Alexei Volkoff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Alexei Volkoff
Volkoff
Volkoff
Universo Chuck
Nome orig. Алексей Волков
Alter ego Hartley Winterbottom
Soprannome
  • Agente X (nome in codice)
  • Gregory Tuttle (alias)
Autori
1ª app. in Chuck vs. la prima lite
Ultima app. in Chuck vs. Decker
Interpretato da Timothy Dalton
Voce italiana Michele Gammino
Sesso Maschio
Luogo di nascita Hartley
Somerset, Regno Unito
Volkoff
Mosca, Russia
Data di nascita 30 marzo o 14 maggio 1959[1]
Professione

Hartley

  • scienziato dell'MI6

Volkoff

Abilità Hartley

Volkoff / Intersect

Parenti
  • Vivian Winterbottom (nonna)
  • Mrs. Winterbottom (madre)
  • Vivian McArthur (figlia)
« Ricorda: la famiglia e gli amici sono tutto. Denaro, avidità e potere sono una danza con Satana. E lui assomiglia a me. »
(Volkoff a Mary[2])

Alexei Volkoff (Алексей Волков), alter ego di Hartley Winterbottom, noto anche come Agente X, è un personaggio immaginario della serie televisiva statunitense Chuck, di Josh Schwartz e Chris Fedak.
È interpretato da Timothy Dalton, con la voce italiana di Michele Gammino.

Volkoff è un terrorista russo a capo di una potente organizzazione criminale ed industriale denominata Volkoff Industries. Antagonista della prima metà della quarta stagione, si rivelerà in seguito essere stato il primo, fallimentare, Intersect umano, la cui identità di copertura sovrascrisse l'originale; nell' ultima stagione si scoprirà che è stato il proprietario di uno dei tre componenti della Chiave, il dispositivo che rende perfetto l' Intersect riprogrammandolo a proprio piacimento.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Alexei Volkoff è un uomo alto sulla mezza età ma ancora imponente, coi capelli brizzolati ed uno sguardo tagliente caratterizzato dai chiarissimi occhi azzurri. In accordo con Chuck, Volkoff è alto tra 5' 10" e 6' 2" ft, ovvero tra 178 e 188 cm[3]. Nonostante il suo ruolo, Volkoff è caratterizzato da un'aria mansueta e quasi inoffensiva, nonché da un sorrisetto compiaciuto perennemente stampato sulle labbra[4].

Nei panni di Volkoff indossa sempre completi giacca e cravatta scuri, con camicie nere o grigie ed un lungo soprabito nero. Come Hartley invece, è solito vestire camicie a quadri o bianche, pullover di lana o completi marrone scuro, tale fatto sta ad indicare anche la scissione d'identità tra i due[5].

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio presenta due personalità: Alexei Volkoff e Hartley Winterbottom.

Alexei Volkoff
Volkoff ha un carattere stravagante; nonostante venga definito come un pazzo ed un sadico, incline all'omicidio, al massacro e alla violenza[6], ed egli stesso si proclami perfettamente in grado di uccidere un uomo a sangue freddo e senza rimorsi[4], appare per lo più come un personaggio docile, allegro e buontempone, quasi una macchietta e con un gran senso dell'umorismo.
Raramente lo si vede animato da intenzioni negative, salvo l'invidia nei confronti di Stephen Bartowski[7], dovuta alla sua attrazione verso sua moglie, Mary; attrazione della cui non corrispondenza Volkoff sembra quasi non accorgersi, egli infatti afferma di preferire ucciderla piuttosto che "farla vivere senza di lui"[8], ad ogni modo quando scoprirà del suo tradimento ed un suo uomo l'atterrerà in tutta risposta egli lo ucciderà con un colpo di pistola affermando: «nessuno tocca la mia Frost»[7].
Contraddittorio ed umoristico, Volkoff è solito assumere comportamenti completamente inaspettati, come quando dichiara a Sarah di essere un "romantico" amante di «poesia, pittura ed arte del massaggio»[9], per poi rivelare che considera Stalin il suo poeta e filantropo preferito, o quando, scoperta la parentela tra Chuck e Mary si autoinvita a casa di Ellie e Devon per una "cena in famiglia" finendo anche a giocare alle imitazioni[8], o quando si fa convincere da un programma rieducativo eseguito in prigione a chiedere scusa a tutti coloro verso cui abbia arrecato danno, a prescindere di farlo minacciandoli con un coltello alla gola[2], o ancora, ogni volta in cui estrae la sua pistola semiautomatica e fa scattare il cane senza nessun apparente motivo unicamente poiché "gli piace il suono"[8]. Sebbene affermi di essere adorato dai bambini, la sua visita più lunga mai fatta alla figlia è stata di dieci minuti[10]. Qualora sotto interrogatorio menziona fatti irrilevanti ed inventati[4] o cita le trame di film visti da poco[2].
Nello stereotipo russo, Volkoff ha l'abitudine di salutare chiunque abbracciandolo e baciandolo su guance e labbra a prescindere dal sesso[8].

Hartley Winterbottom
La seconda, nonché reale, personalità del personaggio è quella di Hartley, scienziato pacifista, mite e docile fino al punto che lo stesso Decker lo definisce: «come un agnellino»[5], Hartley è rappresentato come essenzialmente allampanato e quasi inetto, terrorizzato dall'idea di guidare una motocicletta, incontrare la figlia mai conosciuta ed introdursi nella società fondata dal suo alter ego[5]. Disprezza profondamente le armi[11] e ne sembra quasi terrorizzato, inoltre è completamente incapace di mentire[5].
Prima dell'installazione dell'Intersect, Hartley era considerato un ottimo amico sia da Stephen che da Mary Bartowski.
Profondamente buono e riflessivo, si sente subito molto in colpa nel momento in cui gli vengono comunicate le azioni deplorevoli compiute nei panni di Volkoff, tanto che la cosa sembra essere per lui maggiormente importante del fatto di avere perso quasi trent'anni di vita intrappolato in una coscienza estranea[5]. Tuttavia dimostra anche di possedere un notevole senso dell'onore, difatti, dopo aver abbandonato Chuck alla sede delle Volkoff Industries fuggendo per la troppa tensione, ritorna immediatamente sui suoi passi e si reca in soccorso del ragazzo. Questo suo coraggio è il motivo principale che lo ha portato ad offrirsi volontario per l'innesto del prototipo di supercomputer governativo nel suo cervello[11].
Di animo buono, Hartley non esita un solo istante a fuggire all'estero con la figlia Vivian, pur non sapendo nulla di lei, al fine di liberarla dalla scomoda posizione di ereditiera alla leadership di un impero criminale[5]. Inoltre si rivelerà anche piuttosto generoso, donando a Chuck e Sarah 887.000.000 di dollari come regalo di nozze[5].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Hartley nacque il 30 marzo o il 14 maggio 1959[3], privo di una figura paterna, venne cresciuto a Somerset, Regno Unito unicamente da sua madre, la quale, ex-agente dell'MI6, fu probabilmente il motivo principale che lo spinse nei servizi segreti britannici[11]. Dotato di una mente brillante, Hartley collaborò con il team di scienziati della CIA di Stephen Bartowski al Progetto Intersect, volto allo sviluppo di un supercomputer capace di immettere informazioni nel cervello umano.

Ultimato il prototipo di tale elaboratore, Hartley si offrì volontario per provarlo, facendoselo installare nel cervello dopo avervi programmato le informazioni relative ad un'identità fittizia volta ad andare sotto copertura nella mafia russa, avvenne però l'imprevisto: l'Intersect fece in modo che l'identità di copertura sovrascrivesse quella di Hartley, dando vita ad Alexei Volkoff[11].

L'ascesa di Volkoff[modifica | modifica wikitesto]

Nella programmazione Intersect: Alexei Volkoff nacque a Mosca, Russia in data analoga ad Hartley[3], cresciuto in un ambiente criminale, da sempre simpatizzante delle ideologie staliniste[7], Volkoff divenne un malvivente ambizioso, carismatico e portato per la leadership.
Convinto della veridicità di queste informazioni, l'ex-agente dell'MI6 divenne dapprima un alto esponente del crimine organizzato russo, ed in seguito un potente trafficante d'armi. In breve tempo fondò una propria società criminale; le Volkoff Industries e divenne uno dei peggiori criminali del ventunesimo secolo[11].

La CIA, non volendo riconoscere la propria colpa nella creazione di tale flagello decise di coprire ogni traccia di Winterbottom e dell'Intersect, dando vita al più grande insabbiamento nella storia dell'agenzia[11]. Parallelamente a ciò tuttavia, il governo statunitense diede vita all'operazione Isis, volta ad introdurre Mary Bartowski nelle Volkoff Industries al fine di sabotarle.

Nel corso degli anni la donna risalì la scala gerarchica dell'organizzazione e divenne il braccio destro di Vokoff, nonché oggetto di forti sentimenti da parte del criminale. Più o meno in questo periodo, il trafficante d'armi ebbe una figlia da una donna ignota, cui curiosamente mise nome Vivian, nome di famiglia dei Winterbottom posseduto anche dalla nonna dell'uomo. Dopo che Nicholas Quinn mise in piedi la sua agenzia, Alexei iniziò a stringere dei rapporti lavorativi con lui, infatti il criminale russo ha commissionato diversi incarichi all' agenzia mercenaria di Quinn.

Sebbene non venga menzionato, la sua presenza nella serie è forte già dalla seconda stagione, difatti nell'episodio Chuck vs. i Cougars, egli era il cliente di Heather Chandler per il furto dell'F-22 progettato dal marito della donna[3].

Nella serie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Chuck (quarta stagione).

Fino al settimo episodio della quarta stagione, Volkoff non viene inquadrato direttamente e gestisce tutte le sue operazioni da dietro le quinte. Quando Chuck si ricongiungerà a sua madre, la quale gli rivelerà la verità sull'operazione Isis, il ragazzo, per confermare tale affermazione si metterà in contatto con l'assistente della donna nell'MI6, Gregory Tuttle; il quale risolverà i dubbi al Team Bartowski. Successivamente però, seguirà Sarah, Chuck e Mary fino alla base operativa di Orion, rivelando di essere in realtà Alexei Volkoff, nonché di avere organizzato l'intera messinscena assieme a Frost allo scopo di farsi condurre sul luogo in cui è custodito il lavoro di Stephen e distruggerlo. Farà dunque esplodere l'edificio e fuggirà con Mary, ignaro del fatto che la donna abbia di nascosto fatto fuggire Chuck e Sarah prima dell'esplosione[4].

Successivamente anche Sarah fingerà di entrare nell'organizzazione del terrorista russo, divenendone in breve la seconda assistente dopo di Mary. Grazie a tale stratagemma, il Team Bartowski riuscirà a scoprire l'ubicazione del network di tutte le attività criminali delle Volkoff Industries e a distruggerlo, tradito da Mary, l'uomo sarà dunque arrestato da parte della CIA[7].

Sebbene in prigione, Volkoff continua a giocare il ruolo di antagonista per il Team Bartowski poiché, tramite il suo avvocato, Riley, istruirà la figlia per sostituirlo alla guida della sua organizzazione[12].

Nel momento in cui Vivian si metterà alla ricerca dei componenti per la realizzazione di un'arma chiamata Norseman, Chuck chiederà l'aiuto di Volkoff al fine di anticiparla; l'uomo finge di accettare unicamente per ricongiungersi alla figlia e riprendere il ruolo di comando al suo fianco, tuttavia nel momento in cui Vivian si rifiuta di perdonarlo e fugge senza di lui, Volkoff, profondamente abbattuto, sarà nuovamente arrestato[2].

Più avanti nella serie il Team Bartowski scoprirà la verità sull'incidente che diede vita a Volkoff, tuttavia su consiglio di Casey, concorderanno di tenere il segreto per non dover andare contro la CIA[11].

Quando Vivian infetterà Sarah col Norseman, Chuck, aiutato dalla sua famiglia, Casey, Morgan, Zondra e Carina, diserterà la CIA e libererà Volkoff di prigione al fine di chiedergli un antidoto, tuttavia Decker, incaricato di sedare la rivolta del Team Bartowski e tenere il caso Volkoff segreto, precederà il gruppo di disertori e sopprimerà l'Intersect dalla mente dell'uomo, ripristinado la sua reale identità di Hartley Winterbottom.
Hartley, messo al corrente delle azioni compiute nel corso degli anni sotto la programmazione del supercomputer, tenterà di espiare aiutando il gruppo e, quando fallirà il suo iniziale tentativo di fabbricare un antidoto per la donna, accetterà di seguire Chuck alle Volkoff Industries ed incontrare Vivian, cui chiederà scusa per non essere stato presente durante la sua vita, accettando in seguito di fuggire con lei all'estero per ricominciare delle nuove vite[5].

Dopo essere fuggito, Hartley regalerà a Chuck e a Sarah il patrimonio ottenuto con i traffici dei Volkoff, consistente in 887.000.000 di dollari, come dono di nozze. Grazie a tale somma essi potranno aprire la loro agenzia di spionaggio freelance: le Carmichael Industries.

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

Hartley è dotato di un quoziente intellettivo estremamente alto ed è uno scienziato di tale competenza e bravura da aver collaborato con Stephen Bartowski allo sviluppo dell'Intersect[11]. Dimostra di essere anche un ottimo inventore, infatti è riuscito a creare un'arma battereologica come il Norseman[5], capace di uccidere una o più determinate persone sintetizzandola per i loro DNA. Al pari del collega dispone di una memoria eidetica che lo rende capace di visualizzare tutte le immagini contenute nell'elaboratore neurale. Avendo militato nell'MI6 possiede inoltre una vasta esperienza in fatto di spionaggio.

Intersect umano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Intersect.

Il prototipo di Intersect installato nella testa dell'uomo, sebbene considerato malfunzionante dimostra in realtà di possedere una capacità assente in tutti gli altri modelli; invece di dare informazioni tramite flash temporanei infatti, esso le rilascia in modo costante fino alla sua disinstallazione[5]. In tal modo tuttavia le informazioni rilasciate dal supercomputer erodono la corteccia cerebrale sostituendosi all'identità del portatore e dando vita alla personalità di Alexei Volkoff; il quale oltre che una grande intelligenza possiede ottime qualità di leadership[5] e di tattica militare[7], nonché una notevole competenza di combattimento corpo a corpo tramite svariate arti marziali, una mira eccezionale in fatto di armi da fuoco[8] ed un'ottima coordinazione con le armi bianche[2].
La personalità di Volkoff è inoltre quella di un eccellente manipolatore e la lingua madre impostatagli dall'Intersect è il russo, tanto che parla l'inglese, lingua natia di Hartley, con un marcato accento russo. Viene inoltre rivelato che parla correttamente anche il tedesco[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In accordo col flash avuto da Chuck su di lui nell'episodio Chuck vs. lo zircone
  2. ^ a b c d e Chuck vs. il norseman
  3. ^ a b c d e Chuck vs. lo zircone
  4. ^ a b c d Chuck vs. la prima lite
  5. ^ a b c d e f g h i j k Chuck vs. Decker
  6. ^ Chuck vs. l'anniversario
  7. ^ a b c d e Chuck vs. la contessa
  8. ^ a b c d e Chuck vs. Volkoff
  9. ^ Chuck vs. lo sbranatore
  10. ^ Chuck vs. la banca del male
  11. ^ a b c d e f g h Chuck vs. l'agente X
  12. ^ Chuck vs. la festa in maschera
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione