Aleksandr Vasil'evič Mosolov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aleksandr Vasil'evič Mosolov, in russo: Алекса́ндр Васи́льевич Мосоло́в? (Kiev, 11 agosto 190011 luglio 1973), è stato un compositore sovietico naturalizzato russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mosolov nacque da una famiglia borghese a Kiev, durante il periodo Imperiale. Sua madre, Nina Aleksandrovna, era una cantante professionista, e gli impartì le sue prime lezioni di musica. Nel 1904 emigrarono a Mosca, e il padre morì l'anno successivo.

Studiò fino ai 16 anni, dopodiché, dopo aver lavorato in un ufficio, fu arruolato nell'esercito, ed ebbe in seguito vari traumi legati a questa sua esperienza di guerra.

Nel 1921, Mosolov fu ammesso al Conservatorio di Mosca sotto la guida di Reinhold Glière fino al 1925.

Stile musicale[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente Mosolov si ispirò al tardo romanticismo tedesco, ma le nuove esplorazioni della musica nel primo '900 lo coinvolsero molto, tanto che ne caratterizzarono il genere, fino a renderlo noto per le sue atmosfere "futuristiche", per le particolari armonie spesso dissonanti da lui usate. Utilizzò spesso anche melodie popolari.

Composizioni[modifica | modifica sorgente]

Opere per pianoforte[modifica | modifica sorgente]

  • Sonata nº 1 op. 3 (1924)
  • Sonata nº 2 op. 4 (1923–1924)
  • Sonata nº 3 op. 6 (inizialmente Op. 8, perduta; 1924)
  • Sonata nº 4 op. 11 (1925)
  • Sonata nº 5 op. 12 (1925)
  • Due notturni op. 15 (1926)
  • Tre pezzi op. 23a (1927)
  • Due danze op. 23b (1927)
  • Notti turkmene (1928)
  • Due pezzi su temi uzbechi op. 31 (1929)

Opere vocali[modifica | modifica sorgente]

  • Sphynx, cantata per tenore, coro e orchestra (1925)
  • Twilight op. 1 (1923–1924)
  • Due canzoni su testi rivoluzionari op. 1 (1920s)
  • Due poemi per voce e pianoforte op. 1 (1924)
  • Tre quartine per voce e pianoforte op. 6 (1920s)
  • Quattro canzoni op. 7 (n.d.)
  • Due poemi in forma di studi per voce e pianoforte (1925)
  • Tre tasti per voce e pianoforte op. 9 (n.d.)
  • Dieci impostazini dal Blok per voce ed ensemble op. 10b (1925)
  • Tre vocalizzi op. 13 (1925)
  • Sacrificio, quartina per voce e pianoforte op. 16 (1927)
  • Quattro impostazioni per voce e quartetto di strighe op. 17 (1926)
  • Tre scene infantili op. 18 (1926)
  • Quattro notizie giornalistiche op. 21
  • Scorpione per voce e pianoforte op. 25 (anni 20)
  • Tre brani lirici per voce e pianoforte op. 33 (inizialmente op. 7; 1929)
  • Tre canzoni per voce ed orchestra op. 33 (1930s)
    • 1. Canzone turkmena
    • 2. Canzone kirghiza
    • 3. Canzone afgana
  • Ninnananna turkmena per coro a cappella op. 33a (n.d.)
  • Rapsodia kirghiza per coro, solisti ed orchestra (ante 1936)

Musica da camera[modifica | modifica sorgente]

  • Op. 2, Tre pezzi lirici per viola e pianoforte op. 2 (1922–1923)
  • Op. 2, Elegy for cello and piano (n.d.)
  • Op. 5, Legend per violoncello e pianoforte (1924)
  • Op. 17, Ballad for clarinet, cello, and piano (initially Op. 10; lost; perf. 1925)
  • Sonata for cello and piano (1927)
  • Op. 21a, Viola Sonata (1920s)
  • Op. 24, String Quartet No. 1 (1926)
  • Op. 26, Four Cadences and a Coda for string quartet (1920s)
  • Op. 27, Dance Suite for piano trio (1920s)
  • Op. 30, Wind Quartet (n.d.)

Opere orchestrali[modifica | modifica sorgente]

  • 6 Sinfonie (op. 20, 1828-1829; 1950; 1950; 1959; 1965; incompiuta)
  • 5 Suite (Turkmena; Uzbeka, 1936; Kabardina; Canto delle slitte, 1955; Festiva, 1955)
  • Op. 9, Twilight (Crepuscolo, poema sinfonico, 1925)
  • Op. 14, Concerto No. 1 per pianoforte e orchestra (1927)
  • Op. 19, L'officina (Fonderia d'acciaio, poema sinfonico dal balletto "Steel", 1926–1927)
    • Op. 19, Stal, suite di balletto ("Acciaio", 1927)
  • Concerto No. 2 per pianoforte e orchestra, "su temi kirghisi" (1932)
  • Concerto per arpa (1939)
  • Concerto (1943)
  • Ode cerimoniale (1947)
  • Concerto per violoncello (1945-46)
  • Ouverture russa (1956)
  • Poema elegiaco, per violoncello (1961)
  • Kyrgyz Suite (1930s)
  • Op. 34, Concerto No. 2 for piano and orchestra (1932)
  • Uzbek Dance (1935)
  • Gavotte and Minuet (1935)
  • Concerto No. 1 for cello and orchestra (1935)
  • Turkmenian Overture (pre-1936)
  • Turkmenian Suite No. 1 (1936)
  • Turkmenian Suite No. 2 (1936)
  • Uzbek Suite (1936)

Opere per orchestra di strumenti popolari[modifica | modifica sorgente]

  • Suite:
    • Kuban (1950)
    • Arie del Kuban' (1951)
    • Partigiana (1952)
    • Adighezia (1952)
    • Paesi natii (1953)

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Op. 28, Hero (1927)
  • Op. 35, The Dam (1929)
  • Baptism of Russia (1930)

Balletti[modifica | modifica sorgente]

  • Op. 19a, Steel, ballet suite in four episodes (1927)
    • 1. Iron Foundry
    • 2. In Prison
    • 3. At the Ball
    • 4. On the Square

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22331931 LCCN: n85333428