Alfio Ferrisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfio Ferrisi (Montclair, 6 settembre 1916Trieste, 2 febbraio 2005) è stato uno scrittore e questore italiano.

Figlio di emigranti analfabeti, quando dagli Stati Uniti d'America venne in Sicilia, trascorse la sua adolescenza a Paternò e si laureò in giurisprudenza a Catania. Chiamato alle armi e destinato in Friuli, seguì la carriera di polizia. Fu prima commissario e poi questore nel Triveneto ed in Lombardia. Si stabilì con la famiglia a Trieste, che divenne sua città adottiva, svolgendovi un notevole ruolo culturale.

Tranne che per una raccolta di liriche giovanili, egli si dedicò alla narrativa, riuscendo uno scrittore realistico con venature romantiche ed aspetti autobiografici. Rimpiangendo il suo paese siciliano, scrisse la raccolta di brevi racconti Il mio giardino.

Altra raccolta di racconti è il libro Altezza! Eccellenza!, che prende titolo da incontri in un castello con un principe dell'ex Sacro Romano Impero; ma diversi racconti rievocano ancora il suo paese siciliano.

Il romanzo Ritratto di famiglia, ambientato a Paternò, rievoca con dovizia di particolari la sua famiglia e il suo paese, sottolineando però l'impossibilità di tornare indietro.

Il romanzo La primavera del vescovo è ambientato al tempo della Resistenza nel Friuli; mentre con il romanzo Lazzaro, la moglie e la concubina egli mescola storia biblica e fantascienza, discutendo temi teologici e morali.

Ha lasciato varie opere inedite.

Ha avuto vari favorevoli riscontri critici, ad esempio da parte del critico Carmelo Ciccia e dello studioso Bruno Maier (Univ. di Trieste)[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucciole (Cividale del Friuli, 1944)

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il mio giardino (Società Artistico-Letteraria, Trieste, 1970)
  • Altezza! Eccellenza! (Ramponi, Sondrio, 1970)
  • Ritratto di famiglia (Lorenzini, Udine, 1985)
  • La primavera del vescovo (Ellemme, Roma, 1989)
  • Lazzaro, la moglie e la concubina (Reverdito, Trento, 1993)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nota introduttiva in "Alfio Ferrisi", paternogenius.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmelo Ciccia, Alfio Ferrisi, in Profili di letterati siciliani dei secoli XVIII-XX, Centro di Ricerca Economica e Scientifica, Catania, 2001, pagg. 104-108.
  • N. V. [Norma Viscusi], Alfio Ferrisi, in “La gazzetta dell’Etna”, Paternò, 31.1.2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]