Alfonso Corti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso Giacomo Gaspare Corti

Alfonso Giacomo Gaspare Corti (Gambarana, 22 giugno 1822Corvino San Quirico, 2 ottobre 1876) è stato un chirurgo e scienziato italiano.

Nato da una nobile famiglia di marchesi lombardi (l'avo Matteo era stato archiatra pontificio con Clemente VII), fu allievo dell'anatomista Antonio Scarpa e di Mario Rusconi prima ed in seguito, iscrittosi nel 1841 all'Università di Pavia, di Bartolomeo Panizza. Completò i suoi studi presso l'Università di Vienna, dove si laureò in anatomia con Josef Hyrtl nel 1847.

Si dedicò all'istologia, all'anatomia e alla chimica durante i suoi numerosi viaggi presso gli atenei più importanti d'Europa. In particolare a Parigi dove nel 1850 cominciò i suoi studi sul funzionamento dell'apparato uditivo dei mammiferi. Nel 1851 approfondì gli studi presso l'Università di Würzburg, dove nel laboratorio del professor Rudolf Albert von Kölliker descrisse per la prima volta la struttura dell'orecchio interno umano. In particolare si deve a lui la scoperta di un organo fondamentale dell'apparato, che oggi è ancora detto organo del Corti.

Queste importanti ricerche gli valsero una grande fama all'interno di molte società scientifiche europee che lo presero in qualità di membro.

Nel 1852 tornò in Italia, continuando le ricerche di anatomia. Ammalatosi, nel 1854 abbandonò la ricerca, dedicandosi alla viticoltura nella villa della Tenuta Mazzolino di Corvino San Quirico (PV) dove si era ritirato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 47500771 LCCN: n/89/661549 SBN: IT\ICCU\NAPV\047581