Alfredo Menichelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfredo Menichelli (Salerno, 7 febbraio 1900Roma, 3 luglio 1979) è stato un attore italiano del teatro e del cinema.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fratello minore della più celebre Pina, recitò fin da bambino nella compagnia teatrale dei genitori[1], ma la sua attività artistica ebbe inizio subito dopo aver concluso gli studi secondari.

All'inizio militò nella compagnia dell'altra sorella Dora, per poi passare ad altre compagnie, come quella del Teatro degli Arcimboldi di Milano diretta da Gero Zambuto. Menichelli formò nel 1931 una propria compagnia di rivista assieme a Giuseppe Achille.

Fu anche attore cinematografico, esperienza che iniziò negli anni venti in alcune pellicole come La seconda moglie (1922) e Triboulet (1923), che interruppe successivamente e che riprese nel periodo sonoro, con il film 13 uomini e un cannone del 1936. Nei film a cui prese parte recitò prevalentemente in ruoli secondari o da «comparsa».

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ V. Martinelli, Pina Menichelli: le sfumature del fascino, Bulzoni, 2002, p. 20

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • E. Lancia, R. Poppi - Dizionario del cinema italiano. Gli attori, vol. 2 M-Z - Roma, Gremese, 2003, ISBN 8884402697.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie