Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt, tradotta letteralmente significa "abbiamo davanti agli occhi i vizi altrui, mentre i nostri ci stanno dietro" (Seneca).

Il concetto, chiaro ed evidente, è equivalente a quello espresso in una favola di Fedro, con la quale racconta come Giove ci diede due bisacce (Peras imposuit Iuppiter nobis duas), quella davanti bene in vista con i vizi altrui e dietro, ben nascosta, quella contenente i nostri.
Del resto, anche il Vangelo ci insegna che "è più comodo vedere la pagliuzza nell'occhio altrui invece della trave nel proprio occhio" (Lc 6, 41).


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina