Alfred Kazin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfred Kazin (Brooklyn, 5 giugno 19155 giugno 1998) è stato un critico letterario e saggista statunitense che ha affrontato in numerosi saggi il tema dell'esperienza degli immigrati nell'America dei primi anni del XX secolo.

Kazin venne considerato come uno del gruppo degli Intellettuali di New York e come molti altri membri del gruppo era nato a Brooklyn e aveva frequentato il "The City College di New York". Tuttavia le sue idee politiche erano più moderate rispetto a quelle della maggior parte degli altri intellettuali newyorkesi, molti dei quali erano socialisti.

Recensì con grande passione - o grande disgusto a seconda dei casi - tutto quanto gli capitava di leggere, confortando le proprie opinioni con una profonda conoscenza della storia, della politica e della cultura letteraria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • On Native Grounds (1942), trad. di Margherita Santi Farina, La nuova terra. Storia della letteratura americana, a cura di Masolino d'Amico, 3 voll: 1: La ricerca della realtà, 1890-1917; 2: La grande liberazione, 1918-1929; 3: La letteratura della crisi, 1930-1940, Longanesi, Milano 1952; 19562; 19743
  • A Walker in the City (1951)
  • The Inmost Self (1955, antologia di saggi)
  • The Portable Blake (1959)
  • The Open Form: Essays for our time (1961)
  • Contemporaries (1962)
  • Francis Scott Fitzgerald: the Man and His Work (1962, a cura di)
  • Starting Out in the Thirties (1965)
  • Bright Book of Life: American Novelists and Storytellers from Hemingway to Mailer (1973)
  • New York Jew (1978)
  • An American Procession (1984)
  • A Writer's America: Landscape in Literature (1988)
  • Writing Was Everything (1995)
  • A Lifetime Burning in Every Moment (1996)
  • God and the American Writer (1997)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 108771008

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura