All I Wanna Do (Sheryl Crow)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
All I Wanna Do
Wanna do.JPG
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Sheryl Crow
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1994
Durata 4 min : 33 s
Album di provenienza Tuesday Night Music Club
Genere Alternative rock
Etichetta A&M Records
Produttore Bill Bottrell
Registrazione 1993
Formati CD
Note Videoclip diretto da David Hogan
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Sheryl Crow - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1994)

All I Wanna Do è una canzone della cantautrice statunitense Sheryl Crow, contenuta nel suo album d'esordio Tuesday Night Music Club del 1993.
Il testo è liberamente ispirato al poema Fun[1] dello scrittore americano Wyn Cooper, di fatto uno degli autori del brano assieme a David Baerwald, Bill Bottrell, Kevin Gilbert e la stessa Sheryl Crow. Pubblicato come secondo singolo tratto dall'album, il brano ha raggiunto la posizione numero 2 della Billboard Hot 100[2], diventando uno dei singoli di maggior successo del 1994[3] e della carriera di Crow. Il singolo è stato inoltre certificato disco d'oro dalla RIAA[4] con oltre 500.000 copie vendute.

Il Singolo[modifica | modifica sorgente]

All I Wanna Do, secondo titolo pubblicato in terra statunitense della cantante americana Sheryl Crow, venne immesso nel mercato discografico mondiale nel 1994. A differenza del precedente singolo, riscosse immediatamente (e inaspettatamente) il favore del pubblico: attestandosi al numero 2 della classifica Billboard Hot100[5] e al numero 4 della UK Single Chart[6] è da considerarsi una delle maggiori hit di successo degli anni '90.

Premi ottenuti[modifica | modifica sorgente]

Grammy Awards[7]

Anno Brano Categoria
1995 "All I Wanna Do" Best Female Pop Vocal Performance
1995 "All I Wanna Do" Record Of The Year

Video[modifica | modifica sorgente]

Del videoclip ufficiale di All I Wanna do, diretto da David Hogan, esiste anche una seconda versione caratterizzata dalla presenza di un bizzarro personaggio, Billy (interpretato da Gregory Sporleder). Per ragioni sconosciute tutte le sequenze raffiguranti l'individuo sono state rimosse e sostituite con ulteriori riprese e primi piani di Sheryl Crow. Tuttavia, in quello che sarebbe poi divenuto il video definitivo del pezzo, al minuto 1:03 è possibile notare la sua ombra riflessa su di un muro.

Grazie alla pubblicazione del cofanetto commemorativo Tuesday Night Music Club - Deluxe (Novembre 2009), è stato inoltre possibile visionare l'inedito videoclip promozionale realizzato nel 1993 dal noto regista statunitense Roman Coppola. Questo video, che dopo alcune scene in interni vede impegnata Sheryl Crow in una spericolata corsa fra le strade di Los Angeles a bordo di una poltrona, venne scartato dai vertici dell'A&M Records perché accusato di dare un'immagine eccessivamente sexy e spudorata dell'artista[8]. Co-protagonista del video l'attore e regista americano Peter Berg, già presente nel video promozionale del brano Leaving Las Vegas.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

French CD single[modifica | modifica sorgente]

  1. "All I Wanna Do"
  2. "What I Can Do For You" - live

EU release[modifica | modifica sorgente]

  1. "All I Wanna Do"
  1. "I Shall Believe" - live in Nashville
  2. "What I Can Do For You" - live at the Borderline, London

UK cd #1[modifica | modifica sorgente]

  1. "All I Wanna Do" - remix
  2. "Solidify"
  3. "I'm Gonna Be A Wheel Someday"

UK cd #2[modifica | modifica sorgente]

  1. "All I Wanna Do" - live acoustic for Virgin Radio UK
  2. "Run Baby Run" - live acoustic for Virgin Radio UK
  3. "Leaving Las Vegas" - live acoustic for Virgin Radio UK

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il poema Fun, dal libro "The Country of Here Below"
  2. ^ http://www.billboard.com/#/artist/sheryl-crow/chart-history/22742
  3. ^ Billboard Top 100 - 1994 - Longbored Surfer - Charts
  4. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  5. ^ Hot 100 Recurrent Airplay per All I Wanna Do, 1996
  6. ^ Top 40 "UK Single Chart, 1994/2006
  7. ^ Grammy Awards ottenuti da "All I Wanna Do", 1995
  8. ^ Broadcast no's: music videos you'll never see. A.J. Jacobs Entertainment Weekly, 28 aprile 1995
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica