Algiso Toscani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Algiso Toscani
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
1936-1939 Bologna Bologna
Squadre di club1
1939-1943 Bologna Bologna 0 (0)
1943-1944 Fidenza Fidenza  ? (?)
1945-1946 Parma Parma 13 (9)
1946-1948 Pescara Pescara 50 (19)
1948-1949 Parma Parma 33 (8)
1949-???? Salsomaggiore Salsomaggiore  ? (?)
Carriera da allenatore
 ???? Salsomaggiore Salsomaggiore  ? (?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Algiso Toscani (Salsomaggiore Terme, 13 novembre 192031 ottobre 2010[1]) è stato un partigiano, allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Seconda Guerra Mondiale ha fatto parte delle formazioni partigiane combattenti sull'Appennino parmense, rimanendo poi nei ranghi del'ANPI di Salsomaggiore Terme fino alla morte[1][2].

Anche il fratello Corrado è stato calciatore[3], mentre il figlio Italo ha giocato come centrocampista nel Parma, negli anni Settanta[4].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti agile e scattante, era dotato di un tiro molto potente[5].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nel Bologna, entrando nelle giovanili del club rossoblu nel 1936[2] dopo essere stato notato dall'allenatore Felsner durante il ritiro precampionato dei rossoblù a Salsomaggiore[5]. Con la formazione juniores vince il Torneo internazionale Ragazzi, realizzando una quaterna in semifinale e la rete decisiva nella finale contro il Servette a Strasburgo[5][6], ed esordisce in prima squadra il 24 dicembre 1939, nella partita di Coppa Italia vinta per 3-1 contro il Livorno, realizzando anche un gol[7]. Rimane la sua unica apparizione con i felsinei, a causa della presenza nel suo stesso ruolo di Hector Puricelli e di un serio infortunio al menisco[5].

Nel 1943 viene ceduto in prestito al Fidenza, con cui disputa il Campionato Alta Italia 1944[8]. Terminata la guerra passa in prestito al Parma[9]; a fine stagione, rientrato al Bologna, ottiene di poter lasciare i rossoblu[5] e si trasferisce al Pescara[9], nonostante l'iniziale riluttanza ad accettare il trasferimento[5]. Disputa con gli abruzzesi due campionati di Serie B per un totale di 50 presenze e 19 gol[10][11].

Nel 1948 torna al Parma dove gioca per un altro anno in Serie B per un totale di 33 presenze ed 8 reti[12], prima di chiudere la carriera nel Salsomaggiore, di cui è anche allenatore[5]. Per diversi anni ha allenato anche la Società Sportiva Francani, squadra giovanile di Salsomaggiore[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PDF) Un pensiero per... Anpi.it
  2. ^ a b Algiso Toscani, calciatore e partigiano Repubblica.it
  3. ^ a b La storia del Salsomaggiore Calcio Salsomaggiorecalcio.it
  4. ^ "Io correvo, correvo, correvo" Sport.comune.parma.it
  5. ^ a b c d e f g Giso Toscani Robertotanzi.it
  6. ^ I ragazzi del Bologna hanno vinto il torneo a Strasburgo, Il Littoriale, 19 aprile 1938, pag.4
  7. ^ Bologna-Livorno: 3-1, Il Littoriale, 26 dicembre 1939, pag.3
  8. ^ Le partite del girone emiliano, Il Corriere dello Sport, 24-25 febbraio 1944, pag.2
  9. ^ a b Gli acquisti del Pescara, Il Corriere dello Sport, 19 agosto 1946, pag.4
  10. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Milano, Edizioni Rizzoli, 1948, p. 162.
  11. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Milano, Edizioni Rizzoli, 1949, p. 167.
  12. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Milano, Edizioni Rizzoli, 1950, p. 167.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Tagliavini, Carlo Fontanelli, Almanacco Parma 100, tutto sui crociati, Geo Edizioni, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]