Alice Keppel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alice Keppel, 1890.

Lady Alice Frederica Edmonstone (Strathblane, 29 aprile 1868Bellosguardo, 11 settembre 1947) è stata una cortigiana scozzese, amante del re Edoardo VII ed è la bisnonna di Camilla, duchessa di Cornovaglia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia dell'Ammiraglio nella Royal Navy, Sir William Edmonstone, IV Baronetto, e di Mary Elizabeth Parsons, di Woolwich Dockyard. Suo nonno era stato governatore delle Isole Ionie. Crebbe a Duntreath Castle, Loch Lomond. Duntreath Castle era la residenza dei Edmonstones dal XIV secolo, quando venne acquistata e le sue terre furono regalo di nozze del re Roberto III di Scozia a sua figlia Mary.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 1 giugno 1891, all'età di 22 anni, sposò George Keppel, figlio del VII conte d'Albemarle. Ebbero due figlie:

La mancanza relativa di denaro di suo marito, portarono la famiglia a relazionarsi con i più ricchi uomini al fine, per la famiglia, di stare al passo con lo stile di vita di Londra della società in quei tempi. In quel periodo iniziò una relazione con Ernest Beckett, il probabile padre biologico della figlia di Alice, Violet. Ebbe anche una relazione con Humphrey Sturt, II barone Alington.

Divenne una delle più belle hostess della società, più nota della Belle Époque. Come padrona di casa, trattò anche i suoi nemici gentilmente, e sapeva sempre il migliore scandalo, i prezzi delle azioni e l'ultima mossa politica. Non parlava mai male di nessuno e quasi mai perse le staffe. La figlia maggiore scrisse che "non aveva solo il dono della felicità, ma lei eccelleva nel rendere felici gli altri, assomigliava a un albero di Natale carico di regali per tutti".

Amante reale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1898, a 29 anni, incontrò Edoardo, principe di Galles (poi Edoardo VII), erede al trono. Non passò molto tempo prima di diventare una delle sue molte amanti, nonostante 26 anni di differenza. Il principe ne fece subito la sua favorita e la sua amante semi-ufficiale. Visse a East Sutton, dove Edoardo le faceva visita regolarmente. Il suo rapporto con Edoardo sarebbe durato fino alla sua morte, nel 1910. Fu una delle poche persone, nel cerchio di Edoardo VII, che fu in grado di disinnescare i suoi sbalzi d'umore.

Nonostante fosse nota per le sue capacità persuasive, non riuscì a togliere al re il vizio del fumo e l'abitudine di consumare pasti eccessivi.

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di novembre 1910, lei e il marito abbandonarono Londra per la solitudine del continente. La Keppel sosteneva che la scelta era dovuta al desiderio di assicurare alle figlie una migliore istruzione; in realtà fu per sfuggire all'improvviso sconvolgimento della sua vita. La famiglia trascorse due anni in viaggio in Estremo Oriente e Ceylon. Al ritorno in Gran Bretagna, i coniugi comprarono una nuova casa a Londra. Tuttavia, ben presto si trasferirono in Italia, dove comprarono Villa dell'Ombrellino nei pressi di Firenze, dove vissero per il resto della loro vita. La villa era stata la casa dello scienziato Galileo Galilei, del poeta Foscolo e dello studioso Charles Eliot Norton.

L'11 settembre 1947, due mesi dopo la nascita della pronipote, Camilla Shand, Alice Keppel morì di cirrosi epatica. George Keppel la seguì nella tomba nel giro di alcune settimane; è stato detto che non riusciva a vivere senza di lei. Erano sposati da 56 anni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 62357923 LCCN: n85142698