Aleksej Michajlovič Remizov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aleksej Michajlovič Remizov

Aleksej Michajlovič Remizov (in russo: Алексей Михайлович Ремизов?; Mosca, 24 giugno 1877Parigi, 26 novembre 1957) è stato uno scrittore russo.

Dopo aver studiato scienze naturali, filosofia ed economia, ed in seguito paleografia, pubblicò dal 1908 al 1920, più di trenta volumi fra racconti, romanzi, fiabe leggende e rifacimenti.

Con questa sua opera, in modo analogo all'operazione condotta da Andrej Belyj, dal quale tuttavia egli si discosta, Remizov rinnovò alla base il romanzo in quanto genere letterario, lasciando nella letteratura russa un'impronta profonda ancora oggi avvertibile.

Accogliendo infatti l'esperienza del simbolismo e del decadentismo, Remizov la applica alla tradizione narrativa realista; la sua prosa, di andamento spesso lirico, è tutta ricostruita su giustapposizioni, richiami, apparizioni e, fortemente stilizzata, mostra un sapiente impiego della lingua letteraria più raffinata accanto ad espressioni tipiche del gergo e della poesia popolare.

Nel 1926 si trasferì a Parigi dove proseguì fino alla morte un'intensa attività letteraria.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo stagno - del 1907
  • Sorelle in Cristo - del 1910
  • La quinta peste - del 1912
  • Lo zar Massimiliano - dramma del 1920
  • Russia nel vortice - del 1927, scritto a Parigi

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51953667 LCCN: n/50/51063