Alfio Cacciapuoti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfio Cacciapuoti
Universo Il maresciallo Rocca
Lingua orig. Italiano
1ª app. in Una morte annunciata
Ultima app. in Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia
Interpretato da Sergio Fiorentini
Sesso Maschio
Professione Brigadiere dei Carabinieri
Parenti Rosa Cacciapuoti (moglie)

Alfio Cacciapuoti è un personaggio della serie televisiva Il maresciallo Rocca.

Cacciapuoti è un anziano brigadiere dell'Arma dei Carabinieri che ricopre spesso il ruolo di "vice" del maresciallo Rocca. Durante la prima stagione, nell'episodio L'ostaggio, viene colpito da un infarto e per questo lascia l'arma, raccontando al maresciallo di essere malato da tempo ma di non averlo mai detto a nessuno[1]. Sostituito dal più giovane brigadiere Stefano Alfano, Cacciapuoti continua ad aiutare gli ex colleghi nelle indagini per alcuni episodi[2]; all'inizio della seconda serie, con la promozione di Alfano a maresciallo e con il miglioramento delle sue condizioni fisiche, viene reintegrato nell'Arma e riassegnato alla stazione di Rocca[3].

Migliore amico del maresciallo, Cacciapuoti informa il procuratore Mannino e il capitano De Santis che Rocca si stava recando da solo in Puglia, per scovare un'organizzazione criminale che aveva ucciso molte persone, tra cui sua moglie Margherita, nonostante il divieto[4].

A partire dalla quarta serie si troverà come parigrado Michele Banti, e inizialmente entrerà in conflitto poiché teme di perdere il posto a favore del più giovane collega[5].

Nel corso della serie si dimostra molto avverso nei confronti dei mezzi informatici, nonostante Banti cerchi di insegnargli i metodi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi l'episodio L'amica del cuore della prima stagione
  2. ^ Vedi gli episodi L'amica del cuore e La vendetta della prima stagione, e l'episodio Un maledetto incastro della seconda stagione
  3. ^ Vedi l'episodio Senza perché della seconda stagione
  4. ^ Vedi l'episodio L'ultima sfida della terza stagione
  5. ^ Vedi l'episodio Senza perdono