Alexandre Adler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alexandre Adler

Alexandre Adler (Parigi, 23 settembre 1950) è uno storico e giornalista francese.

È un esperto di geopolitica contemporanea, specialmente nel campo dell'Ex Unione Sovietica (URSS) e del Medio Oriente.

È Cavaliere dell’Ordine della Legione d'Onore dal 2002. Convinto maoista e poi membro del Partito Comunista Francese (PCF) in gioventù, passò alla destra alla fine degli anni '70 e fu da allora sempre vicino ai Neo-Conservatori statunitensi, così come fece sua moglie Blandine Kriegel (figlia del partigiano Comunista Maurice Kriegel-Valrimont).

Adler è il consulente di Roger Cukiermann, Presidente del "Conseil Représentatif des Institutions Juives de France (CRIF, Consiglio Rappresentativo delle Istituzioni Ebraiche di Francia).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di Ebrei tedeschi sopravvissuta alla Seconda guerra mondiale e all'Olocausto in Turchia, Alexandre Adler è uno storico laureatosi alla "École normale supérieure (1969-1974). Ha diretto l'Organizzazione per le Relazioni Internazionali del Ministero della Difesa Francese Collegio della Difesa dal 1992 al 1998 dove rimane tuttora professore di alto insegnamento militare.

Dopo aver collaborato con il quotidiano Francese Libération nel decennio dal 1982 al 1992, Adler divenne il direttore editoriale del Courrier International (1992-2002), una selezione settimanale di significativi articoli della stampa internazionale. Adler lavorò come editorialista per il quotidiano francese Le Monde e collaborò con diversi settimanali francesi, incluso Le Point e L'Express. Attualmente è editorialista del giornale conservatore Francese Le Figaro.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard Bernstein, Chirac bends to China, keeping Gaullist legacy, International Herald Tribune, 14 ottobre 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 30433731

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie