Alfred Schoep

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfred Ferdinandus Maria Ghislenus Schoep (Gand, 6 giugno 18811 giugno 1966) è stato un mineralogista belga al quale si deve la scoperta ed il riconoscimento di numerosi minerali.

Figlio di Euphras Charles Schoep e di L. Uytterhaegen, studiò all'Università di Gand dove nel 1904 prese il dottorato in Geografia e nel 1906 in Scienze Naturali (Mineralogia, Geologia, Cristallografia).

Iniziò la sua carriera scientifica nell'Ottobre del 1906, come assistente in chimica analitica e negli anni 1910-1913 partecipò ad una spedizione geologica nel Sud Katanga (nell'allora Congo Belga), sotto la direzione di Claude Guillemin. Successivamente partecipò ad altre campagne in Russia, nel Caucaso e lungo la costa del Mar Caspio.

Come mineralogista, A. Schoep è noto per le sue ricerche (prevalentemente nel 1920) relative a numerosi minerali di uranio rinvenuti nelle miniere di Shinkolobwe (già Kasolo) e Kalongwe in Katanga.

In suo onore, il mineralogista canadese Walker chiamò "schoepite" un ossido idrato di uranio, come riconoscimento dei lavori svolti nel campo della mineralogia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie