Alessandro di Georgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro di Georgia

Alessandro di Georgia, o Aleksandr Bakarovič Gruzinskij (in russo: Александр Бакарович Грузинский) (17261791), era un principe georgiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro era il figlio di Bakar, principe ereditario di Georgia, e di sua moglie, Ana Eristavi. Suo padre aveva seguito il padre, Vakhtang VI, il re di Kartli, in esilio in Russia, nel 1724. Alessandro nacque e crebbe in Russia. In Russia egli portava il cognome di Gruzinskij[1].

Dopo aver completato gli studi presso l'Università di Mosca, intraprese la carriera militare arruolandosi nell'esercito russo, raggiungendo il grado di capitano[1].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò la principessa Dar'ja Aleksandrovna Menšikova (1747-1817), nipote di Aleksandr Danilovič Menšikov. Ebbero cinque figli:

  • Ivan;
  • Giorgio (1762-1852);
  • Alessandro (1763-1823);
  • Anna (1763-1842), sposò in prime nozze Aleksandr Aleksandrovič Licyn e in seconde nozze Boris Andreevič Golicyn, ebbero otto figli;
  • Daria (?-1796), sposò Pëtr Sergeevič Trubeckoj, ebbero quattro figli.

Pretendente al trono georgiano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del padre, Alessandro riaffermò le pretese della sua famiglia al trono perduto di Kartli, ora tenuto dai loro cugini dalla vicina Kakheti. Alleato con lo zar Pietro III di Russia, portò alla sua caduta in disgrazia con la nuova imperatrice Caterina II di Russia.

Nel 1766, il governo russo liberò Alessandro dal suo giuramento di fedeltà alla Russia, privandolo del suo rango militare e organizzò il suo viaggio verso il Caucaso. Ciò avvenne un anno e mezzo dopo che lo zio di Alessandro, il principe Paata, venne giustiziato per aver complottato un colpo di stato contro il governo di Kakhetian Bagrationi.

Alessandro prima si recò a Shiraz per raccogliere il sostegno di Karim Khan per la sua causa, ma egli si rifiutò di aiutarlo. Egli trovò rifugio alla corte di Salomone I, re di Imereti, nella Georgia occidentale, nel 1779. Siccome i rapporti tra Salomone e il re Eraclio II di Kartli e Kakheti, non erano sempre stati facile, Alessandro venne accolto. Da lì, entrò a Kartli e tentò un colpo di stato a Tbilisi. La rivolta fu prontamente soppressa e Alessandro, accompagnato dal principe Alessandro Amilakhvari, fuggì sulle montagne del Daghestan.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Ansioso di eliminarlo, Eraclio chiese il suo arresto al governo russo. Nel 1783 la Georgia accettò di diventare un protettorato russo. Il principe fu deportato a Smolensk e mantenuto in isolamento fino alla sua morte nel 1791. Così, l'ultimo rivale di Eraclio II per il trono venne tolto di mezzo[1][2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (RU) Grebelsky, P. Kh., Dumin, S. V., Lapin, V. V. (1993), Дворянские роды Российской империи (Noble families of Russian Empire), vol. 3, p. 48. IPK Vesti
  2. ^ Gvosdev, Nikolas K. (2000), Imperial policies and perspectives towards Georgia, 1760-1819, p. 61. Palgrave Macmillan, ISBN 0-312-22990-9
  3. ^ Allen, William Edward David (1932), A History of the Georgian People: From the Beginning Down to the Russian Conquest in the Nineteenth Century, p. 203. Taylor & Francis, ISBN 0-7100-6959-6