Alessandro Di Battista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Alessandro Di Battista
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Alessandro Di Battista
Luogo nascita Roma
Data nascita 4 agosto 1978
Titolo di studio Laurea in discipline dell'arte, della musica e dello spettacolo, Master di secondo livello in tutela internazionale dei diritti umani
Professione Scrittore
Partito Movimento 5 Stelle
Legislatura XVII
Gruppo Movimento 5 Stelle
Circoscrizione XV (Lazio 1)
Incarichi parlamentari

Vicepresidente della III commissione (Affari Esteri e Comunitari)

Pagina istituzionale

Alessandro Di Battista (Roma, 4 agosto 1978) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma e cresciuto a Civita Castellana[1], si è diplomato al liceo scientifico Farnesina della capitale con 46/60[2] e, dopo essersi laureato in discipline dell'arte, della musica e dello spettacolo (DAMS) presso la Università degli Studi Roma Tre ha conseguito un Master di secondo livello in tutela internazionale dei diritti umani alla Sapienza[3]. Successivamente ha lavorato un anno come cooperante in Guatemala, occupandosi di educazione e progetti produttivi nelle comunità indigene[1].

Nel 2008 si è occupato di microcredito e istruzione in Congo. Lo stesso anno si è occupato di diritto all'alimentazione per conto dell'UNESCO[4][5][6]. Ha inoltre collaborato col Consiglio italiano per i rifugiati, la Caritas e Amka onlus (organizzazione non governativa dedita alla realizzazione di progetti di sviluppo per i paesi australi)[5][6].

Nel 2010 è partito per il Sud America lavorando alla scrittura di un libro, Sulle nuove politiche continentali, che lo ha portato a viaggiare in Patagonia, Cile, Bolivia, Amazzonia, Ecuador, Colombia, Perù e Nicaragua[5].

A partire dal 2011 ha collaborato con il blog di Beppe Grillo pubblicando reportage sulle azioni di ENEL in Guatemala.[4]

Nel 2012 gli è stato commissionato un libro sui sicari sudamericani da parte della Casaleggio Associati. È quindi partito per Ecuador, Panama, Guatemala e Colombia e a fine anno ha pubblicato l'eBook Sicari a cinque euro, edito da Adagio (Casaleggio Associati), nel quale analizza l'origine del fenomeno del sicariato e propone alcune possibili soluzioni[7][8]. Per tale anno ha dichiarato un reddito imponibile di 3.176 euro[9].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 si è candidato con la lista Amici di Beppe Grillo alle comunali di Roma[4]. Entra poi nel Movimento 5 Stelle di cui diventa portavoce per il Lazio[1]. Il 3-6 dicembre 2012 si è candidato alle "parlamentarie" del Movimento 5 Stelle, risultando al 4º posto per la circoscrizione Lazio 1 della Camera dei Deputati[10]. Alle elezioni politiche italiane del 2013 è stato poi eletto deputato nella medesima circoscrizione e dal 7 maggio 2013 è vicepresidente della commissione Affari esteri e comunitari[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Di Battista, da Civita alla Camera Il grillino che ama il Sud America, Il Messaggero, 6 marzo 2013.
  2. ^ La maturità delle ministre: il "dramma" della Boschi, l'incubo della Madia
  3. ^ a b Alessandro Di Battista in Camera.it - XVII Legislatura, Parlamento italiano.
  4. ^ a b c Chi sono, alessandrodibattista.it. URL consultato il 16 novembre 2013.
  5. ^ a b c Dimissioni Giulio Terzi: Alessandro Di Battista (M5s) "Non bastano, vogliamo capire bene una vicenda oscura e nebulosa" (VIDEO), Huffington Post, 26 marzo 2013. URL consultato il 6 maggio 2014.
  6. ^ a b Di Battista, il grillino che litiga con la Bignardi sognava Amici, Il Messaggero, 9 febbraio 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  7. ^ Alessandro Di Battista - candidato "Parlamentarie" Movimento 5 Stelle, roma5stelle.com. URL consultato il 28 maggio 2013.
  8. ^ Alessandro Di Battista, Passaparola - Sicari a cinque euro - Alessandro Di Battista, 24 dicembre 2012. URL consultato il 27 maggio 2013.
  9. ^ Redditi, ecco le 'buste-paga' dei politici: Berlusconi perde 30 milioni, molti M5S sono a 0 euro, Quotidiano Nazionale, 14 aprile 2014. URL consultato il 21 maggio 2014.
  10. ^ Grillo è un compagno che sbaglia o un quattrinaro nemico di classe?, Il Foglio, 11 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]