Alexandre Astruc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alexandre Astruc

Alexandre Astruc (Parigi, 13 luglio 1923) è un regista, sceneggiatore e critico cinematografico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre e la madre erano giornalisti. Dopo aver frequentato i corsi preparatori per il Politecnico, Astruc finì per studiare legge e storia dell'arte.

Amico di Boris Vian, nel secondo dopoguerra si avvicinò alle posizioni dell'esistenzialismo sartriano frequentando i ritrovi di St. Germain-Des-Prés. In questo periodo pubblicò il suo primo romanzo, Les Vacances (1945) e collaborò assiduamente con le riviste Combat e L'Ecran Française con saggi sull’arte e sul cinema.

Nel corso di queste riflessioni critiche, Astruc si convinse che il cinema era destinato a sostituire la forma-romanzo. Egli espresse questa rivoluzionaria teoria in un famoso articolo pubblicato nel marzo del 1948 sull’Ecran Française e intitolato: «Naissance d'une nouvelle avant-garde: la caméra-stylo», considerato uno degli eventi fondativi di quella che sarà la Nouvelle Vague francese. Nell’articolo Astruc denunciava come il cinema fosse ancora troppo legato a convenzioni figurative e tecniche standardizzate. Il nuovo stile cinematografico profetizzato da Astruc doveva invece essere flessibile e personale, in grado di rendere il mondo mentale del regista come la penna era in grado di descrivere il mondo mentale dello scrittore o del poeta (di qui l’espressione «caméra-stylo» cioè cinepresa-penna). La semplificazione del modo di girare e di registrare le immagini avrebbe consentito al regista di compiere questo salto di qualità, usando il movimento di macchina come una penna o un pennello e dunque compiendo un vero e proprio gesto estetico. Aiuto regista di Marc Allégret per Stirpe dannata (Blanche Fury), realizza il suo primo cortometraggio nel 1948. Nel 1952, Astruc vince il Premio Louis-Delluc con il mediometraggio La tenda scarlatta, interpretato da Anouk Aimée.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 84961176 LCCN: n79138983