Alessandro Magini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Magini (Vernio, 1955) è un musicista, compositore e musicologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Firenze, ma è nato sull'Appennino Tosco-Emiliano a Vernio, antico feudo imperiale appartenuto e governato come stato autonomo (1335-1798) dai Conti Bardi; nella seconda metà del XVI sec. vi risiedette e ne fu signore anche il conte Giovanni Bardi [43], il fondatore della Camerata de' Bardi, umanista e musicista, animatore delle Accademie fiorentine del Cinquecento a partire dall'Accademia della Crusca e da quella degli Alterati [44]. Il legame tra la storia del paese di origine e la cultura artistica rinascimentale - mediato dalla figura del Conte di Vernio e dalle sperimentali ricerche della sua Camerata in ambito musicale, teatrale, letterario e filosofico - ha influenzato la formazione di Alessandro Magini. Dopo gli studi musicali (composizione, organo, pianoforte) e universitari [1], si è dedicato alla composizione operando tra sperimentazione moderna e ricerca umanistica, in particolare nel rapporto musica-teatro-letteratura-nuove tecnologie. Presente in rassegne concertistiche, festival internazionali di musica contemporanea[2], programmazioni artistiche e attività di ricerca [45]; [46]; [47], collabora con musicisti,[3], registi[4], scrittori[5], istituzioni culturali di vario genere[6]. Come coordinatore artistico e didattico [48] del Centro Magnolfinuovo [49] (ricerca e produzione per la drammaturgia musicale contemporanea Prato, 2002-2009), ha riunito in vari progetti multidisciplinari [50], musicisti e compositori di diversa provenienza e formazione (Paul Badura-Skoda, Ivano Battiston [51], David Bellugi [52], Giovanni Guanti [53], Jonathan Harvey Jonathan Harvey (composer), Stefano Lombardi-Vallauri [54], Kaija Saariaho Kaija Saariaho, Guido Salvetti, Salvatore Sciarrino, Alessandro Solbiati, Stefano Scarani [55], Michele Tadini [56]), nella prospettiva di una ‘Camerata Musicale Contemporanea' dedicata al pensiero compositivo moderno, alle prassi esecutive, così come al confronto con l'informatica musicale, la sua estetica e le sue tecniche. In ambito musicologico[7]si occupa del teatro musicale del Seicento e del Novecento. Ha fondato e presiede l'Accademia de' Bardi [57] (dedicata all'umanesimo musicale fiorentino e alla cultura musicale contemporanea) ed è titolare de L'Organo Traeri nell'Oratorio Bardi a Vernio (strumento storico del 1699). È stato membro della giunta esecutiva del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del IV Centenario della Nascita dell'Opera (2000 [58])[8]. Svolge anche attività come organista [59] e al pianoforte nel repertorio liederistico.

Insegna musicologia e drammaturgia musicale all'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico" di Roma [60].

È membro dell'Accademia del Cinema Italiano per l'assegnazione del Premio David di Donatello.

Fa parte del Consiglio Direttivo di Tempo Reale Centro di Ricerca, Produzione e Didattica Musicale fondato a Firenze da Luciano Berio.

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Musica per orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Musica da camera (strumentale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Evoè (flauto, clarinetto, violino, violoncello, pianoforte)
  • Oracles (violino, clarinetto, violoncello, percussioni)
  • Trio I (violino, clarinetto, pianoforte)
  • Trio II Moys (violoncello, clarinetto, pianoforte)
  • Un dí vagando - Ricercare (chitarra, fisarmonica)
  • 1699 (organo, fisarmonica)
  • Letture (violoncello, fisarmonica, percussioni)
  • Suite di Medagnone (flauti, cromorno, fisarmonica)
  • 1551 (mandolino, fisarmonica)
  • Otto (pianoforte, fisarmonica)
  • Octosax (pianoforte, alto sax)
  • Terriculum (pianoforte, sax baritono)

Musica da camera (voce e strumenti)[modifica | modifica wikitesto]

  • Le ombre delle idee (mezzosoprano, pianoforte, violino, violoncello)
  • Il filo d'Arianna (mezzosoprano, voce recitante, flauto, violino, violoncello, clavicembalo, pianoforte)
  • Vertunno - Poesie in trio (mezzosoprano, arpa, violoncello)
  • La torre barbara (baritono, mezzosoprano, voce recitante, pianoforte, violino, violonccello, flauto, clarinetto basso)
  • In viaggio con Dino Campana (voce recitante, mezzosoprano, violoncello, fisarmonica)
  • Mondschatten (mezzosoprano, pianoforte, glockenspiel, violino, violoncello, flauto)
  • Die unheilbare Melancholie des Steines (baritono, pianoforte, clarinetto basso, violino, violoncello)
  • Un bellissimo silenzio (voce recitante, chitarra, violoncello, testi di Sergio Givone)
  • Le storie di San Silvestro - Una sacra rappresentazione (mezzosoprano, voce recitante, due fisarmoniche)
  • Naviglio fantasma (baritono, oboe, fisarmonica)

Musica per coro[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli occhi sereni e le stellanti ciglia (coro misto a cappella)
  • Le voci di Brecht (coro misto, voce reicitante, fisarmonica, clarinetto)
  • Per nome (sei voci femminili, pianoforte)

Musica per voce e pianoforte[modifica | modifica wikitesto]

Musica per strumenti solisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cinque (pianoforte)
  • Toccata (fisarmonica da concerto)
  • Jasa (chitarra)
  • Quarantatré (chitarra)
  • 1.9.2.7. (arpa doppia)
  • Memoralia-Suite (arpa pedali)
  • Octosonans (piano solo)

Musiche di scena[modifica | modifica wikitesto]

  • Il lettore a ore (regia J. S. Sinisterra)
  • L'Angelo nero (regia M. Bartoli)
  • Il drago a sette teste (regia M. Bartoli)
  • Suite dell'Arpia (regia A. Monaco)
  • I miti della notte: La luna, Il Sogno, Il Dubbio (regia M. Bartoli)
  • Buzzati al telefono (drammaturgia A. Monaco)
  • Malte (drammaturgia A. Monaco)
  • Spiegeltent-I segreti del Magnolfi (testo Cinzia Tani, regia G. Papotto)

Ha pubblicato con:

  • Ed. Musicali Bérben (Ancona)
  • Ed. Musicali EMA Vinci (Firenze) Partiture in formato digitale

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Magini – Musica da Camera - 3 CD monografici, EMA Records 2010
  • Traeri 1699. L'organo dell'Oratorio Bardi di Vernio (Alessandro Magini, organo) - CD, EMA Records 2011

Multimedia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I tre libri di Musiche Varie a voce sola di Benedetto Ferrari, a cura di A. Magini, SPES, Firenze 1985.
  • La liberazione di Ruggiero dall'Isola di Alcina di Francesca Caccini, a cura di A. Magini, SPES, Firenze 1998.
  • Musiche per La Finta Savia e Concerti et Arie di Filiberto Laurenzi, a cura di A. Magini, SPES, Firenze 2000.
  • Giorgio Vasari: lettere inedite a Leonardo Marinozzi, Cahiers Accademia (3), a cura di A. Magini, P. Barocchi, S. Toussaint, Prato 2000.
  • Civitas veri di Bartholomeo del Bene, (Parigi 1609), a cura di A. Magini, prefazione di P. Castelli, Biblioteca dell'Orso, Phénix Éditions, Parigi 2001.
  • Le monodie di Benedetto Ferrari e L'incoronazione di Poppea: un rilevamento stilistico comparativo, in “Rivista Italiana di Musicologia”, (XXI, 2, 1986).
  • Cronache musicali e letterarie di Lucca e Firenze nella secondo Cinquecento, in “Momus” (I), Lucca 1994.
  • Il codice Mancini e la cultura musicale tra XIV e XV secolo, in “Ilaria del Carretto e il suo monumento”, Atti del Convegno Internazionale di Studio, a cura di S. Toussaint, Lucca 1995.
  • Il suono delle parole: tra intelligibilità e intuizione, in “Momus” (V), Lucca 1996.
  • La Cleopatra di Daniele da Castrovillari, in “Daniele da Castrovillari”, Atti del Convegno Internazionale di Studi, a cura di P. Tucci-A. Ziino, Castrovillari 2002
  • I Conti Bardi di Vernio: note d'archivio e appunti di ricerca, in “Neoplatonismo, Musica, Letteratura nel Rinascimento. I Bardi di Vernio e l'Accademia della Crusca”, Atti del Convegno Internazionale di Studio, a cura di A. Magini-S. Toussaint-P. Gargiulo, Cahiers Accademia (1), Prato 2000
  • Giovanni Bardi de' Conti di Vernio e la Camerata Fiorentina, in “Per un regale evento”, a cura di M. A. Bartoli Bacherini, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Centro Di, Firenze 2000
  • La scena e il pensiero. Note in margine alla Circe e al Ballet de Cour, in “Il teatro delo cielo. Giovanni Bardi e il Neoplatonismo tra Firenze e Parigi”, Atti del Convegno Internazionale di Studi, a cura di A. Magini-S. Toussaint, Cahiers Accademia (4), Lucca 2001
  • I Montefeltro e la musica, Atti del Convegno Internazionale di Studi, a cura di Patrizia Castelli, Gubbio (Gubbio, 2005)
  • Il Medagnone di Bendetto Fioretti, (Biblioteca dell'Orso, 2007), trascrizione e commento del manoscritto marucelliano a cura di Alessandro Magini (prefazione di S. Castelli e A.M. Testaverde)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (composizione, organo, pianoforte a Bologna Conservatorio Giovanni Battista Martini, Novara, Firenze, con Alessandro Solbiati, Franco Donatoni, Aldo Clementi, Roberto Pichini [1], Paul von Schilhawsky [2]; laurea in Drammaturgia Musicale, Tesi sull'attribuzione a Claudio Monteverdi dell'opera L'incoronazione di Poppea e sui primi operisti veneziani (L'Incoronazione di Poppea, un rilevamento stilistico comparativo) con Lorenzo Bianconi [3] e Thomas Walker [4] all'Università di Bologna)
  2. ^ Résonance Contemporaine (F) [5], MiTo Settembre Musica [6], Festival Internazionale di Montepulciano [7], Festival Antidogma Musica [8], Museo della Musica di Bologna [9], Société de Musique Contemporaine Lausanne [10].
  3. ^ Luigi Attademo [11], Avi Avital Avi Avital, Fabio Bagnoli [12], Ivano Battiston [13], David Bellugi [14], Francesco Dillon [15], Alessandra Garosi [16], Francesco Gesualdi [17], Stefano Malferrari [18], Claudia M.T. Hasslinger [19], Gregorio Nardi, Thuridur Jonsdottir, Ju-Ping Song [20].
  4. ^ Teatro Metastasio Stabile della Toscana, Ugo Gregoretti, [21]; [22], Piotr Fomenko, José Sanchis Sinisterra [23]; [24], Marcello Bartoli [25], Marisa Fabbri, Maya Sansa, Adonella Monaco [26].
  5. ^ Collaborazioni con la scrittrice Cinzia Tani e con lo scrittore-filosofo Sergio Givone per la realizzazione di una versione musicale in forma di melologo del romanzo Nel nome di un dio barbaro (Einaudi, 2002) (Cfr. Il tragico e l'esperienza estetica, a cura di Livio Bottani e Tommaso Scappini, Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università del Piemonte Orientale, Collana Studi Umanistici Nuova serie 10, Novara 2008).
  6. ^ Accademia della Crusca; [27]; [28], Basilica di Santa Croce Firenze, [29]; [30]; Biblioteca Casanatense Roma, Minoritenkirche, Vienna, [31] Biblioteca Marucelliana Firenze, Biblioteca Marucelliana; [32]; [33]; [34]; [35], Biblioteca RIccardiana, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.
  7. ^ Pubblicazione delle musiche di Benedetto Ferrari, [36], Filiberto Laurenzi [37]; [38], Francesca Caccini. [39]. Realizzazione, con Alan Curtis Alan Curtis (musicista) della prima messa in scena in epoca moderna de La Liberazione di Ruggiero dall'Isola di Alcina [40]; [41] di Francesca Caccini (Teatro Metastasio Stabile della Toscana, 2000) (Cfr. ANDREW PORTER, The siren's song', in ‘Times', London, No 4999, January 22, 1999). Altri riferimenti bibliografici e citazioni correlati alle ricerche musicologiche di Magini in: ALAN CURTIS, La Poppea Impasticciata or, Who Wrote the Music to L'Incoronazione (1643)? , in ‘Journal of the American Musicological Society', Vol. 42,1989 (p.43-p-53); The Coronation Of Poppea. An opera in a prologue and three acts, Edited by Alan Curtis, Novello, 1989; ELLEN ROSAND, Opera in Seventeenth-Century Venice: The Creation of a Genre, University of California Press, 1999 (p. 28), ELLEN ROSAND, Monteverdi's last operas: a Venetian trilogy, University of California Press, 2007 (p. 6); Historical performance, ‘The Journal of Early Music America', 1, 1991, ELVIRA GARBERO ZORZI, Teatro e spettacolo nella Firenze dei Medici: modelli dei luoghi teatrali, Olschki, 2001 (p. 74); JAMES HAAR, European music, 1520-1640, The Boydell Press, Woodbridge 2006 (p. 475); BRIAN E. POWER, MAUREEN EPP, The sounds and sights of performance in early music: essays in honour of T. J. McGee, Ashgate Publishing Ltd, 2009 (p. 148) Nel 2001 è segnalato il ritrovamento da parte di Magini di sette lettere inedite di Giorgio Vasari, [42] pubblicate in Giorgio Vasari: lettere inedite a Leonardo Marinozzi, Cahiers Accademia (3), a cura di A. Magini, P. Barocchi, S. Toussaint, Prato 2000.
  8. ^ La nascita dell'Opera. Da Firenze nel mondo, CD-Rom ed. Comitato Nazionale per le celebrazioni del IV Centenario della Nascita dell'Opera e Amadeus, Firenze 2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]