giugno 2014 Martin Schulz si è autosospeso dalla Presidenza del Parlamento Europeo tornando a guidare momentaneamente il gruppo S&D per condurre le trattative a nome dello stesso gruppo nell'accordo per la formazione della nuova Commissione Europea. Grazie all'accordo tra PPE, PSE e ALDE Schulz è stato rieletto Presidente dell'Europarlamento mentre il PD in forza dei suoi 31 eurodeputati che ne fanno la prima forza, esprime con Gianni Pittella il nuovo capogruppo del S&D.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

VII Legislatura (2009-2014)[modifica | modifica sorgente]

Partito Nome locale Sigla Stato Europartito MPE Precedente
Partito Socialdemocratico Tedesco Sozialdemokratische Partei Deutschlands SPD Germania Germania PSE 23
Partito Democratico Partito Democratico PD Italia Italia PSE 23
Partito Socialista Operaio Spagnolo Partido Socialista Obrero Español PSOE Spagna Spagna PSE 21
Partito Socialista Catalano Partit dels Socialistes de Catalunya PSC Spagna Spagna PSE 2
Partito Socialista Parti Socialiste PS Francia Francia PSE 14
Partito Laburista Labour Party Lab Regno Unito Regno Unito PSE 13
Partito Social Democratico Partidul Social Democrat PSD Romania Romania PSE 10
Partito Conservatore Partidul Conservator PC Romania Romania N.D. 1
Movimento Socialista Panellenico Πανελλήνιο Σοσιαλιστικό Κίνημα ΠΑΣΟΚ Grecia Grecia PSE 7
Partito Social Democratico Ceco Česká Strana Sociálne Demokratická ČSSD Rep. Ceca Rep. Ceca PSE 7
Partito Socialista Partido Socialista PS Portogallo Portogallo PSE 7
Alleanza della Sinistra Democratica Sojusz Lewicy Demokratycznej SLD Polonia Polonia PSE 5
Unione Laburista Unia Pracy UC Polonia Polonia PSE 1
Direzione - Socialdemocrazia Smer - sociálna demokracia SMER Slovacchia Slovacchia PSE 5
Partito Socialista Parti Socialiste PS Belgio Belgio PSE 3
Partito Socialista Differente Socialistische Partij Anders SP.a Belgio Belgio PSE 2
Indipendente Kriton Arsenis Grecia Grecia N.D. 2 N.D.
Marek Siwiec Polonia Polonia N.D. N.D.
  Socialdemocratici Socialdemokraterne SD Danimarca Danimarca PSE 4
  Partito Socialista Bulgaro Bălgarska Socialističeska Partija BSP Bulgaria Bulgaria PSE 4
  Partito Socialista Ungherese Magyar Szocialista Párt MSZP Ungheria Ungheria PSE 4
  Partito Laburista Partit Laburista PL Malta Malta PSE 4
  Partito Laburista Labour Party LP Irlanda Irlanda PSE 3
  Partito Laburista Partij van de Arbeid PvdA Paesi Bassi Paesi Bassi PSE 3
  Partito Socialdemocratico di Lituania Lietuvos socialdemokratų partija LSDP Lituania Lituania PSE 3
  Partito Socialdemocratico Finlandese Suomen Sosialidemokraattinen Puolue SDP Finlandia Finlandia PSE 2
  Social Democratici Socialni demokrati SD Slovenia Slovenia PSE 2
  Movimento dei Socialdemocratici Κίνημα Σοσιαλδημοκρατών ΕΔΕΚ Cipro Cipro PSE 1
  Partito Democratico Δημοκρατικό Κόμμα DIKO Cipro Cipro nessuno 1
  Partito Socialdemocratico Sotsiaaldemokraatlik Erakond SDE Estonia Estonia PSE 1
  Partito Socialista Operaio Lussemburghese Lëtzebuerger Sozialistesch Arbechterpartei LASP Lussemburgo Lussemburgo PSE 1
  Partito dell'Armonia Nazionale Tautas Saskaņas Partija TSP Lettonia Lettonia nessuno 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Patrizia Toia - Official WebSite - Patrizia Toia - Official WebSite
  2. ^ MEMBER PARTIES of the SOCIALIST INTERNATIONAL Associated organisations
  3. ^ Julien Frisch: PES not to become ASDE?
  4. ^ Schulz: «Sì dei socialisti europei al gruppo parlamentare Pse-Pd» - Il Sole 24 ORE
  5. ^ La Repubblica - Pd, verso una soluzione per il gruppo Ue: "Sarà 'Alleanza dei socialisti e dei democratici'" (3 giugno 2009)
  6. ^ Il Messaggero - Europarlamento, Franceschini: ci sono condizioni per nuovo gruppo
  7. ^ Eurovoice
  8. ^ Il Sole 24 ore - Schulz: «Sì dei socialisti europei al gruppo parlamentare Pse-Pd»

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea