All Things Must Pass (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
All Things Must Pass
Artista George Harrison
Autore/i George Harrison
Genere[1] Rock
Edito da George Harrison, Phil Spector
Pubblicazione
Incisione All Things Must Pass
Data 27 novembre 1970[1]
Etichetta Apple Records
Durata 3 min : 49 s
All Things Must Pass – tracce
Precedente
Awaiting on You All
Successiva

All Things Must Pass è una canzone del cantautore britannico George Harrison, pubblicata nel 1970. È contenuta nell'omonimo album All Things Must Pass, terzo album solista di Harrison e primo dopo lo scioglimento dei Beatles.[1][2]

Origine e storia[modifica | modifica sorgente]

All Things Must Pass, come altre canzoni contenute nell'album, era stata composta da Harrison prima dello scioglimento dei Beatles. Il 25 febbraio 1969 l’autore aveva inciso nella sala di registrazione degli studi di Abbey Road un demo del brano[3], in cui era presente la linea vocalica e due chitarre, delle quali una trattata con il Leslie[4]. Il gruppo aveva anche fatto dei tentativi di registrazione del brano nel gennaio 1969 agli studi di Twickenham, durante le sessioni di Let It Be[5]. La canzone venne infine abbandonata, tuttavia il demo è contenuto nella raccolta Anthology 3[6][7].

La registrazione è stata co-prodotta da Phil Spector a Londra ed è corredata di un arrangiamento orchestrale di John Barham e contributi da musicisti come Ringo Starr, Pete Drake, Bobby Whitlock, Eric Clapton e Klaus Voormann.

Una prima versione delle sessioni di All Things Must Pass è stata pubblicata sulla compilation postuma di Harrison Early Takes: Volume 1 del 2012.

Il testo[modifica | modifica sorgente]

Il testo tratta della natura transitoria dell'esistenza umana. Testo e musica si combinano in modo da riflettere impressioni di ottimismo contro il fatalismo. Alla pubblicazione dell'album, i commentatori hanno visto la canzone, unitamente alla copertina di Barry Feinstein come una dichiarazione della rottura dai Beatles.

Il brano riflette l'influenza del gruppo The Band[8] con il quale Harrison aveva trascorso del tempo a Woodstock (New York), verso la fine del 1968. Altre influenze per quanto concerne il testo vanno ricercate nella poesia di Timothy Leary All Things Pass, uno psichedelico adattamento del Tao Te Ching[9].

Critica[modifica | modifica sorgente]

Ampiamente considerato come una delle più belle composizioni di Harrison, il suo rifiuto da parte di Lennon e McCartney ha suscitato numerose osservazioni da parte di biografi e critici. Il critico musicale Ian MacDonald ha descritto All Things Must Pass, come «la più saggia canzone mai registrata dai Beatles», mentre l'autore Simon Leng la giudica come «forse la migliore composizione di un Beatle solista».

Cover[modifica | modifica sorgente]

Jim James, Sloan Wainwright, Klaus Voormann, Cat Stevens e Paul McCartney sono alcuni tra gli artisti che hanno eseguito una cover di questa canzone. Particolarmente toccante quella portata in scena dall'ex-collega dei Beatles in occasione del Concert for George, laddove sia la volontà di cantarla da parte di McCartney, sia l'espressione dell'artista durante l'esibizione, lasciavano trasparire un certo rimpianto nell'averla scartata trent'anni prima, quasi a scusarsi con l'amico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Richie Unterberger, All Things Must Pass (album) in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) Richie Unterberger, All Things Must Pass (song) in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  3. ^ Mark Lewisohn, Beatles - Otto anni ad Abbey Road, Arcana Editrice, Milano, 1990, pagg. 380-1.
  4. ^ Walter Everett, The Beatles as Musicians - Revolver through the Anthology, Oxford University Press, Oxford/New York, 1999, pag. 352.
  5. ^ (EN) Get Back/Let It Be sessions: day 17, The Beatles Bible. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  6. ^ Bill Harry, Beatles - L’enciclopedia, Arcana, Roma, 2001, pag. 28.
  7. ^ The Beatles Anthology 3, 2° CD, traccia 10 - Apple Records 1996.
  8. ^ George Harrison, I Me Mine, Rizzoli, Milano, 2002, pag. 184.
  9. ^ (EN) All Things Must Pass, The Beatles Bible. URL consultato il 30 ottobre 2013.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock