Alessandro I di Serbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro I
AleksandarObrenovic.jpg
Re di Serbia
Stemma
In carica 6 marzo 1889 –
11 giugno 1903
Predecessore Milan I
Successore Pietro I
Nascita Belgrado, 14 agosto 1876
Morte Belgrado, 11 giugno 1903
Sepoltura Chiesa di San Marco, Belgrado
Casa reale Obrenović
Padre Milan Obrenović IV di Serbia
Madre Natalija Keşco
Consorte Draga Mašin
Religione Cristianesimo ortodosso serbo

Alessandro I Obrenović (in serbo Александар I Обреновић?, Aleksandar I Obrenović; Belgrado, 14 agosto 1876Belgrado, 11 giugno 1903) dal 1889 al 1903 è stato Re dei Serbi.

La gioventù all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Re Milan I.
La regina Natalija

Nel maggio del 1887 re Milan I e sua moglie Natalija, dopo anni di conflitti sia personali che politici, decisero di separarsi. La regina Natalija portò con sé il giovane Alessandro nel suo esilio volontario in Crimea dove i due furono accolti entusiasticamente.

Due mesi più tardi fecero ritorno a Belgrado per partire di nuovo alla volta dell'Impero Austro-ungarico in agosto. Ad ottobre dello stesso anno, re Milan volle tentare una riconciliazione con la moglie per riavere con sé l'erede al trono, e si recò a Budapest per incontrarli. Alessandro, col consenso paterno viaggiò in Italia insieme alla madre, ma non fece ritorno in Serbia: fu portato, invece, dalla regina, a Wiesbaden; per farlo tornare in patria, dovette intervenire la polizia tedesca che, su richiesta del sovrano serbo, lo sottrasse alla madre nel luglio del 1888. Re Milan, successivamente, chiese e ottenne il divorzio dalla moglie.

Nel gennaio 1889 il Parlamento era intento a modificare la Costituzione. In una delle sessioni di voto, i radicali filo-russi, contrari alle politiche filo-austriache di re Milan, riuscirono ad inserire una nuova norma sulla successione al trono, dichiarando Alessandro unico erede legittimo, estromettendo dichiaratamente gli eventuali nuovi figli che Milan I avesse avuto nel caso si fosse nuovamente sposato. Questo atto era un'aperta dichiarazione di sfiducia nei confronti della politica dinastica del sovrano, a favore della regina Natalija.

Ascesa al trono[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro I nel 1890, salito al trono da solo un anno.

Il 6 maggio 1889, Milan I abdicò improvvisamente e partì per Parigi dove visse da privato cittadino. Alessandro, all'epoca tredicenne divenne re, ma fu posto sotto l'autorità di un Consiglio di reggenza, presieduto dal politico liberale Jovan Ristić, fedelissimo di re Milan. L'ex re aveva stabilito che Alessandro fosse tenuto lontano dall'influenza della madre che poteva vederlo solo col suo permesso e lontano dal palazzo reale. La tenacia della regina, però, fece sì che le visite fossero più frequenti e che si svolgessero a corte.

Nel 1891 fu formato un Governo radicale che si mise spesso in contrasto con la reggenza che era d'ispirazione conservatrice. Nel Governo e nel Parlamento prevalsero gli elementi più anarchici rispetto ai moderati, e l'amministrazione dello stato si andò via via paralizzando. Si fece un grande ricorso all'emissione di titoli di stato per finanziare la spesa pubblica, e il debito nazionale crebbe moltissimo. L'amministrazione perse gran parte della propria autorità, e il brigantaggio divenne dilagante [1].

Nel '92 i reggenti sfiduciarono il governo radicale e chiamarono i liberali alla guida di un nuovo esecutivo. Così, con la reggenza conservatrice, il Parlamento radicale e il Governo liberale, la situazione politica si paralizzò completamente.

Il 1º aprile 1893, Alessandro, ancora sedicenne, decise di affrancarsi dalla reggenza. Fece rinchiudere tutti i membri del Consiglio e i ministri all'interno del palazzo reale e si autoproclamò maggiorenne.

Il regno[modifica | modifica wikitesto]

Belgrado all'inizio del XX secolo

Preso pienamente il potere, re Alessandro sciolse il governo liberale e diede nuovamente il potere ai radicali. La Russia, così, estese sulla Serbia la propria influenza politica. Nel gennaio del 1894 richiamò a Belgrado suo padre Milan che nel 1892 aveva perfino rinunciato alla nazionalità serba pur di rimanere lontano dagli affari politici del proprio paese. Il 21 maggio, con un nuovo colpo di mano, abolì la Costituzione liberale del 1889 ripristinando quella più conservatrice del 1869. La legislatura parlamentare fu allungata da tre a cinque anni, il reato di lesa maestà vide inasprite le pene, la libertà di stampa fu ridotta. Furono portate avanti politiche per favorire il commercio e l'agricoltura. Con queste politiche l'economia della Serbia crebbe immediatamente e la paralisi amministrativa cessò del tutto.

Nel 1897 l'esercito greco di Giorgio I e quello ottomano di Abdul-Hamid II si affrontarono in battaglia. In gioco c'era l'indipendenza dell'isola di Creta dalla Turchia. Nonostante la grande eco internazionale di questo conflitto, Alessandro decise di rimanere neutrale. Nello stesso anno, nominò suo padre nuovo capo dell'esercito, probabilmente, per diminuire l'influenza militare russa sulla Serbia. La politica estera, sotto l'influenza di re Milan, fu tesa a mantenere buone relazioni con l'Impero Austro-ungarico, per questo sia l'Impero russo che il Principato del Montenegro allentarono i propri rapporti sia politici che economici col Regno di Serbia.

Il matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro I e Draga

Nell'estate del 1900, Alessandro annunciò il proprio fidanzamento con la nobile vedova Draga Mašin che fu dama di compagnia di sua madre, la regina Natalija. Re Milan che si trovava a Karlovy Vary per trovare tra la nobiltà tedesca una moglie per Alessandro e il Primo ministro Vladan Đorđević che presenziava in rappresentanza della Serbia all'Esposizione Universale di Parigi non furono nemmeno consultati. Milan I e sua moglie Natalija con cui si era riconciliato protestarono aspramente e Đorđević si dimise. In molti ambienti la decisione di sposare la signora Mašin fu osteggiata, anche i sindacati protestarono violentemente.

Draga Mašin aveva quindici anni in più di Alessandro, era vedova di un ingegnere civile ceco ed aveva la fama di seduttrice: per questo era giudicato inopportuno che il sovrano la prendesse in moglie. Le veementi proteste di Milan I e della regina Natalija valsero loro l'esilio. Nonostante i grandi sforzi, Alessandro trovò notevoli difficoltà nel formare un nuovo governo. Il solo che si congratulò per la decisione fu lo Zar Nicola II, il che determinò un nuovo riavvicinamento con la Russia e una pacificazione delle proteste sindacali. Il matrimonio fu celebrato nel mese di agosto.

La politica di riconciliazione[modifica | modifica wikitesto]

Le forti tensioni interne dovute allo scandalo del matrimonio reale indussero Alessandro ad intraprendere molte nuove riforme per riconciliare a sé la nazione. Innanzitutto strinse un forte patto d'amicizia con l'Impero russo per assicurarsi la sua protezione e una politica estera sicura, poi diede vita a notevoli modifiche istituzionali e politiche. Nel 1901 promulgò una nuova Costituzione più liberale in cui comparve per la prima volta un sistema parlamentare bicamerale fondato sull'Assemblea nazionale e sul Senato; fu allargata la libertà di stampa.

L'Assemblea nazionale a Belgrado.

Il nuovo sistema parlamentare riconciliò i partiti politici col sovrano, ma la libertà di stampa fu utilizzata per criticare apertamente sui giornali sia il re, sia soprattutto la regina Draga la quale convinse Alessandro a nominare uno dei suoi fratelli erede provvisorio al trono. I fratelli di Draga erano assai impopolari, soprattutto erano mal visti dall'esercito, nei ranghi del quale iniziò a serpeggiare una volontà di rivolta.

La difficilissima situazione interna della Serbia vide la Russia e l'Austria assolutamente indifferenti dei destini di Alessandro che, divenuto assolutamente impopolare in patria smise di essere difeso anche in campo internazionale.

L'istituzione del Senato si rivelò un passo falso per Alessandro. La sua autonomia, infatti, era molta, e il re si sentì minacciato. Nel 1903 sospese la Costituzione giusto il tempo per decretare decaduti i senatori più anziani e i consiglieri più indipendenti per sostituirli con suoi fedelissimi: ciò irritò i partiti e gli uomini politici.

Consapevole della sua crescente impopolarità, Alessandro meditò di divorziare dalla regina Draga; contemporaneamente, decise di impegnare la Serbia in una campagna militare a fianco della Bulgaria per liberare la Tracia e la Macedonia dal dominio ottomano.

L'assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'estromissione dei senatori e dei consiglieri più critici, Alessandro riuscì a creare un Governo che gli fosse fedele. Nonostante avesse stabilito in via provvisoria che un fratello della regina avrebbe preso la corona di Serbia dopo la propria morte, in accordo col Governo, stabilì che il secondo figlio di Nicola I del Montenegro, il principe Mirko, divenisse il legittimo erede al trono di Serbia in caso la coppia reale non avesse avuto figli.

Gli alti ranghi dell'esercito guidati da Dragutin Dimitrijević tra i quali si era man mano fatta avanti l'idea di un colpo di stato, decisero di porre fine all'insicurezza dinastica e alle politiche del sovrano, mettendo sul trono Pietro Karađorđević, figlio del vecchio principe Aleksandar. All'alba dell'11 giugno 1903, i soldati circondarono il palazzo reale, un gruppo di ufficiali appartenenti alla società segreta Crna ruka (Црна рука), guidati dal capitano Dragutin Dimitrijević, vi fecero irruzione e catturarono Alessandro e Draga che si erano nascosti negli appartamenti privati. I due sovrani furono uccisi, i loro corpi mutilati, e i resti gettati a pezzi dalle finestre del palazzo. Furono sepolti nella chiesa di San Marco a Belgrado.

L'Assemblea nazionale e il Senato ripristinarono la costituzione del 1889 e ratificarono l'ascesa al trono di Pietro I.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro I di Serbia Padre:
Milan IV di Serbia
Nonno paterno:
Principe Miloš Obrenović
Bisnonno paterno:
Ospodaro Jevrem Obrenović
Trisnonno paterno:
Todor Mihailović
Trisnonna paterna:
Višnja Urošević
Bisnonna paterna:
Tomanija Bogićević
Trisnonno paterno:
Voivoda Antonije Bogićević
Trisnonna paterna:
Joka Bogićević
Nonna paterna:
Marija Catargiu
Bisnonno paterno:
Boiardo Costin Catargiu
Trisnonno paterno:
Boiardo Iordache Catargiu
Trisnonna paterna:
Principessa Ileana Rosetti
Bisnonna paterna:
Smaranda Balş
Trisnonno paterno:
Boiardo Gheorghe Balş
Trisnonna paterna:
Principessa Ruxandra Sturdza
Madre:
Natalie Keşco
Nonno materno:
Colonnello Petre Keşco
Bisnonno materno:
Maresciallo Ioniţă Keşco
Trisnonno materno:
Ioniţă Keşco
Trisnonna materna:
Tarsiţa Costache
Bisnonna materna:
Natalija Balş
Trisnonno materno:
Boiardo Gheorghe Balş
Trisnonna materna:
Principessa Ruxandra Sturdza
Nonna materna:
Principessa Pulcheria Sturdza
Bisnonno materno:
Principe Nicolae Sturdza
Trisnonno materno:
Principe Ioniţă Sturdza Vodă
Trisnonna materna:
Principessa Ecaterina Rosetti-Roznovanu
Bisnonna materna:
Principessa Maria Ghica-Comăneşti
Trisnonno materno:
Principe Dimitrie Ghica-Comăneşti
Trisnonna materna:
Principessa Zoe Rosetti-Răducanu

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze serbe[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Alessandro I Obrenović
Stemma
Re di Serbia
Trattamento di cortesia Sua Maestà
Trattamento colloquiale Vostra Maestà
Trattamento alternativo Sire
I trattamenti d'onore
Collare (e fondatore) dell'Ordine del Santo Principe Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Collare (e fondatore) dell'Ordine del Santo Principe Lazzaro
— 28 giugno 1889
Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine di Miloš il Grande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine di Miloš il Grande
— 11 dicembre 1898
Gran Maestro dell'Ordine di Takovo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Takovo
— 6 marzo 1889
Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 6 marzo 1889
Gran Maestro dell'Ordine di San Sava - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Sava
— 6 marzo 1889
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata

Onorificenze estere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano)
Cavaliere di Grande Stella del Leone e del Sole (Impero persiano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Grande Stella del Leone e del Sole (Impero persiano)
Fascia dei Tre Ordini (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei Tre Ordini (Portogallo)
— 1893

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Servia - King Alexander: The Regency in Encyclopaedia Britannica - 1911

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Serbia Successore State Flag of Serbia (1882-1918).svg
Milan I 1889-1903 Pietro I

Controllo di autorità VIAF: 56602717 LCCN: n/91/128424

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie