Alfredo Müller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo Müller nel suo atelier di Parigi (73, rue Coulaincourt) nel 1908.

Alfredo Müller (Livorno, 30 giugno 1869Parigi, 7 febbraio 1939) è stato un pittore svizzero. Ebbene se nato a Livorno, non fu allievo di Giovanni Fattori. Quando ha voluto formarsi alla pittura, prese lezioni presso i professori dell'Accademia di Belle Arti di Firenze: Giuseppe Ciaranfi e soprattutto Michele Gordigiani, "il caro maestro d'Alfred" come ha scritto la sua moglie al retro di una foto del maestro ritrattista fiorentino. Tuttavia ha esposto con i Macchiaioli storici ed i Postmacchiaioli della sua generazione, alla Prima Esposizione di Belle Arti di Livorno nel 1886, a Livorno nella bottega di Gustavo Mors nel 1890, a Firenze negli anni 1890-1892, poi fu invitato alla Prima Mostra del Fascio Artistico di Livorno allestita nella Bottega d'Arte di Belforte nel luglio di 1923.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Portrait de M.lle Cléo de Mérode, etching and aquatint 36,5 x 34,6 cm. Edited (50) by Edmond Sagot. Koehl E110. Epreuve hors-tirage
Alfredo Müller, Dante au lys, 1897-1898, 52 x 20 cm, one of the 6 etchings of the series "La Vie heureuse de Dante Alighieri" (Koehl E91 to E96). The 12 series printed by the artist were edited by Ambroise Vollard in 1898. Trail proof

Proveniente da una famiglia benestante originaria del Canton Appenzello Esterno in Svizzera e coinvolta nel commercio internazionale, seguì le lezioni di professori dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Fu l'allievo preferito del maestro Michele Gordigiani che nel 1895 lo raffigurò mentre dipingeva al cavalletto davanti ai suoi amici Edoardo Gordigiani, il figlio di Michele, ed Egisto Fabbri in un quadro oggi conservato nella Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma.

Ancora giovanissimo, nel 1886 espose assieme a pittori quali Giovanni Fattori e Silvestro Lega alla Prima Esposizione di Belle Arti di Livorno.

Nel 1889 espose due tele a Parigi dove si teneva l'Esposizione universale e scoprì la pittura degli impressionisti. Da allora abbandonò la pittura accademica degli esordi per seguire la lezione di Claude Monet e Camille Pissarro. Al suo ritorno in Italia, mostrò delle opere che suscitarono un ampio dibattito tra la critica per il loro carattere "francese".

Nel 1890, il crack della Banca di Livorno rovinò la ditta Müller che nel 1895 si trasferì a Parigi. Alfredo Müller abitò a lungo a Montmartre, divenne amico di Camille Pissarro, Pierre Auguste Renoir, Paul Cézanne e Henri de Toulouse-Lautrec, che peraltro influenzarono lo stile dell'artista. Nella sua cerchia di conoscenze è opportuno citare l'amico e parente[1] Leonetto Cappiello. Sperimentò l’incisione a colori nello studio di Eugène Delâtre e divenne presto un capofila di questa tecnica tornata di moda in Francia sull’onda dell’Art Nouveau e del Giapponismo, contendendo il campo a incisori come Manuel Robbe e Richard Ranft. Fece la sua prima mostra personale nel 1898 nella galleria dell’editore di punta Ambroise Vollard che pubblicò la sua serie di incisioni ispirate alla Vita Nuova di Dante Alighieri, pervase da un intenso simbolismo mistico.

Successivamente lavorò con altri editori e mercanti parigini, soprattutto Pierrefort e Edmond Sagot. Eccelse nel ritrarre le attrici più famose del tempo, da Sarah Bernhardt a Cléo de Mérode, da Marthe Mellot a Suzanne Desprès. Nel 1900 raffigurò per Pierrefort in un manifesto litografico la ballerina e attrice Sada Yacco in tournée a Parigi al tempo dell’Esposizione Universale. Immortalò i luoghi d’eccellenza della Parigi montmartroise come Place Blanche col Moulin Rouge. Strinse rapporti con l’ambiente della “Revue Blanche” e collaborò con una locandina ai programmi del teatro de L’Œuvre affidati agli artisti d’avanguardia. Nel 1903 eseguì per Edmond Sagot una suite di sei grandi stampe decorative litografiche a colori (frises), tre con motivi di uccelli e tre con scene di figure, destinate all’arredamento sul genere di quelle di Henri Rivière con motivi bretoni. Nel 1908 sposò Marguerite Thomann, che fu modella per Pierre Puvis de Chavannes, e pochi anni dopo divenne cittadino francese.

Nel 1914, dopo aver esposto alla Seconda Esposizione della Secessione di Roma, fece ritorno a Firenze, dove si stabilì a Settignano alla Villa Colombaia. Abbandonata l’incisione, dipinse molto, sempre attento a cogliere il movimento della luce. Ritrovati i suoi amici Libero Andreotti, Gino Carlo Sensani, Umberto Brunelleschi, Gian Gualberto Parenti, con cui si dedicò alle arti decorative dove si esprime il suo fascino per la magia teatrale. Restano famose le sue “Arlecchinate” con pantomime di maschere una serie delle quali decorò per anni il ridotto del Teatro Manzoni a Milano e la grande tela col ritratto di Cora Antinori, che lo avvicinano al mondo dorato delle feste in costume di Umberto Brunelleschi e coniugano la pennellata cézanniana alla grazia del Déco. Nel 1930 tenne una personale alla Saletta Gonnelli di Firenze. Nel 1932 tornò in Francia, dove trascorse gli ultimi anni di vita fino alla morte avvenuta a Parigi nel 1939.

Suo fratello minore era il ciclista Rodolfo Muller.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un fratello di Cappiello sposò una sorella di Müller.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cover page of the Complete Catalogue of the Graphic Work of Alfredo Müller (1869-1939) in three languages, published in 2014
Cover page of "Nouvelles de l'estampe" n. 233-234 (mars 2011) with Alfredo Müller, Femme lisant aux fleurs. 1897. Etching in colours 64,3 x 51,7 cm. Koehl E44
Cover page of the catalogue of the lihographs by Alfredo Müller (1869-1939), published in 2012
Cover page of Alfredo Müller. Un ineffabile dandy dell'impressionismo, a cura di Francesca Cagianelli, Edizioni Polistampa 2011. Featuring Alfredo Müller, "Ritratto di Cora Antinori". 1916. Oil on canvas 244,5 x 188 cm
Cover page of Alfredo Müller. Opera grafica. Livorno 1982, featuring "La Liseuse" 1899, etching 35,5 x 31,5 cm created for "Cocorico"
Cover page of Omaggio a Alfredo Müller, Firenze, Il Mirteto 1974 featuring "Verlaine au café Procope" 1896, lithograph 45 x 50 cm
  • Raffaele Monti, Il nemico di Fattori, "Arte 80" n. 3-4, 1973, p. 78-82, 132.
  • Omaggio a Alfredo Müller, catalogo della mostra, Galleria d'Arte moderna Il Mirteto, Palazzo Ricasoli-Firidolfi, via Maggio 7, Firenze 5-31 ottobre 1974.
  • Alfredo Müller, catalogo della mostra con una presentazione di Raffaele Monti, Galleria del Levante, Milano febbraio-marzo 1975,
  • Giuliano Ercoli, Alfredo Muller: un ritratto e una verifica, "Antichità viva" n. 2, 1976, p. 53-56.
  • Alfredo Müller. Opera grafica, catalogo della mostra a cura di Mario Quesada, con la collaborazione di Elisabetta Matucci e una testimonianza di Giuseppe Sprovieri, Museo di Villa Maria, Livorno 7 agosto-9 ottobre 1982.
  • Andrea e Giovanna Conti, Alfredo Müller (1869-1939), in Ottocento, Catalogo dell'Arte italiana dell'Ottocento n. 20, Milano, Mondadori 1991, p. 86-90.
  • Francesca Cagianelli, Le arlecchinate di Alfredo Müller. Dalle prodezze della Commedia dell’arte all’arabesco cromatico delle avanguardie, in La Maschera e l'Artista. Intermezzi, pantomime, acrobazie sul palcoscenico del Novecento, Firenze, Maschietto 2005.
  • Hélène Koehl, Pierre Cappiello, Sguardi incrociati di Alfredo Müller e Leonetto Cappiello sul palcoscenico parigino del 1900, traduzione Emanuele Bardazzi, "Livorno cruciale" n. 1, 2009, p. 11-15.
  • Hélène Koehl, Il giapponismo e Alfredo Müller, un incontro parigino, traduzione Emanuele Bardazzi, "Livorno cruciale" n. 3, 2010, p. 6-11.
  • Hélène Koehl, Letture femminili negli interiori mülleriani, traduzione Emanuele Bardazzi, "Livorno cruciale" n. 4, 2010, p. 16-20.
  • Francesca Cagianelli (a cura di), Alfredo Müller, Un ineffabile dandy dell'impressionismo, Firenze, Polistampa 2011.
  • Emanuele Bardazzi, Hélène Koehl, Le peintre et graveur Alfredo Müller, un maître méconnu de l'eau-forte en couleurs à la Belle Epoque, in "Nouvelles de l'estampe" n. 233-234, Paris, Comité national de la Gravure française - BnF, mars 2011, p. 18-32.
  • Patrick-Gilles Persin, Alfredo Müller, une heureuse redécouverte, "Nouvelles de l'estampe" n. 237, hiver 2011-2012, p. 73-74.
  • Hélène Koehl, Alfredo Müller incisore de La vie heureuse de Dante Alighieri nella Parigi della Belle Époque, "Grafica d’Arte" n. 89, gennaio-marzo 2012, p. 18-23.
  • Hélène Koehl et Emanuele Bardazzi, Alfredo Müller Lithographe/Litografo, préface de Mireille Romand, textes bilingues français et italien, notices complètes des lithographies de l'artiste, Paris-Strasbourg, Les Amis d'Alfredo Müller éditeur, 2012.
  • Hélène Koehl, Dix eaux-fortes d’Alfredo Müller acquises par la BnF. Où il est question d’E. Delâtre, d’A. Vollard et d’É. Sagot, "Nouvelles de l'estampe" n. 243, été 2013, p. 40-44.
  • Hélène Koehl, Alfredo Müller, in Impressions à Montmartre : Eugène Delâtre & Alfredo Müller, catalogue de l’exposition au Musée de Montmartre, 14 septembre 2013-12 janvier 2014, Milano, Silvana Editoriale 2013, p. 39-49.
  • Hélène Koehl, Alfredo Müller, un Livournais à Montmartre avant Modigliani (1896-1914), "Le Vieux Montmartre", 127ème année, nouvelle série n. 83, décembre 2013, p. 21-29.
  • Hélène Koehl, Alfredo Müller. Sur papier. Su carta. On Paper. Catalogue raisonné trilingue de l'oeuvre graphique. Avec des contributions d'Emanuele Bardazzi, Céline Chicha-Castex, Elisabetta Matucci, Nicolas Romand, Sarah Sauvin et une présentation en de Rémi Mathis, Paris-Strasbourg, Les Amis d'Alfredo Müller éditeur, novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]