Autonomie Liberté Démocratie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autonomie Liberté Démocratie
Alleanza Autonomista Democratica Progressista
Stato Italia Italia
Fondazione 2006
Partito Partito Democratico-Sinistra VdA[1]
(con "Associazione «Loris Fortuna»", Federazione della Sinistra, Centro Democratico e Partito Socialista Italiano)

ALPE[2]
UVP[3][4]
Collocazione Centro-sinistra[5]
Coalizione L'Unione (2006-2007)
Italia. Bene Comune (2013)[6][7]
Seggi Camera
0 / 630
 (2013)
Seggi Senato
0 / 315
 (2013)
Seggi Conseil de la Vallée
15 / 35
 (2013)
Sito web www.perlavalledaosta.it

Autonomie Liberté Démocratie o Alleanza Autonomista Democratica Progressista[8] (chiamata anche Alleanza Autonomista e Progressista[4], Alleanza Democratica Progressista[9], o Alleanza del Galletto[10]) è una coalizione politica valdostana di centrosinistra.

Si è costituita inizialmente in occasione delle elezioni politiche del 2006 per rappresentare l'Unione nel collegio uninominale della Valle d'Aosta, e si è poi ripresentata in diverse modalità nelle successive elezioni nazionali e regionali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni politiche del 2006[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni politiche del 2006, l'Union Valdôtaine (UV) si allontana dal centrosinistra e decide di sostenere una posizione di equidistanza dai due schieramenti: L'Unione di Romano Prodi e la Casa delle Libertà di Silvio Berlusconi. Per questa decisione, più di cinquanta esponenti valdostani, tra cui l'ex Presidente della regione Carlo Perrin, abbandonano l'UV e fondano il movimento Renouveau Valdôtain, favorevole a un'alleanza con il centrosinistra.[11][12]

In vista della tornata elettorale, RV promuove la formazione di una lista unitaria di tutte le forze di centrosinistra, da quelle nazionali, come i Democratici di Sinistra, a quelle regionali, come Vallée d'Aoste Vive, anch'essa formatasi in seguito ad una scissione dall'UV nel 2005: nasce così Autonomie Liberté Démocratie (ALD), nota anche con la denominazione Alleanza del Galletto per via del logo prescelto.[12] Per contro, l'UV promuove la formazione di una lista unitaria con la Stella Alpina e la Federazione Autonomista: Autonomie Progrès Fédéralisme (APF).

Il voto vede il successo dell'ALD: sono eletti Roberto Nicco alla Camera e Carlo Perrin al Senato,[12] i quali sconfiggono, rispettivamente, Marco Viérin (Stella Alpina) e il senatore uscente Augusto Rollandin (UV) con il 43,4% e il 44,2%.[13][14]

In seguito all'elezione, Nicco aderisce alla componente «Minoranze linguistiche» all'interno del gruppo misto; Perrin aderisce al gruppo «Per le autonomie».

Elezioni politiche e regionali del 2008[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni politiche italiane del 2008, l'ALD si ripresenta con i due rappresentanti uscenti. Perrin raccoglie il 37,4% e viene sconfitto da Antonio Fosson dell'Union Valdôtaine che prende il 41,4%. Nicco invece viene rieletto con 39,1%, contro il 37,8% di Ego Perron.[12][15][16]

Alle elezioni regionali dello stesso anno, la coalizione si presenta con tre liste (Vallée d'Aoste Vive-Renouveau Valdôtain, Partito Democratico, e Arcobaleno Vallée d'Aoste), ottenendo in totale il 27,4% e 8 seggi al consiglio regionale.[17][18]

Fondazione dell'ALPE[modifica | modifica wikitesto]

L'alleanza si ripresenta alle elezioni europee del 2009, ma, in questo caso consiste solamente di Renouveau Valdôtain e Vallée d'Aoste Vive. A livello nazionale, la lista si collega con l'Italia dei Valori.[19] In tale frangente, ALD ottiene lo 0,08% dei voti su base nazionale, corrispondenti al 18,5% dei voti nella regione, senza conseguire alcuna rappresentanza.

Nel gennaio 2010 Renouveau Valdôtain e Vallée d'Aoste Vive confluiscono in Autonomie Liberté Participation Écologie (ALPE).[20]

Le consultazioni elettorali del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche italiane del 2013 Autonomie Liberté Démocratie rappresenta in Valle d'Aosta la coalizione nazionale "Italia. Bene Comune" a sostegno di Pier Luigi Bersani:[21] presenta quindi propri candidati sia alla Camera (Jean Pierre Guichardaz, PD) che al Senato (Patrizia Morelli, ALPE), ottenendo rispettivamente il 19,79% e il 30,75% e non riuscendo a eleggere nessuno dei due. Alla Camera la coalizione patisce la presenza dell'Union Valdôtaine Progressiste, scissione a sinistra dall'UV, che ottiene il 25,11%.

Per le elezioni regionali del 2013, invece, si raggiunge l'accordo per l'entrata nella coalizione dell'UVP.[22] Presentandosi quindi con tre liste (Union Valdôtaine Progressiste, Autonomie Liberté Participation Écologie, e Partito Democratico), la coalizione raggiunge il 40,5%, ottenendo 15 seggi su 35.[23][24]

Partiti membri[modifica | modifica wikitesto]

L'ALD è formata da diversi partiti e movimenti politici autonomisti e/o di centrosinistra:

In passato hanno fatto parte dell'alleanza anche:

[senza fonte]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti % Seggi
Politiche 2006 Camera 34 168 43,4 1
Senato 32 554 44,2 1
Politiche 2008 Camera 29 314 39,1 1
Senato 26 377 37,4 0
Regionali 2008 20 131 27,4 8
Europee 2009 10 320 18,5 0
Politiche 2013 Camera 14 340 19,8 0
Senato 20 430 30,8 0
Regionali 2013 29 187 40,5 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elezioni, al via le manovre, Aosta Sera, 24 dicembre 2012. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  2. ^ Silvia Lavoye, Elezioni regionali, Pd e Alpe verso l'alleanza con l'Uvp, Aosta Sera, 18 marzo 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  3. ^ P.G, La coalizione progressista Pd-Uvp-Alpe vuole cambiare «la politica valdostana», VDAglocal, 24 aprile 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  4. ^ a b Vda, Pd-Uvp-Alpe insieme per cambiare, ANSA, 23 aprile 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  5. ^ Federico De Lucia, Elezioni in Valle d’Aosta: benvenuto bipolarismo!, CISE, 29 maggio 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  6. ^ Guichardaz e Morelli candidati Alpe-Pd in Sito ufficiale ANSA.it, 10 gennaio 2013. URL consultato il 7 febbraio 2013.
  7. ^ Certan (ALPE): «Alleanza anche per le regionali» in Regione Autonoma Valle D'Aosta, 11 gennaio 2013. URL consultato il 7 febbraio 2013.
  8. ^ Antonella Zilio, Due liste alle regionali per l'Alleanza autonomista, democratica e progressista che cerca il dialogo con l'UVP, 12VDA, 18 marzo 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  9. ^ L'Alleanza democratica progressista guarda a un patto con Bersani, Gazzetta Matin, 11 gennaio 2013. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  10. ^ (DE) Eckhard Römer, Italienische Mediensprache. Handbuch, Walter de Gruyter, 2009, ISBN 978-3899-49645-1. URL consultato il 15 giugno 2013.
  11. ^ «Renouveau Valdôtain» si presenta, 12VDA, 30 maggio 2006. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato il 14 giugno 2013).
  12. ^ a b c d Regione Autonoma VALLE D'AOSTA, Galletto, la frammentazione politica indebolisce la coalizione, ANSA, 11 novembre 2008. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato il 15 giugno 2013).
  13. ^ Elezioni Politiche 2006 - Valle d'Aosta: Collegio uninominale, la Repubblica, 2006. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  14. ^ Perrin vince la «battaglia» elettorale contro Rollandin e diventa il nuovo senatore valdostano, 12VDA, 9 aprile 2006. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  15. ^ Senatore Fosson rinuncia a candidatura, ANSA, 5 gennaio 2013. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  16. ^ L'on. Nicco appoggerà il "Galletto" alle prossime elezioni europee: «Donzel ha tradito 30mila elettori», 12VDA, 23 maggio 2009. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  17. ^ Elezioni in Valle d'Aosta, alle forze autonomiste il 61,5% dei voti, Corriere della Sera, 26 maggio 2008. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  18. ^ Val d'Aosta, vincono gli autonomisti: Union Valdotaine è il primo partito, la Repubblica, 26 maggio 2008. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato il 15 maggio 2013).
  19. ^ Nathalie Grange, L'Italia dei Valori candida Lorella Vezza per le elezioni europee, Aosta Sera, 9 aprile 2009. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato il 15 giugno 2013).
  20. ^ Alessandro Mano, Un Galletto chiamato Alpe, Vda Today, 6 febbraio 2010. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato il 15 giugno 2013).
  21. ^ Elezioni: Valle d'Aosta, Alleanza autonomista guarda ad accordo con Bersani, Libero, 11 gennaio 2013. URL consultato il 12 giugno 2013.
  22. ^ a b c d e f g h Si va allo scontro «tre contro tre» per le prossime regionali: UVP, Alpe e PD contro UV, Stella Alpina e Fédération, 12VDA, 19 marzo 2013. URL consultato il 12 giugno 2013.
  23. ^ Regionali, in Valle d’Aosta rivincono gli autonomisti. Tonfo del Pdl e del M5S, il Fatto Quotidiano, 27 maggio 2013. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).
  24. ^ Regionali: in Val d'Aosta vincono autonomisti, fuori Pdl, ANSA, 27 maggio 2013. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato il 31 maggio 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]