Allarme rosso (film 1995)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Allarme rosso
Allarme rosso (1995).png
Una celebre scena del film
Titolo originale Crimson Tide
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1995
Durata 116 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1 (anamorfico)
Genere azione, drammatico, thriller
Regia Tony Scott
Soggetto Richard P. Henrick, Michael Schiffer
Sceneggiatura Michael Schiffer
Fotografia Dariusz Wolski
Montaggio Chris Lebenzon
Effetti speciali Al Di Sarro
Musiche Alfredo Catalani, John B. Dykes, Nick Glennie-Smith, Gary Rossington, Franz Schubert, Ludwig van Beethoven, Ronnie Van Zant, Hans Zimmer
Scenografia Mickey S. Michaels
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Siamo qui per preservare la democrazia, non per praticarla. »
(Capitano Frank Ramsey / Gene Hackman)
« A mio modesto parere, nell'era nucleare il vero nemico è la guerra stessa. »
(Comandante Ron Hunter / Denzel Washington)

Allarme rosso (Crimson Tide) è un film del 1995 diretto da Tony Scott, con Denzel Washington e Gene Hackman.

È un tipico film di sottomarini, che si concentra sulla tensione che si crea tra gli uomini che non solo condividono lo scarso e pericoloso spazio a bordo di un sottomarino nucleare di classe Ohio, ma anche il peso della responsabilità dell'utilizzo dell'arsenale nucleare in dotazione e lo stress mentale delle tremende conseguenze che il suo uso può comportare. La colonna sonora del film è di Hans Zimmer, che ha vinto un premio Grammy per la canzone di testa (che ha introdotto un forte utilizzo della simulazione elettronica dell'orchestra al posto degli strumenti tradizionali).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film si svolge nel 1995 (da numerosi riferimenti fatti durante la storia) durante un periodo di instabilità in Russia. Un leader ultranazionalista ha preso il controllo di una postazione di missili nucleari e sta minacciando una guerra nucleare se il governo americano o quello russo tentano di opporglisi.

Al sottomarino nucleare americano classe Ohio, lo U.S.S. Alabama, dotato di missili nucleari, è affidata la missione di pattugliare ed eventualmente lanciare un attacco preventivo se la postazione nucleare russa tentasse di predisporre i propri missili al lancio, operazione che richiede un'ora di tempo per essere completata. Il Capitano di Vascello Frank Ramsey (Gene Hackman) è il comandante del sottomarino, uno dei pochissimi rimasti nella Marina statunitense con esperienza in combattimento. Sceglie come suo nuovo Primo ufficiale il Capitano di Corvetta Ron Hunter (Denzel Washington), che ha un'ampia istruzione in storia militare e tattica, ma nessuna esperienza di combattimento.

L' Alabama riceve un ordine di lanciare i missili sulla postazione nucleare russa, sulla base dell'informazione satellitare che i missili sono stati pre-riscaldati. Prima che l'Alabama possa lanciare i suoi missili, comincia a pervenire un secondo messaggio, ma la trasmissione è interrotta dall'attacco di un sottomarino russo di classe Akula, alleato della causa ultranazionalista, che verrà in seguito distrutto in combattimento. Poiché i sistemi di comunicazione sono rimasti danneggiati nell'attacco, il resto del messaggio non può essere ricevuto, e il messaggio non può essere autenticato. Tagliato fuori dalle comunicazioni, attaccato dall' Akula e con un ordine di lancio, il capitano Ramsey decide di procedere. Il suo secondo Hunter si rifiuta di confermare il lancio come richiesto dalla procedura e propone di cercare la conferma del secondo messaggio, che egli ritiene essere l'annullamento del precedente ordine di lancio. Quando Ramsey ordina l'arresto di Hunter, il suo ordine è inapplicabile e quindi è il capitano ad essere arrestato per il suo abuso di autorità. In seguito Ramsey sfugge alla custodia e accusa Hunter di ammutinamento, così che i due uomini si trovano a lottare per il comando. L'equipaggio si divide tra coloro che sono leali al capitano e coloro che non vogliono rischiare la guerra nucleare. Alla fine, il sistema di comunicazione viene riparato e si apprende che l'esercito russo ha la situazione sotto controllo e che la ribellione è domata, pertanto il lancio non deve essere eseguito. Il film termina con un'inchiesta al quartier generale della Flotta del Pacifico alle Hawaii, nella quale numerosi ammiragli esprimono gravi preoccupazioni circa la procedura di lancio dei missili nucleari in tempo di guerra. Lo scenario del lancio viene ritenuto insolubile in base al regolamento, sia Ramsey che Hunter avevano entrambi ragione ma avevano anche entrambi torto; in pratica non viene attribuita una piena colpa a nessuno dei due personaggi. Infine a Ramsey viene accordata la sua richiesta di pensionamento anticipato, al giovane Hunter viene offerto un posto di comando su un sottomarino grazie anche alla raccomandazione dello stesso Comandante Ramsey. Al termine del film, i due ufficiali si riconciliano e si salutano da gentiluomini.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Il film è basato sulla premessa, valida quando è stato girato, che i comandanti dei sottomarini americani fossero autorizzati a lanciare missili di propria iniziativa se non potevano comunicare con il Presidente degli Stati Uniti dopo aver ricevuto l'ordine di armare i missili. Circa in quel periodo, la procedura fu cambiata così che i missili potessero essere lanciati solo se fosse stato ricevuto un ordine diretto del Comandante in Capo, anche se le comunicazioni fossero state interrotte nel frattempo. La politica fu quindi uniformata a quella russa sui lanci di missili da sottomarini, che aveva sempre richiesto ordini diretti per il lancio.

Benché il film non pretenda di essere basato su una storia vera, gli eventi descritti sono simili ad un episodio realmente avvenuto nel periodo più teso della crisi dei missili di Cuba. Il 27 ottobre 1962, un ufficiale di un sottomarino sovietico di nome Vasili Alexandrovich Arkhipov si rifiutò di confermare il lancio di una testata nucleare mentre era sotto attacco da una nave da battaglia americana vicino a Cuba [1]. Per iniziare tale attacco, le procedure navali sovietiche richiedevano che il capitano e altri due ufficiali confermassero l'ordine [2]. L'altro ufficiale in servizio approvò il lancio, ma Arkhipov convinse il capitano ad attendere istruzioni da Mosca prima di procedere.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il titolo originale del film si riferisce a uno dei soprannomi della squadra di football dell'Università dell'Alabama.
  • Alabama era anche il nome del personaggio femminile protagonista del film True Romance, sempre di Tony Scott, uscito due anni prima.
  • La Marina americana ha rifiutato di collaborare con la produzione del film in quanto descrive un ammutinamento su una nave americana. Questo atteggiamento è in contraddizione con la cooperazione prestata al film "L'ammutinamento del Caine" nei primi anni '50. La portaerei del film è la francese Foch (R 99).
  • I sottomarini americani usano talvolta l'illuminazione rossa nella sala di controllo per aiutare la visione notturna dell'ufficiale addetto al periscopio.
  • I sommergibili strategici di classe Ohio non hanno la sentina nonostante sia presente nel film.
  • Benché la sceneggiatura sia attribuita a Michael Schiffer, il film ha avuto almeno tre script doctor: Quentin Tarantino (è una sua idea la scena in cui i due marinai litigano riguardo ai fumetti), James Toback e Robert Towne.
  • Il Jack Russell Terrier è presentato dal personaggio di Gene Hackman come una delle razze canine più intelligenti del mondo.
  • La scena finale in cui a un marinaio viene assegnata la cura del terrier di Ramsey fuori dell'edificio in cui si svolge l'inchiesta, è stata ripresa in alcune parodie televisive; ad esempio ne I Simpson la puntata 3G04 Marinaio Homer (Simpson Tide) riprende molte scene del film (la partenza, gli ufficiali sulla torretta al tramonto, la discussione sulla guerra, il processo finale).
  • Denzel Washington, al festival del cinema di Venezia, dove il film venne presentato, arrivò su un sommergibile vero prestato dalla Marina Italiana.
  • Dopo Allarme rosso, Denzel Washington interpreta altri quattro ruoli da protagonista in film diretti da Tony Scott. Gene Hackman è invece protagonista di un altro film del regista inglese, Enemy of the State.
  • Il film è stato girato su un set di piattaforme sospese per rendere più realistico il rollio del sommergibile.
  • Il gruppo power metal finlandese Nightwish ha realizzato una cover del tema principale della colonna sonora "Crimson Tide", introducendo assoli di chitarra basati sul tema principale appunto e accompagnamento di batteria; il brano è chiamato "Crimson Tide and The Deep Blue Sea" poiché è ibrido tra questa colonna sonora e quella di Blu profondo.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Almeno fino al 2005, questo è uno dei due soli film (l'altro è Philadelphia) in cui recitino tre attori che avessero già vinto, o abbiano vinto in seguito, due Premi Oscar per la recitazione: Jason Robards aveva vinto due Oscar per Miglior attore non protagonista nel 1976 (Tutti gli uomini del presidente) e 1977 (Giulia); Gene Hackman aveva vinto l'Oscar come Miglior attore in Il braccio violento della legge nel 1971 e come attore non protagonista nel 1992 per Gli Spietati. Denzel Washington aveva già ricevuto un Oscar come miglior attore non protagonista per Glory - Uomini di gloria nel 1989, e vincerà nel 2001 anche come protagonista per il suo ruolo in Training Day.

Slogan promozionali[modifica | modifica sorgente]

  • «Danger runs deep»
  • «Il pericolo corre sul fondo»

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema