Alepocephalidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alepocephalidae
Alepocephalus tenebrosus.jpg
Alepocephalus tenebrosus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Osmeriformes
Famiglia Alepocephalidae

Gli Alepocephalidae sono una famiglia di pesci ossei marini appartenenti all'ordine Osmeriformes.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Sono diffusi nell'oceano Atlantico orientale compreso il mar Mediterraneo, nell'oceano Indiano occidentale e nell'oceano Pacifico.

Nel mar Mediterraneo è presente una sola specie, Alepocephalus rostratus.

Si tratta di pesci abissali diffusi soprattutto sotto i 1000 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto di questi pesci è piuttosto vario. Di solito sono armati di denti piccoli e le aperture branchiali sono ampie; possiedono lunghe branchiospine. La linea laterale può mancare. Gli occhi sono spesso grandi, talvolta enormi. In genere la pinna dorsale, che è unica, e la pinna anale sono opposte, simmetriche e disposte nel terzo posteriore del corpo, vicino al peduncolo caudale. Alcune specie hanno invece corpo molto allungato, con pinne anale e dorsale lunghe e pinna caudale piccola o indistinta, rassomigliando così ai Macrouridae. La vescica natatoria manca.

La colorazione in molte specie è molto scura.

Mediamente la taglia di questi pesci è modesta, pari a qualche decina di cm, non oltre il metro anche nelle specie più grandi.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Poco nota.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Carnivori, si nutrono di invertebrati bentionici o planctonici.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Non hanno nessun interesse per la pesca.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono stati considerati in passato gli unici membri di un sottordine dei Salmoniformes o affini ai Clupeiformes.

Generi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci