Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein
Principessa Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein
Nome completo Alexandra Viktoria Auguste Leopoldine Charlotte Amalie Wilhelmine
Nascita Grünholz, Schleswig-Holstein, Prussia, 21 aprile 1887
Morte Lione, Francia, 15 aprile 1957
Padre Federico Ferdinando, Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Madre Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Consorte Principe Augusto Guglielmo di Prussia
Figli Principe Alessandro Ferdinando di Prussia

Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg ('Alexandra Viktoria Auguste Leopoldine Charlotte Amalie Wilhelmine zu Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg[1]; Holstein, 21 aprile 1887Lione, 15 aprile 1957) nata principessa di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg[1], divenne principessa di Prussia per matrimonio.

Famiglia d'origine[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era il duca Federico Ferdinando di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg[1], figlio maggiore del duca Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg e della principessa Adelaide di Schaumburg-Lippe; sua madre era la principessa Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg[1], figlia di Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg e della principessa Adelaide di Hohenlohe-Langenburg.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 22 ottobre del 1908[1], nella città di Berlino, Alessandra sposò il principe, e suo primo cugino, Augusto Guglielmo di Prussia, figlio dell'imperatore Guglielmo II di Germania e dell'imperatrice Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg, sorella della madre di Alessandra.

La coppia ebbe un figlio:[1]

Il matrimonio venne organizzato dall'Imperatore e dall'Imperatrice, ma fu relativamente felice. Alessandra fu, tra le nuore, la preferita di sua suocera, considerando il fatto che essa era anche sua nipote[2]. Una contemporanea della corte, la principessa Caterina Radziwiłł, commentò che Alessandra "si mostrava sempre disposta ad ascoltare sua suocera. Era una ragazza carina, bella e grassa, il tipo perfetto per la 'Deutsche Hausfrau' cara agli scrittori romantici tedeschi"[3]. Altri contemporanei scrivono che il matrimonio venne celebrato per amore, e che Alessandra era "incantevolmente carina e una ragazza brillante"[4]. La coppia programmò inizialmente di prendere la residenza in Schönhausen Palace a Berlino, ma cambiarono idea quando il padre di Augusto Guglielmo decise di lasciare al figlio Villa Liegnitz nel parco Sanssouci a Potsdam. La loro residenza si trasformò in un luogo di incontro per artisti e studiosi.

Alessandra e Augusto Guglielmo divorziarono il 16 marzo del 1920[1].

In seconde nozze Alessandra sposò, il 7 gennaio del 1922,[1] Arnold Rümann. Questo matrimonio non ebbe figli e terminò anch'esso con un divorzio nel 1933[1].

Dopo la seconda guerra mondiale, Alessandra visse in una roulotte nei pressi di Wiesbaden, dove si guadagnava da vivere come pittrice di paesaggi. Morì il 14 aprile 1957 in un hotel a Lione.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Principessa Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg Padre:
Federico Ferdinando di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Nonno paterno:
Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonno paterno:
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Trisnonna paterna:
Federica di Schlieben
Bisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Carlo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa di Danimarca
Nonna paterna:
Adelaide di Schaumburg-Lippe
Bisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo di Schaumburg-Lippe
Trisnonno paterno:
Filippo II di Schaumburg-Lippe
Trisnonna paterna:
Giuliana d'Assia-Philippsthal
Bisnonna paterna:
Ida di Waldeck-Pyrmont
Trisnonno paterno:
Giorgio I di Waldeck e Pyrmont
Trisnonna paterna:
Augusta di Schwarzburg-Sondershausen
Madre:
Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Nonno materno:
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Bisnonno materno:
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonno materno:
Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonna materna:
Luisa Augusta di Danimarca
Bisnonna materna:
Lovisa-Sofia Danneskjold-Samsøe
Trisnonno materno:
Christian Conrad Sophus Danneskiold-Samsøe
Trisnonna materna:
Johanne Henriette Valentine Kaas
Nonna materna:
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg
Bisnonno materno:
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonna materna:
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth
Bisnonna materna:
Feodora di Leiningen
Trisnonno materno:
Emilio Carlo di Leiningen
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i Darryl Lundy, Genealogia della principessa Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, thePeerage.com, 1 luglio 2006. URL consultato il 26 maggio 2010.
  2. ^ Radziwiłł, p. 38.
  3. ^ Radziwiłł, pp. 38-39.
  4. ^ Schwering, p. 92.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Catherine Radziwill, The Royal Marriage Market of Europe, New York, Funk and Wagnalls Company, 1915. ISBN 1112565515.
  • Axel von Schwering, The Berlin Court Under William II, London, Cassell and Company, Ltd., 1915. ISBN 1112105476.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]