Aliens - Scontro finale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Aliens" rimanda qui. Se stai cercando la serie di romanzi, vedi Aliens (serie di romanzi).
Aliens - Scontro finale
AliensSF.jpg
Una scena del film: Ripley affronta lo Xenomorfo Regina
Titolo originale Aliens
Paese di produzione USA
Anno 1986
Durata 137 min.
154 min. (Edizione speciale)[1]
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere Azione, fantascienza, horror
Regia James Cameron
Soggetto James Cameron, David Giler, Walter Hill
Sceneggiatura James Cameron
Produttore Gale Anne Hurd
Fotografia Adrian Biddle
Montaggio Ray Lovejoy
Effetti speciali Stan Winston
Musiche James Horner
Scenografia Peter Lamont
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Questa volta è guerra. »
(Tagline del film)

Aliens - Scontro finale (Aliens) è un film del 1986 diretto da James Cameron. È il sequel di Alien del 1979, diretto dal regista Ridley Scott. Nonostante il sottotitolo in italiano sia Scontro finale ha avuto altri due seguiti, Alien³ (1992) e Alien - La clonazione (1997).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anno 2179. Sono trascorsi 57 anni dall'incontro con il temibile alieno. Ellen Ripley, l'unica sopravvissuta dell'astronave commerciale da trasporto Nostromo, vaga ancora nello spazio e non è mai più tornata sulla Terra. In suo soccorso però arrivano degli uomini della compagnia Weyland-Yutani (la stessa che incaricò l'androide Ash di salvaguardare l'alieno fino al suo arrivo), che la portano alla stazione spaziale Gateway. Dopo essersi ripresa fisicamente, nonostante i ricorrenti incubi dovuti all'esperienza terribile sulla nave commerciale da trasporto Nostromo, Ripley partecipa ad una riunione con la commissione della Weyland-Yutani: rea di aver fatto esplodere l'astronave e il suo prezioso carico senza apparenti motivazioni (distrutta la Nostromo, non rimaneva alcuna prova dell'esistenza dello xenomorfo), viene licenziata dal ruolo di terzo ufficiale e tenuta sotto stretta osservazione. Inoltre, apprenderà con orrore che l'LV-426, il pianeta sconosciuto sul quale era atterrata la Nostromo e dove erano state trovate le uova aliene, è stato nel frattempo esplorato e colonizzato dai coloni incaricati dalla Weyland-Yutani di rendere l'atmosfera dell'LV-426 respirabile e quindi abitabile.

Passano i giorni e Ripley, che continua ad avere incubi, riceve la visita di Carter J. Burke, un uomo di facciata della compagnia Weyland-Yutani che aveva conosciuto dopo il risveglio dallo stato criogenico. Burke, in compagnia del tenente Gorman, rivela a Ripley che i contatti con la colonia sull'LV-426 si sono interrotti da giorni e le propone di seguire il tenente e una squadra di Marines Spaziali, con l'astronave da battaglia USS Sulaco, sul pianeta per investigare. Per convincerla a partire, Burke le propone inoltre il reintegro come ufficiale di bordo. Inizialmente Ripley rifiuta, ma dopo l'ennesima notte di incubi contatta Burke e accetta, dopo essersi sincerata da Burke che l'obiettivo sia andare là per uccidere le creature e non per prelevarle a scopi di lucro.

Imbarcata sull'astronave da battaglia USS Sulaco, Ripley fa la conoscenza dei Marines Spaziali, tra i quali il duro sergente Apone, il risoluto caporale Hicks, il lamentoso soldato Hudson, Drake e la mascolina soldatessa Vasquez. Ripley scopre con disappunto che sull'astronave da battaglia USS Sulaco è presente anche Bishop, un androide ("sintetico" o "persona artificiale"), rifiutando di voler instaurare con lui un rapporto a causa della brutta esperienza avuta con Ash. Dopo un briefing del tenente sullo scopo della missione, Ripley racconta l'esperienza della Nostromo e mette in guardia i soldati dal grande pericolo. Arriva l'ora della partenza e il gruppo si imbarca sulla navetta da trasporto che decolla dalla USS Sulaco, dotata di armamenti di ultima generazione compreso un mezzo blindato spaziale, e arrivano sull'LV-426, notando che l'energia elettrica dell'impianto (la colonia lavora in una centrale atmosferica della Weyland-Yutani per rendere respirabile l'aria) è ancora presente e che le paratie degli edifici sono tutte chiuse ermeticamente. I marines spaziali controllano l'edificio principale della colonia, trovando la struttura danneggiata da colpi di diverse armi da fuoco ed evidenti tracce di lotta ma nessuna forma di vita se non due face-hugger, conservati vivi in laboratorio, identici a quello che aveva infettato Kane. Capiscono allora cosa, molto probabilmente, sia accaduto sulla colonia: i coloni hanno rinvenuto l'astronave contenente le uova e sono stati tutti infettati dai face-huggers. Subito dopo, il gruppo trova una bambina, Newt, sporca e malnutrita, che utilizzava i condotti d'aria per spostarsi di nascosto. Dopo aver informato Ripley della morte di tutti sulla colonia, la piccola Newt si unisce al gruppo.

Nel frattempo Hudson rileva un segnale in una struttura vicina: i trasmettitori contenuti nei corpi dei coloni sembrano tutti riuniti nella stazione di trasformazione dell'impianto. Diretti laggiù, i marines rinvengono una rete di caverne, che gli xenomorfi hanno "costruito" modificando l'ambiente circostante. Dopo essersi addentrati, effettuano una scoperta ancora più terribile: i coloni sono tutti là dentro, intrappolati da bozzoli degli xenomorfi, morti e con embrioni-xenomorfi contenuti nei loro corpi. Perlustrando la zona, ne trovano uno vivo dal quale però fuoriesce subito un piccolo xenomorfo che viene ucciso dal sergente Apone. Svegliatisi, decine di xenomorfi presenti nel nido attaccano i marines. Ripley, noncurante degli ordini di Gorman, prende il controllo del mezzo blindato dal quale lei, Gorman e Burke seguivano le operazioni e si dirige verso i marines per soccorrerli sfondando le pareti del nido. Della squadra si salvano solo Hicks, Vasquez e Hudson.

Morto il sergente Apone, e con il tenente Gorman K.O. per una commozione cerebrale, Hicks prende il comando come più alto in grado e insieme a Ripley decidono che è meglio sorvolare il complesso e nuclearizzarlo, distruggendo definitivamente gli xenomorfi ("sorvoliamo e nuclearizziamo, è la sola sicurezza", dice Hicks). L'unico contrario sembra Burke, che sottolinea il valore in denaro della centrale atmosferica della Weyland, ma gli altri non se ne curano e vogliono fuggire distruggendo l'intera colonia. Chiamata la navetta di trasporto, accade però un imprevisto: uno xenomorfo, infiltratosi nella nave, uccide i piloti Ferro e Spunkmayer e la fa schiantare contro il mezzo blindato, distruggendo entrambi. I superstiti, atterriti e amareggiati, recuperano dai rottami le armi ancora utilizzabili e si rinchiudono nella struttura per ripararsi dagli xenomorfi. Sigillano condotti per barricarsi da ogni attacco e studiano un nuovo piano di fuga.

Una volta all'interno Ripley e Bishop, ricostruendo il ciclo di riproduzione degli xenomorfi, iniziano a chiedersi quale può essere l'origine delle uova dalle quali nascono i face-huggers. Poco dopo Ripley e Burke hanno un alterco, causato dall'intenzione dell'uomo di portare i due esemplari di face-hugger vivi sulla Terra per impiegarli come lucrose armi biologiche. Ripley lo attacca violentemente, accusandolo di essere responsabile per la morte dei coloni (l'ordine di cercare l'astronave sull'LV-426 era partito da lui) e giurandogli di ostacolarlo in tutti i modi possibili. La situazione, nel frattempo, peggiora ulteriormente: lo schianto della navetta ha causato un danno agli impianti di raffreddamento del reattore termonucleare della colonia. Senza possibilità di dissipare il calore, il reattore esploderà in poche ore. Oltre che contro gli xenomorfi, il gruppo si trova quindi a lottare anche contro il tempo. Discutendo del da farsi, Bishop suggerisce di tentare di riallineare la parabolica della base alla Sulaco, operando manualmente, per richiamare dall'astronave una seconda scialuppa. L'androide si offre dunque volontario per manovrare l'unico terminale in funzione, all'esterno del complesso, mentre il gruppo si dà da fare per isolare il rifugio.

Poco dopo Ripley e Newt vengono attaccate dai due face-hugger tenuti in laboratorio: l'intervento di Hicks e degli altri salva Newt e Ripley, che capisce che è stato Burke a tentare di trasformarle in ospiti per far superare ad uno xenomorfo la quarantena. Mentre il gruppo discute della sorte di Burke, gli xenomorfi, che hanno superato le barricate muovendosi nell'intercapedine del tetto, attaccano: nella furiosa lotta Burke decide di isolare i marines e Hudson perde la vita. Proprio quando il gruppo si libera Burke muore ucciso da uno xenomorpho penetrato attraverso il condotto dell'aria nella camera nella quale si era asserragliato. Durante la fuga attraverso i sistemi di aerazione moriranno anche Vasquez e Gorman. Il tenente torna indietro per recuperare Vasquez ferita, ma resosi conto di essere circondato si unisce alla donna e in un gesto eroico che riscatta la sua pessima prova di ufficiale si uccide assieme a Vasquez con una granata, nel tentativo di eliminare il maggior numero di inseguitori e non far catturare viva la marines ferita. Mentre Ripley, Hicks e Newt si dirigono verso la piattaforma, dove la navetta guidata a distanza da Bishop è in arrivo, la bambina viene rapita dagli xenomorfi e Hicks ferito gravemente. Ripley, disperata, porta il compagno sulla navetta e parte alla ricerca della bambina, con a disposizione soli 15 minuti prima dell'esplosione.

Nell'alveare degli xenomorfi, Ripley trova Newt ancora viva, ma anche una creatura mai vista prima: quella che sembra essere una regina in fase di deposizione delle uova, protetta da "soldati" in maniera simile agli insetti sociali. Ripley nella fuga decide di bruciare le uova e di distruggere il condotto ovopositore della regina che, infuriata, si lancia all'inseguimento degli umani. Ripley e Newt sulla piattaforma, vengono raccolte da Bishop, che stazionava lì vicino e si allontanano di gran carriera dal pianeta, lasciandosi alle spalle l'enorme esplosione nucleare del complesso.

Una volta sulla USS Sulaco, Ripley ringrazia Bishop ma in quella l'androide viene improvvisamente trapassato e spezzato in due dalla coda della Regina, che si era aggrappata alla navetta durante il decollo dalla piattaforma raggiungendo anch'essa la Sulaco. Mentre Newt si nasconde come può, Ripley entra in un elevatore meccanico e ingaggia una lotta con la Regina impiegando un esoscheletro. Dopo un durissimo scontro Ripley ha la meglio riuscendo ad espellere la Regina Xenomorpha nello spazio tramite il portellone principale e, dato il risucchio nel vuoto, Bishop aiuta Newt aggrappandosi e trattenendola finché Ripley non riesce finalmente a richiudere il portellone principale. Scongiurato il pericolo, Ripley e Newt, disattivano Bishop e lo posizionano insieme al malandato Hicks nelle capsule criogeniche, e infine si coricano a loro volta nelle loro capsule, pronte a un sonno finalmente senza incubi lungo tutto il viaggio verso casa.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente oltre cinquecento attori bambini vennero esaminati per la parte di Newt. La maggior parte di essi avevano però recitato in spot pubblicitari ed erano quindi abituati a sorridere dopo aver pronunciato le proprie battute. Infuriato dalla cosa (che contrastava con il personaggio di una ragazzina traumatizzata) Cameron scelse infine una bambina senza precedente esperienza recitativa, figlia di un ufficiale dell'esercito degli Stati Uniti distaccato vicino al luogo delle riprese.

Il regista curò particolarmente la preparazione e l'immedesimazione nei personaggi degli attori destinati a interpretare i marines spaziali. Tutti loro (persino quelli che nel film hanno ruoli secondari e non pronunciano battute) furono sottoposti a un intenso ciclo di addestramento per affinarne lo spirito di corpo e ricevettero la raccomandazione di leggere il romanzo di fantascienza militare Fanteria dello spazio. Per la stessa ragione fu intensamente curata la realizzazione di accessori, armamenti ed equipaggiamento per i marines: i loro 'fucili a impulsi' vennero realizzati unendo parti di mitra Thompson, e di fucili Franchi SPAS-12 e Remington 870, le 'smart gun' (usate inizialmente da Vasquez e Drake) erano invece basate su mitragliatrici tedesche MG 42 modificate e installate su supporti da steadicam[2].

La fotografia della figlia di Ripley, mostrata in una delle scene tagliate, è in realtà quella di Elizabeth Inglis, madre di Sigourney Weaver.

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Oltre sedici marionettisti ed effettisti furono necessari per muovere ed operare la colossale regina aliena (alta 420 cm), realizzata dalla compagnia di Stan Winston; di tutti questi due si trovavano direttamente all'interno di essa. La scena di Bishop che fa il gioco con il coltello tra le dita di Hudson è stata girata lentamente e poi velocizzata, si può infatti vedere che gli altri personaggi si muovono a una velocità insolita durante la scena.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film, uscito nell'inverno del 1986, ha incassato in USA 85.160.248$ e in tutto il mondo 98.156.207$ per un complessivo di 183.316.455$[3].

L'edizione "director's cut"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992, la 20th Century Fox mette in commercio la VHS e il laserdisc "Aliens - Edizione Speciale" dove, per la prima volta, i 17 minuti di scene inedite che furono eliminate durante il montaggio sono, adesso, integrati. Nel 2000 questa edizione è stata pubblicata anche in DVD. Le sequenze inedite non sono doppiate e sono corredate dai sottotitoli in italiano. Furono eliminate, secondo quanto affermato da James Cameron, sia per ridurre la durata del film, sia per enfatizzare la suspense e i misteri della storia. Infatti, in particolare, le scene iniziali svelavano subito alcuni elementi sostanziali della trama.

I cofanetti "Alien Collection" e "Quadrilogia"[modifica | modifica wikitesto]

La versione Director's Cut è presente sia nel cofanetto Alien Collection - Edizione Speciale 20mo Anniversario (i 4 film su DVD, più un DVD documentario), sia nel cofanetto quadrilogia (9 DVD, due per ciascun film e uno di contenuti inediti). Nel primo cofanetto, l'edizione speciale è in italiano con le scene inedite in inglese sottotitolate. Invece, nel secondo cofanetto, il film integrale è solo in inglese con eventuali sottotitoli. Inoltre, questa versione è anticipata da una breve introduzione di James Cameron.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prima dell'uscita del cofanetto "Quadrilogia", è stata diffusa una informazione errata della durata del film. Infatti, quasi tutti i canali di vendita del DVD riportano la durata di 150 minuti per l'edizione cinematografica e 154 minuti per l'edizione speciale. Invece, come correttamente riportato sia nel DVD "Edizione Speciale", sia nell'opuscolo interno del cofanetto "Quadrilogia", il film ha una durata di 131 minuti e di 148 minuti nell'edizione integrale.
  2. ^ Aliens, cinema.wikia.com. URL consultato il 3 aprile 2014.
  3. ^ Box office for Aliens-Scontro finale, imdb.com. URL consultato il 3 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]