Alfred Baeumler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfred Baeumler (o Bäumler) (Neustadt an der Tafelfichte, 19 novembre 1887Eningen unter Achalm, 19 marzo 1968) è stato un filosofo tedesco.

Profondo conoscitore e studioso di cultura tedesca e di estetica, fu interprete di Nietzsche e Bachofen e aderì nel 1933 al Partito Nazista.[1]

Tra le sue opere il saggio Bachofen und Nietzsche (1929), l'importante interpretazione nietzschiana Nietzsche der Philosoph und Politiker (1931), Aesthetik (1934), Studien zur deutschen Geistesgeschichte (1937), Das mythische Weltalter. Bachofens romantische Deutung des Altertums (1965).

Opere tradotte in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bachofen avrebbe tratto ispirazione anche da Eraclito (Emmanuel Faye, Heidegger, l'introduzione del nazismo nella filosofia, L'Asino d'oro edizioni, 2012, pag. 245).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84023818 · LCCN: n87896697 · GND: 118505882 · BNF: cb12165285t (data)