Alex Rodrigo Dias da Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alex
Alex Rodrigo Dias da Costa.jpg
Dati biografici
Nome Alex Rodrigo Dias da Costa
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 188[1] cm
Peso 92[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Milan Milan
Carriera
Giovanili
Juventus-SP Juventus-SP
Squadre di club1
2002-2004 Santos Santos 63 (12)[2]
2004 Chelsea Chelsea 0 (0)
2004-2007 PSV PSV 84 (11)
2007-2012 Chelsea Chelsea 86 (7)
2012-2014 Paris SG Paris SG 70 (6)
2014- Milan Milan 0 (0)
Nazionale
2004
2003-
Brasile Brasile olimpica
Brasile Brasile
8[3] (2)[4]
17 (0)[5]
Palmarès
Coppa America calcio.svg  Copa América
Oro Venezuela 2007
CONCACAF - Gold Cup.svg  Gold Cup
Argento USA-Messico 2003
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2014

Alex Rodrigo Dias da Costa, noto semplicemente come Alex (Niterói, 17 giugno 1982), è un calciatore brasiliano, difensore del Milan.

Dopo aver esordito nel Santos, vincendo anche un campionato brasiliano, nel 2004 è stato acquistato dal Chelsea che lo ha subito ceduto in prestito al PSV Eindhoven per tre stagioni consecutive. Con lui gli olandesi hanno vinto tre Eredivisie e una Coppa d'Olanda.[6] Nel 2007 è tornato al Chelsea, con cui in 5 anni ha conquistato una Premier League, 2 FA Cup e una Supercoppa inglese. Nel gennaio del 2012 si è trasferito al Paris Saint-Germain e con la squadra francese in due anni e mezzo ha vinto due Ligue 1, una Coppa di Lega francese e una Supercoppa di Francia. Ha inoltre vinto la Coppa America con la Nazionale brasiliana nel 2007.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Secondo Carlo Ancelotti «È fortissimo, con uno stacco di testa tra i migliori in circolazione, è alto ma molto rapido nel breve e a livello personale è davvero strepitoso».[7] Secondo Leonardo, «Ha un’incidenza positiva sul gruppo perché è un leader silenzioso e, anche se non è velocissimo, ha esperienza e concretezza in abbondanza. È adatto per la Serie A e farà bene perché ha una lettura difensiva incredibile».[8]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Inizi e Santos[modifica | modifica sorgente]

La formazione calcistica di Alex è avvenuta nel Clube Atlético Juventus, squadra del quartire Mooca di San Paolo. Nel Moleque Travesso, Alex ha avuto modo di farsi notare dai dirigenti del Santos che lo hanno chiamato a vestire la maglia bianca a 19 anni.

Ha cominciato la sua carriera nella squadra brasiliana del Santos, dove ha debuttato nel 2002. Con il Santos ha giocato più di 100 partite e ha vinto un campionato brasiliano.

PSV[modifica | modifica sorgente]

Alex ai tempi del PSV

Nel 2004 è stato comprato dagli inglesi del Chelsea sotto la raccomandazione di Piet de Visser, ma a causa di problemi relativi al numero di stranieri è stato mandato in prestito agli olandesi del PSV Eindhoven.[9] L'accordo tra Chelsea e PSV ha stabilito un prestito di 3 anni e nella sua nuova squadra Alex ha scelto di giocare con la maglia numero 4.

Arrivato nella stagione 2004-2005, il difensore brasiliano ha dato un contributo importante nella vittoria dell'Eredivisie e della Coppa d'Olanda. Nella Champions League 2004-2005, Alex ha aiutato il PSV ad arrivare alle semifinali, dove è stato sconfitto dal Milan per la regola dei gol in trasferta (il PSV aveva vinto 3-1 in casa ma perso 0-2 a San Siro). Prima dell'eliminazione dalla competizione europea, gli olandesi avevano sconfitto Monaco e Lione.

Nella stagione 2005-2006 il PSV ha vinto la sua diciannovesima Eredivisie con largo anticipo ed è stato eliminato agli ottavi di Champions League dal Lione, dopo aver perso sia l'andata giocata in casa (1-0) sia il ritorno giocato in trasferta (4-0). Tuttavia il Chelsea ha deciso che non era ancora il momento di richiamare il brasiliano, nonostante il capo-scout dei londinesi, Frank Arnesen, avesse più volte consigliato il suo riscatto per risolvere i problemi difensivi dei Blues.[10] Ciononostante Alex non si è mosso dal PSV: il tecnico José Mourinho, infatti, ha insistito nell'acquisto dell'olandese Khalid Boulahrouz.[10] Il difensore brasiliano è rimasto così un'altra stagione con i Boeren. Quell'anno ha nuovamente riservato gioie per il club olandese, che si è aggiudicato nuovamente la Eredivisie e ha eliminato i vice campioni d'Europa dell'Arsenal negli ottavi di finale di Champions League. Nell'occasione Alex ha segnato un gol e un autogol.[11] Tuttavia non è riuscito a giocare nei quarti di finale a causa di un infortunio, ed il PSV è stato costretto ad arrendersi al Liverpool per 4-0.

Con lui gli olandesi hanno vinto tre Eredivisie e una Coppa d'Olanda.

Chelsea[modifica | modifica sorgente]

Alex con la maglia del Chelsea

Nell'estate 2007 ha fatto rientro al Chelsea, club con il quale ha debuttato il 19 agosto 2007 nella partita contro il Liverpool sostituendo Florent Malouda all'85º minuto. Alex ha segnato il suo primo gol con la maglia del Chelsea il 20 ottobre seguente contro il Middlesbrough su calcio di punizione.

Nella stagione 2008-2009 Alex ha avuto molto più spazio in squadra a causa di un infortunio di Ricardo Carvalho, il quale era spesso stato preferito al brasiliano nella stagione precedente. Il 1º novembre 2008 Alex ha segnato il millesimo gol della storia del Chelsea in Premier League nella partita contro il Sunderland. Nella partita di ritorno dei quarti di finale della Champions League 2008-2009 contro il Liverpool ha calciato una potente punizione segnando un gol. Il Chelsea alla fine è riuscito a passare il turno con un risultato complessivo di 7-5,[12] salvo poi essere eliminato dal Barcellona in semifinale.

Alex ha saltato la prima parte della stagione 2009-2010 a causa di un infortunio e nell'ottobre 2009 ha firmato un nuovo contratto di 4 anni con il Chelsea.[13] Ha giocato la prima partita della stagione il 28 ottobre 2009 in un match di Carling Cup contro il Bolton.

In seguito al trasferimento di Ricardo Carvalho al Real Madrid, Alex ha iniziato la stagione 2010-2011 da titolare al fianco di John Terry al centro della difesa. Il 5 ottobre 2010 è stato costretto a stare lontano dal campo di gioco per più di tre settimane a causa di un infortunio alla coscia, dovendo rinunciare anche alla convocazione in Nazionale per le amichevoli contro Iran e Ucraina.[14]

Nella prima parte della stagione 2011-2012 è stato poco impiegato dal nuovo tecnico dei Blues André Villas-Boas e nel dicembre del 2011 ha chiesto e ottenuto dalla società inglese la possibilità di essere ceduto ad un altro club.[15]

Paris Saint-Germain[modifica | modifica sorgente]

2011-2012[modifica | modifica sorgente]
Alex in maglia PSG

Il 27 gennaio 2012 è stato acquistato dal club francese del Paris Saint-Germain, con il quale ha sottoscritto un contratto di due anni e mezzo. Ha scelto di indossare la maglia numero 13.[16] Ha debuttato in campionato il 12 febbraio seguente da titolare nello 0-0 esterno contro il Nizza venendo sostituito all'inizio della ripresa da Christophe Jallet. Ha segnato il suo primo gol la settimana successiva, il 19 febbraio 2012, nel 2-2 contro il Montpellier. Il 21 marzo 2012 ha esordito in Coppa di Francia in occasione dei quarti di finale persi in casa contro il Lione per 1-3. Ha concluso la prima metà di stagione con la maglia dei parigini collezionando 15 presenze e 2 gol in campionato e una presenza in Coppa di Francia.

2012-2013[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2012-2013 il tecnico dei parigini Carlo Ancelotti lo ha scelto come titolare del duo di difesa insieme al connazionale Thiago Silva, acquistato in estate. I primi due gol stagionali li ha segnati in Champions League contro la Dinamo Kiev, nella prima partita del girone A vinta 4-1 dai parigini in casa, e contro la Dinamo Zagabria nella partita finita 4-0 per il PSG. In Ligue 1 il primo gol Alex lo ha trovato alla 25ª giornata nella partita persa 3-2 sul campo del Sochaux segnando il momentaneo vantaggio per 1-0 dei suoi. In questo incontro ha fornito anche un assist, il primo nella competizione e con la nuova maglia, al suo compagno di squadra Sakho che ha siglato il momentaneo 2-2. Ha vinto il suo primo trofeo con la maglia parigina il 12 maggio 2013 in occasione della successo sul campo del Lione per 1-0 con gol di Jérémy Ménez che ha decretato la vittoria del campionato con due giornate d'anticipo.

2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato la stagione 2013-2014 vincendo la Supercoppa di Francia ai danni del Bordeaux per 2-1 grazie a un suo gol nel finale al 93º minuto di gioco.[17] I primi due gol in Ligue 1 nella nuova stagione li ha segnati consecutivamente alla 22ª e alla 23ª giornata nella partita pareggiata 1-1 sul campo del Guingamp e nella vittoria per 2-0 in casa contro il Bordeaux. Il 4 febbraio 2014 ha ottenuto la prima presenza in 3 stagioni nella Coppa di Lega nella semifinale vinta dal PSG per 1-2 sul campo del Nantes. È poi stato schierato da titolare anche nella finale della competizione, vinta per 2-1 contro il Lione. Al termine della stagione ha anche bissato la vittoria della Ligue 1.

Dopo l'ufficializzazione dell'acquisto di David Luiz da parte del PSG ha deciso di non rinnovare il contratto con la società parigina, scaduto a giugno 2014.

Milan[modifica | modifica sorgente]

Il 6 giugno 2014 è passato ufficialmente al Milan, che lo ha prelevato a parametro zero e con cui ha firmato un contratto biennale fino al 30 giugno 2016.[18]

Con il Milan Alex indosserà la maglia numero 33 in onore del suo ex compagno di squadra al PSG Thiago Silva.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha debuttato per la prima volta con la maglia della Nazionale brasiliana nel 2003 in occasione della prima partita della Gold Cup 2003[19] contro il Messico, persa per 1-0. Nel corso della manifestazione, conclusa al secondo posto, Alex ha totalizzato 5 presenze. È tornato a vestire la maglia verdeoro nel 2006 e l'anno seguente ha preso parter alla Coppa America in Venezuela. Durante il torneo Alex ha disputato da titolare tutte le 6 partite della Nazionale brasiliana, compresa la finale vinta per 3-0 contro l'Argentina.[20]

Nel maggio 2010 è stato inserito dal CT Dunga tra le 7 riserve dei convocati per il Mondiale in Sudafrica.[21] In totale, tra il 2003 e il 2008, ha totalizzato 17 presenze con la Seleção.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 17 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002 Brasile Santos A 25 3 CB 0 0 - - - TRSP 0 0 25 3
2003 A1/SP+A 6+34 1+9 - - - CL+CS 13+6 4+1 - - - 59 15
gen.-lug. 2004 A1/SP+A 9+4 1+0 - - - CL 5 1 - - - 18 2
Totale Santos 15+63 2+12 0 0 24 6 0 0 102 20
2004-2005 Paesi Bassi PSV Eindhoven ED 27 3 CO 4 0 UCL 13 2 - - - 44 5
2005-2006 ED 28 2 CO 2 0 UCL 7 0 SO 1 0 38 2
2006-2007 ED 29 6 CO 3 0 UCL 8 2 SO 1 0 41 8
Totale PSV Eindhoven 84 11 9 0 28 4 2 0 123 15
2007-2008 Inghilterra Chelsea PL 28 2 FACup+CdL 2+3 0 UCL 6 1 CS 0 0 39 3
2008-2009 PL 24 2 FACup+CdL 6+2 1+0 UCL 9 1 - - - 41 4
2009-2010 PL 16 1 FACup+CdL 6+1 0 UCL 2 0 CS 0 0 25 1
2010-2011 PL 15 2 FACup+CdL 0+1 0 UCL 4 0 CS 0 0 20 2
2011-gen. 2012 PL 3 0 FACup+CdL 0+3 0 UCL 3 0 - - - 9 0
Totale Chelsea 86 7 24 1 24 2 0 0 134 10
gen.-giu. 2012 Francia Paris Saint-Germain L1 15 2 CF+CdL 1+0 0 UEL - - - - - 16 2
2012-2013 L1 24 2 CF+CdL 1+0 0 UCL 9 2 - - - 34 4
2013-2014 L1 31 2 CF+CdL 1+2 0 UCL 7 0 SF 1 1 42 3
Totale Paris Saint-Germain 70 6 5 0 16 2 1 1 92 9
Totale carriera 318 38 38 1 92 14 3 1 451 54

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-7-2003 Città del Messico Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [22]
15-7-2003 Città del Messico Honduras Honduras 1 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [22]
19-7-2003 Miami Colombia Colombia 0 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [22]
23-7-2003 Miami Stati Uniti Stati Uniti 1 – 2 gg Brasile Brasile Gold Cup 2003 - Semifinale - [22]
27-7-2003 Città del Messico Brasile Brasile 0 – 1 gg Messico Messico Gold Cup 2003 - Finale - 2º posto[22]
16-8-2006 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
5-9-2006 Londra Galles Galles 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
5-6-2007 Dortmund Turchia Turchia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
27-6-2007 Puerto Ordaz Messico Messico 3 – 0 Brasile Brasile Coppa America 2007 - 1º turno -
1-7-2007 Maturín Brasile Brasile 3 – 0 Brasile Brasile Coppa America 2007 - 1º turno -
4-7-2007 Puerto La Cruz Brasile Brasile 1 – 0 Ecuador Ecuador Coppa America 2007 - 1º turno -
7-7-2007 Puerto La Cruz Brasile Brasile 6 – 1 Cile Cile Coppa America 2007 - Quarti -
10-7-2007 Maracaibo Brasile Brasile 2 – 2
(5-4 dcr)
Uruguay Uruguay Coppa America 2007 - Semifinale -
15-7-2007 Maracaibo Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Finale -
21-11-2007 San Paolo Brasile Brasile 2 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2010 -
6-2-2008 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
26-3-2008 Londra Svezia Svezia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
Totale Presenze 17 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (FR) 13 Alex, psg.fr. URL consultato il 10 giugno 2014.
  2. ^ 78 (14) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Paulista.
  3. ^ Sono escluse 5 partite nella CONCACAF Gold Cup 2003. La CBF, invece, conteggia queste partite, incluse tra quelle della Nazionale maggiore, tra quelle della propria Nazionale olimpica.
  4. ^ 10 (2) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale olimpica brasiliana.
  5. ^ 19 (0) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale maggiore brasiliana.
  6. ^ (EN) Chelsea target Alex earns permit, BBC Sport, 2 agosto 2007. URL consultato il 10 giugno 2014.
  7. ^ Daniele Castagna, Ancelotti a MC: "Finalmente si è vinto un derby. Alex? È un giocatore formidabile, spero possa essere rossonero", milannews.it, 6 maggio 2014. URL consultato il 10 giugno 2014.
  8. ^ Da un'intervista al Corriere della Sera citata in Pietro Mazzara, Leonardo su Alex: "È un leader silenzioso, farà molto bene al Milan", milannews.it, 29 giugno 2014. URL consultato il 29 giugno 2014.
  9. ^ (NL) Piet De Visser - Internationaal Voetbalscout, psvzone.nl. URL consultato il 25 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2008).
  10. ^ a b (EN) Matt Hughes, 'Special One' has suffered a power cut, The Times, 15 gennaio 2007. URL consultato il 10 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  11. ^ (EN) Phil McNulty, Arsenal 1-1 PSV (agg 1-2), BBC Sport, 7 marzo 2007. URL consultato il 10 giugno 2014.
  12. ^ (EN) Paul Fletcher, Chelsea 4–4 Liverpool (agg: 7–5), BBC Sport, 14 aprile 2009. URL consultato il 10 giugno 2014.
  13. ^ (EN) Alex signs new Chelsea contract, BBC Sport, 13 ottobre 2009. URL consultato il 10 giugno 2014.
  14. ^ (EN) Phil McNulty, Chelsea 2-0 Arsenal, BBC Sport, 3 ottobre 2010. URL consultato il 10 giugno 2014.
  15. ^ (EN) Newsflash: Anelka and Alex can go, chelseafc.com, 3 dicembre 2011. URL consultato l'11 giugno 2014.
  16. ^ (FR) Alex : « Faire partie d’un groupe ambitieux », psg.fr, 27 gennaio 2012. URL consultato il 10 giugno 2014.
  17. ^ (FR) Alex offre le Trophée au Paris SG !, lfp.fr, 3 agosto 2014. URL consultato l'11 giugno 2014.
  18. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 6 giugno 2014. URL consultato il 10 giugno 2014.
  19. ^ La CBF ha scelto di schierare una Nazionale Under-23 e pertanto, al contrario della FIFA, non considera questo torneo come disputato dalla propria Nazionale maggiore ma da quella olimpica.
  20. ^ (EN) Copa América 2007, rsssf.com. URL consultato l'11 giugno 2014.
  21. ^ (PT) Comissão técnica da Seleção Brasileira divulga a lista complementar enviada à FIFA, cbf.com.br, 11 maggio 2010. URL consultato l'11 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2010).
  22. ^ a b c d e La CBF ha scelto di schierare una Nazionale Under-23 e pertanto, al contrario della FIFA, non considera questa partita come disputata dalla propria Nazionale maggiore ma da quella olimpica.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]